Risalendo la Val Pettorina, Sottoguda è l’ultimo borgo prima di Malga Ciapéla e della Marmolada, in Veneto.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Sottoguda

Il borgo dei Serrai
Leggi di più

Borgo di Sottoguda
Comune di Rocca Pietore
Provincia di Belluno
Regione Veneto

Abitanti: 1.256
Altidutine: 1.143 m s.l.m.

Il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d’Italia 
Unione Montana Agordina 

Sito Unesco:
Le Dolomiti

Comune di Rocca Pietore
Via Capoluogo 2 - 32020 Rocca Pietore BL
tel 0437 721178

Risalendo la Val Pettorina, Sottoguda è l’ultimo borgo prima di Malga Ciapéla e della Marmolada, in Veneto. Antico villaggio le cui testimonianze scritte risalgono al 1260, si caratterizza per i numerosi tabièi, fienili in legno diffusi nell’area dolomitica di cultura ladina, usati dai contadini per il deposito del fieno e il ricovero del bestiame e degli attrezzi agricoli. L’agricoltura è stata per secoli la principale fonte di sostentamento della piccola comunità. Oggi sopravvive anche la tradizione della lavorazione artistica del ferro battuto grazie ad alcuni artigiani che hanno i loro negozi sulla strada che collega il borgo di Palue a Sottoguda.

La popolazione originaria della Val Pettorina e di Laste giunse dalle Valli dell’Adige e dell’Isarco al pari delle genti delle valli di Badia, Gardena, Fassa e Livinallongo. Anticamente il territorio di Rocca Pietore era un’arimannia longobarda. Le arimannie erano insediamenti di tipo militare posti a difesa di un dato territorio e facenti capo ad una fortificazione, come in questo caso l’antica Rocca Bruna (Rukepraun in tedesco), il cui territorio di competenze, intorno all’anno 1000, comprendeva anche l’alta Val di Fassa, il Livinallongo e forse parte dell’alta Val Badia, tutti territori dell’antica regione del Norico. Nel 1395 il territorio passò sotto il controllo della città di Belluno, riuscendo però a mantenere una forte autonomia, formalizzata nel 1417 con gli Statuti della Magnifica Comunità della Rocca. Questi trattati le permisero di assurgere a piccola repubblica che visse per 411 anni in uno stato di forte autonomia amministrativa. Al tempo esisteva persino un tribunale situato a Saviner, chiamato “el Banch de la Reson”, formato da capifamiglia eletti democraticamente. Questo status durò fino al 1806 quando l'arrivo di Napoleone Bonaparte mise fine a questo straordinario periodo storico. Da allora il destino del territorio de La Rocca rimase legato al Veneto, compreso il periodo della dominazione asburgica sul Lombardo Veneto (1813-1866).

L’edificio più antico di Sottoguda, l’unico risparmiato dall’incendio del 1881, è la chiesetta dedicata ai santi Fabiano, Sebastiano e Rocco, consacrata nel 1486 quando doveva servire una comunità costituita da una decina di abitazioni. Il campanile è del 1550 e l’altare del 1616. Subito dopo le ultime case inizia la gola dei Serrai di Sottoguda, un profondo canyon di circa due chilometri, oggi Parco di interesse regionale, che arriva fino alla conca di Malga Ciapéla, ai piedi della Marmolada. Il percorso si snoda fra alte rocce strapiombanti e interseca il corso del torrente Pettorina. Un tempo lungo i Serrai transitavano le mandrie di mucche e le greggi di capre dirette ai pascoli di alta montagna, e i carichi di legname e fieno condotti a valle dai boschi e dalle zone di sfalcio. In inverno, quando le cascare gelando ricoprono le pareti rocciose di uno spesso strato di ghiaccio, la gola diventa una palestra di arrampicata su ghiaccio tra le più apprezzate d’Europa.

Nel cuore delle Dolomiti, a Sottoguda, si estende la Gola dei Serrai, unica al mondo. Sono lunghi circa 2 chilometri, con pareti a picco alte centinaia di metri con poco spazio tra l'una e l'altra. Percorsi per l'intero tratto dal piccolo torrente Pettorina, che nel suo infaticabile scorrere ha eroso le rocce fino a formare voragini e numerose grotte. La visita ai Serrai si può effettuare sia partendo da valle e salendo verso Malga Ciapela, sia provenendo dal versante opposto, scendendo verso Sottoguda. Lungo il percorso si potranno ammirare la splendida cascata di Franzei, che quando è ben alimentata arriva a lambire la strada, la piccola chiesetta di Sant'Antonio e più avanti la statua della Madonna dei Serrai, posta in una grotta naturale. Da sempre i Serrai sono stati fonte inesauribile di miti e leggende. La più famosa è quella di Re Ombro, che narra di come il sovrano abitasse nella gola, protetto da portoni d'oro massiccio. I Serrai sono stati dichiarati riserva naturale, visitabili sia d'estate che d'inverno, quando le numerose cascate ai lati della strada si ghiacciano.

Video di Marmoladafilms

Altre destinazioni nelle vicinanze

Colfosco - Kolfuschg
Colfosco - Kolfuschg
Il borgo di Colfosco si trova in Alto Adige, sulla strada che da Corvara porta in Val Gardena.
Bolzano - 15.79 KM da Sottoguda
Vigo di Fassa
Vigo di Fassa
Come quasi tutti gli altri borghi della Val di Fassa, risale al Medioevo, anche se le prime tracce umane nella zona risalgono al Paleolitico, quando cacciatori nomadi risalirono il torrente Avisio.
Trento - 20.17 KM da Sottoguda
Fornesighe
Fornesighe
Fornesighe si trova lungo la strada per il Passo Cibiana, nelle Dolomiti Bellunesi, in Veneto.
Belluno - 20.96 KM da Sottoguda
Predazzo
Predazzo
In origine nel territorio di Predazzo, in Trentino Alto Adige, c’erano dodici masi. ora è il borgo più popolato della Val di Fiemme.
Trento - 24.47 KM da Sottoguda
Bellamonte
Bellamonte
Il borgo di Bellamonte si trova nei pressi di Predazzo in Val di Fiemme.
Trento - 24.47 KM da Sottoguda
San Martino in Badia - St. Martin in Thurn
San Martino in Badia - St. Martin in Thurn
Il borgo ladino di San Martino in Val Badia si trova in Alto Adige.
Bolzano - 28.74 KM da Sottoguda

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di