Nel cuore della Murgia dei Trulli, a 50 chilometri da Bari, una graziosa distesa di pinnacoli annuncia Alberobello, con il suo caratteristico centro storico Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Alberobello

La capitale dei Trulli
Leggi di più
Borgo di Alberobello
Comune di Alberobello
Città Metropolitana di Bari
Regione Puglia
Abitanti: 10.725
Altitudine centro: 428 m s.l.m.
il Comune fa parte di:
Paesi Bandiera Arancione
Città dei sapori
Festa patronale
SS. Cosma e Damiano - 27 settembre
Comune di Alberobello
Piazza Del Popolo 31 - Alberobello (BA)
tel: 0804321655

Alberobello, noto per le sue caratteristiche abitazioni chiamate Trulli, fa parte della Valle d'Itria e della Murgia dei Trulli.
Al confine con Locorotondo, Martina Franca, Putignano, Noci e Castellana Grotte, Alberobello sorge su una collina di circa 420 metri sul livello del mare.
Il terreno è prevalentemente carsico e si mescola con terriccio/argilla rosso, che ben si adatta alla coltivazione di ulivi, mandorli, ciliegi e viti.

Riconosciuto Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall'UNESCO nel 1996 e premiato con la Bandiera Arancione dal Touring Club Italiano, è un groviglio di vicoli tortuosi, con più di 1000 trulli.

Cos’è un trullo?
I trulli sono piccole case in pietra senza finestre, o con una finestrella piccola e semplice a forma quadrata o rettangolare, di colore bianco con il tetto a cono grigio.

Rione Monti, Patrimonio UNESCO posto a sud del paese, è il quartiere più antico della città, insieme a Rione Aia Piccola, con oltre mille trulli e quindici vie intersecate tra loro.
Rione Aia Piccola, è anch'esso Patrimonio UNESCO, il cui nome richiama un ampio spiazzo che nei tempi addietro era utilizzato per la battitura del grano. Attualmente questa è l’unica zona in cui non sono presenti attività commerciali, il che la rende molto suggestiva.

Meritano assolutamente una visita Casa Pezzolla, un complesso di 15 trulli comunicanti posti sul lato orientale della storica piazza XXVII Maggio, oggi adibito a Museo del Territorio, e il Trullo Sovrano, l'unico trullo a due piani, che ospita spettacoli e concerti.

Secondo alcuni studi, i trulli di Alberobello risalirebbero alla metà del XIV secolo; all'epoca era comune abbattere e ricostruire gli edifici dissestati, piuttosto che ripararli. La costruzione a secco, senza malta, sembra sia stata imposta ai contadini nel XV secolo dai Conti di Conversano, per sfuggire a un’ordinanza del Regno di Napoli che imponeva tributi a ogni nuovo insediamento urbano. Tali edifici risultavano perciò costruzioni precarie, di facile demolizione e non tassabili.
In verità i trulli sono tutt’altro che precari, poiché la loro struttura interna, seppur priva di elementi di sostegno e collegamento, possiede infatti una straordinaria capacità statica.

La cucina di Alberobello è genuina ed è semplice sia nella preparazione che nei suoi ingredienti.
I piatti preparati sono l’espressione della tradizione culinaria dei contadini medioevali: breve cottura, utilizzo di ortaggi freschi, olio, verdura spontanea e legumi. Una cucina che si potrebbe definire “solare”, in cui l’elemento dominante è il pomodoro, fresco o “appeso”, ovvero raccolto in estate e tenuto al fresco per l’inverno.
Anche le polpette tradizionali alberobellesi non sono mai a base di carne bensì a base di uova, pane e formaggio. Vengono gustate fritte o con sugo di pomodoro fresco e basilico.
La pasta è uno degli elementi chiave, semplice sia nella forma che nella realizzazione, e ogni tipo ha il suo condimento.
I sughi col pomodoro fresco e il basilico hanno la cottura molto breve, così come tutte le preparazioni che richiedono il sapore immediato sulla pasta.
Per i ragù si preferisce l'utilizzo di carni bianche e cavallino e con quest'ultima si preparano le "brasciole": fette avvolte e farcite con pecorino, aglio o cipolla e prezzemolo.
Per questi sughi più impegnativi viene usata la salsa fatta in casa – come da tradizione - durante l'estate.
Piatto povero ma nutriente della cucina alberobellese, è il purè di "fave bianche", preparato in una capiente coppa di creta con un cucchiaio di legno adatto, accompagnato da cicorielle selvatiche bollite, da "orobanca" o da "cime di viti" in insalata.
La cucina alberobellese, considerata la sua vicinanza al mare, si caratterizza anche per le ricette a base di pesce, crostacei e mitili.

Alberobello è sul numero 4 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Video di Davi Drone

Altre destinazioni nelle vicinanze

Locorotondo
Locorotondo
Il borgo bianco di Locorotondo è il più bel balcone della Murgia dei Trulli. Dal suo belvedere si ammira un territorio che è a tratti emozionante ...
Bari - 8.12 KM da Alberobello
Cisternino
Cisternino
Il borgo di Cisternino, in Puglia, si affaccia sulla valle d'Itria, nella cosiddetta Murgia dei Trulli.
Brindisi - 16.55 KM da Alberobello
Polignano a Mare
Polignano a Mare
Polignano a Mare, in Puglia, è il paese natale di Domenico Modugno.
Bari - 23.66 KM da Alberobello
Grottaglie
Grottaglie
Il borgo di Grottaglie, in Puglia, è noto per la produzione di ceramiche artistiche.
Taranto - 28.35 KM da Alberobello
Ostuni
Ostuni
La Città Bianca di Ostuni è la località di maggiore attrazione turistica balneare della Puglia, caratterizzata da vicoli stretti e spiagge bianche.
Brindisi - 29.21 KM da Alberobello
Casamassima
Casamassima
Il borgo di Casamassima sorge a sudest di Bari, in Puglia.
Bari - 32.93 KM da Alberobello

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Civitas Medievale a Dozza: un viaggio nel tempo a due passi da Bologna
Civitas Medievale a Dozza: un viaggio nel tempo a due passi da Bologna
Da non perdere, all'inizio di marzo il borgo di Dozza ospiterà il pittoresco evento Civitas Medievale.
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Torna Bolgherirun, l'evento sportivo che permette di scoprire, attraverso il divertimento, il fantastico paesaggio della Toscana.
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di