Carpino, noto per la produzione di olio e fave, è considerato uno dei borghi più caratteristici del Parco Nazionale del Gargano.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Carpino

Tra fave e olio
Leggi di più
Borgo di Carpino
Comune di Carpino
Provincia di Foggia
Regione Puglia
Abitanti: 4.101
Altitudine centro: 147 m s.l.m.
il Comune fa parte di:
Città dell'olio
Aree naturali protette:
Parco Nazionale del Gargano
Riserva naturale Ischitella e Carpino
Festa Patronale
San Cirillo - 18 maggio
Comune di Carpino
Via Mazzini, 36 - Carpino (FG)
tel: 0884900711

Carpino, facente parte del Parco nazionale del Gargano e della Comunità montana del Gargano, è un noto centro per la produzione di olio e di fave.
Il suo territorio, prevalentemente collinare, si estende tra la Foresta Umbra a sud e il lago di Varano a nord. È confinante con Cagnano Varano, Ischitella, Monte Sant'Angelo e Vico del Gargano.

Le origini di Carpino risalgono all'anno mille, quando gli ultimi abitanti dell'antica Uria, importante città che in passato sorgeva sulle rive dell'attuale laguna, si rifugiarono tra i boschi di carpino a pochi chilometri dal Lago di Varano, in cerca di luoghi meno nocivi. L’origine del nome è incerta ma sembrerebbe legato alla presenza di caprioli o alla presenza di luoghi di allevamento (in latino volgare “Caprelis”) nei dintorni di Carpino oppure alla presenza di una folta foresta di carpini che, un tempo, ricoprivano la collina di Pastromele su cui, in seguito, venne edificato il paese.
Con il passare dei secoli il nome mutò prima in Crapino e poi successivamente in Caprino, fino all'attuale Carpino, così come riportato in un documento locale del 1628.
Il paese fu meta di diversi popoli dai nomi altisonanti come i Normanni, gli Angioini e gli Aragonesi. Ed è proprio ai Normanni che si deve la costruzione del Castello, che con la sua imponente mole domina tutto il centro storico.

Particolare e caratteristico è il centro storico, che rappresenta un vero gioiello di architettura. Le case sembrano addossate l'una sull'altra e le strade sono piccoli vicoli intervallati da scalinate, fiancheggiate da caratteristici poggioli detti "Mugnal". Originali sono i balconi a ballatoio che servivano non solo per accedere ai primi piani, ma anche per trascorrere un po' di tempo all'aperto. Percorrendo il centro, oltre a ciò che resta del Castello Normanno-Svevo, è possibile ammirare la Chiesa Madre, consacrata nel 1678 dal vescovo Vincenzo Maria Orsini, la cui costruzione presenta elementi di chiara ispirazione barocca ed è caratterizzata dall'elegante portale, dalle finte finestre laterali mistilinee e, soprattutto, dal fastigio a semicerchio che corona la facciata. In Piazza del Popolo, la piazza principale del paese, al culmine di una scala a rampe contrapposte, si erge la Chiesa di San Cirillo. Esistente dal 1310 con funzione di oratorio, fu rimodernata nel 1770 acquisendo uno stile barocco. Lateralmente all'edificio è presente l'antico portale romanico, che inizialmente costituiva l'ingresso principale.
Il suo interno è caratterizzato, sulla volta, dalla grande tela dipinta a tempera, raffigurante la Santissima Trinità e ai lati i medaglioni dei due Santi Patroni venerati a Carpino: San Cirillo d'Alessandria, vescovo e dottore della Chiesa, che si festeggia il 18 maggio e San Rocco pellegrino, che si celebra il 16 agosto.
Sulla collina di Pastromiele, invece, è posta la piccola Chiesa della Santa Croce, aperta solo due volte l'anno: il 3 maggio, giorno della Santa Croce, e il 14 settembre, giorno dell'Esaltazione della Croce.

L’importanza di Carpino è legata soprattutto al Carpino Folk Festival, manifestazione dedicata alla riscoperta, conservazione e promozione della musica popolare italiana che ogni anno, i primi dieci giorni di agosto, porta in scena personaggi rilevanti del panorama musicale.

Carpino è sul numero 3 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Video di Luigi Vendittelli

Altre destinazioni nelle vicinanze

Cagnano Varano
Cagnano Varano
Cagnano Varano, nel Parco Nazionale del Gargano, è nota per la famosa Grotta di San Michele.
Foggia - 7.09 KM da Carpino
Rodi Garganico
Rodi Garganico
Rodi Garganico, definito il “Giardino del Gargano”, si caratterizza per la sua estensione e per essere un paesaggio assai variegato.
Foggia - 9.79 KM da Carpino
Vico del Gargano
Vico del Gargano
Vico del Gargano è definito il paese dell'amore e il suo centro storico è tra i meglio conservati del promontorio
Foggia - 10.15 KM da Carpino
Peschici
Peschici
Peschici, suggestivo borgo marinaro facente parte del Parco Nazionale del Gargano, è una meta gradita dai turisti in vacanza sul Gargano.
Foggia - 17.38 KM da Carpino
Monte Sant'Angelo
Monte Sant'Angelo
Monte Sant’Angelo, sede del Parco Nazionale del Gargano, è considerata la città sacra del Gargano.
Foggia - 17.99 KM da Carpino
San Giovanni Rotondo
San Giovanni Rotondo
Immerso nel verde del Parco Nazionale del Gargano, San Giovanni Rotondo è un importante polo del turismo religioso internazionale, grazie alla figura di Padre Pio.
Foggia - 18.09 KM da Carpino

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di