Immerso nel verde del Parco Nazionale del Gargano, San Giovanni Rotondo è un importante polo del turismo religioso internazionale, grazie alla figura di Padre Pio.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

San Giovanni Rotondo

La casa di San Pio da Pietrelcina

Le tradizioni gastronomiche di San Giovanni Rotondo sono perfettamente in linea con la lunga tradizione della cucina del Gargano, caratterizzata da una cucina povera composta da ingredienti che vengono principalmente dalla terra.

I cardini della gastronomia di San Giovanni Rotondo sono i prodotti locali, come l’olio, il grano, verdure, frutta e pesce dell’Adriatico, ma anche il grano rappresenta un elemento molto importante.

Molti sono i piatti preparati con il pane come ad esempio le zuppe, in cui viene utilizzato il pane raffermo, il Pancotto, una pietanza antica della tradizione del Gargano.

Per quanto riguarda la pasta è impossibile non citare le orecchiette, create dalle mani esperte delle massaie pugliesi.
Altra pasta tipica sono i Troccoli che prendono il nome da un attrezzo di legno con lame circolari con cui si produce.
I Troccoli sono dei tagliolini di pasta fresca a grana ruvida, ottimi con salse e sugo di pomodoro. Di colore giallino brillante per l’impiego delle uova, sono preparati a base di semola di grano duro dei mulini del Foggiano. Si riconoscono dalla lunghezza di 30-40 centimetri e dalla forma cilindrica di spessore di 3-4 millimetri e va conservata in frigo per un periodo di 2-3 giorni.

Anche i formaggi occupano un posto di eccellenza nella tradizione gastronomica di San Giovanni Rotondo.
Tra i migliori esempi troviamo il pecorino, il Canestrato, ossia un formaggio a pasta dura ricavato dal latte di pecora, trattato solo con caglio d’agnello ed essiccato con bucce di limone, arancio e foglie d’ortica e il Caciocavallo Podolico, un formaggio ricavato dal latte delle vacche Podoliche, così chiamate perché derivano dalla Podolia, una regione che si trova in Ucraina.

Tra i vini del territorio al primo posto c’è il Vino rosso, conosciuto come “U’filippon”.
È un vino da tavola di colore rubino tendente al rosso mattone dopo l’invecchiamento, prodotto dagli agricoltori della zona con metodologie che garantiscono un’alta qualità. Aspetto brillante, odore vinoso con gradevole, intenso profumo non privo di finezza, il vino ha un sapore asciutto, fresco, temperato, pieno, armonico. Accompagna ottimamente i piatti di carne della cucina regionale quali agnello o capretto al forno, carni alla griglia, ragù di coniglio o alla contadina. Ha una gradazione minima di 11,5° ed è l’ideale per degustazioni con pane casereccio e caciocavallo podolico o pecorino.

Altre destinazioni nelle vicinanze

Monte Sant'Angelo
Monte Sant'Angelo
Monte Sant’Angelo, sede del Parco Nazionale del Gargano, è considerata la città sacra del Gargano.
Foggia - 9.4 KM da San Giovanni Rotondo
Cagnano Varano
Cagnano Varano
Cagnano Varano, nel Parco Nazionale del Gargano, è nota per la famosa Grotta di San Michele.
Foggia - 17.85 KM da San Giovanni Rotondo
Carpino
Carpino
Carpino, piccolo centro agricolo, è considerato uno dei borghi più caratteristici del Parco Nazionale del Gargano.
Foggia - 18.09 KM da San Giovanni Rotondo
Vico del Gargano
Vico del Gargano
Vico del Gargano, in Puglia, è soprannominato il paese dell'amore.
Foggia - 25.22 KM da San Giovanni Rotondo
Rodi Garganico
Rodi Garganico
Il borgo di Rodi Garganico si trova in Puglia, all'interno del Parco Nazionale del Gargano.
Foggia - 27.66 KM da San Giovanni Rotondo
Peschici
Peschici
Peschici, suggestivo borgo marinaro facente parte del Parco Nazionale del Gargano, è una meta gradita dai turisti in vacanza sul Gargano.
Foggia - 32.22 KM da San Giovanni Rotondo

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di