Il borgo alpino di Sauris, in Friuli Venezia Giulia, incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, è noto per il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer. Sauris, Borgo Autentico d'Italia, famoso per il suo Prosciutto affumicato
 
CERCA PER ZONA

Sauris

Una lacrima di Carnia

Comune di Sauris
Provincia di Udine
Regione Friuli Venezia Giulia

Abitanti: 405
Altitudine: 1400 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Borghi Autentici d’Italia

Festa Patronale
Sant'Osvaldo - 5 agosto

Comune di Sauris
Via Roma 39 - Sauris di Sotto (UD)
Tel. +39 0433 86245

Pro Loco Sauris Zahre
Tel. +39 0433 86076

Carnia Musei

Il borgo alpino di Sauris, incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, è noto per il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre BeerZahre, lacrima  nella lingua locale, si trova in Val Lumiei, all’interno della regione storica della Carnia, che vanta alcuni tra i più bei paesaggi montani d’Italia. Nel suo territorio c’è un bellissimo lago, considerato uno dei bacini artificiali più grandi del Friuli Venezia Giulia, creato dallo sbarramento del torrente Lumiei. Il suo territorio si compone di alcune piccole borgate tutte da scoprire, come Sauris di Sotto (sede municipale), Sauris di Sopra, Lateis, La Maina e Velt. Sauris di Sopra è detto localmente Plozn, mentre Sauris di Sotto Dörf, dal prelatino savira, cioè corso d’acqua. Una delle particolarità della comunità di Sauris è quella di parlare una lingua propria, derivata dall’antico tedesco, che si è potuta conservare, a partire dalla sua fondazione, grazie ad un isolamento durato secoli. Il tipico dialetto locale, il saurano, conserva alcuni tratti arcaici, a differenza dei dialetti tirolesi ai quali è collegato, e la popolazione è in linea di massima trilingue, parlando anche l’italiano e il friulano. Le particolari condizioni ambientali e le difficoltà di collegamento con i borghi limitrofi, hanno permesso di mantenere consistenti tradizioni non solo nella lingua, ma anche nella gastronomia e nelle feste religiose e popolari, come il rito del Carnevale, che qui vede come protagonisti il Rölar, ricoperto di fuliggine e dotato di rumorosi campanacci e il Kheirar, armato di una grande scopa.

Il borgo di Sauris è raggiungibile risalendo la stretta valle del Lumiei, una conca verde dominata dalle Dolomiti che si specchia nelle acque multicolori del suo lago. Costellato da malghe e pascoli, la tradizione vuole che il borgo sia stato fondato da coloni giunti dall’Austria, che portarono in questa vallata usi e costumi della loro terra d’origine. Una particolarità del paesaggio di Sauris è rappresentata dalle tipologie architettoniche. A Sauris di Sopra si trova la Chiesa di San Lorenzo, che presenta un campanile con un'alta cuspide ricoperta di scandole, mentre al suo interno è custodito un altare del 1551, opera di Michael Parth. Qui è possibile visitare anche il Centro Etnografico Haus van der Zahre. Il Santuario di Sauris di Sotto conserva un altro altare (1524), opera dello stesso Micheal Parth, che presenta preziosi sportelli in legno intagliato. Vi sono inoltre numerosi ex voto dei pellegrini che per secoli vennero fin quassù per venerare Sant’Osvaldo, del quale viene conservata una reliquia. Nei pressi del santuario si trova anche il Centro Storiografico Sant’Osvaldo. Entrambe le esposizioni fanno parte del sistema museale della Carnia. Il borgo di Sauris è infine legato a quello del suo squisito prosciutto crudo leggermente affumicato, secondo la ricetta della tradizione saurana. Ideale per accompagnare il prosciutto la birra locale. La vastità dei pascoli alpini permette di produrre anche il gustoso formaggio di malga.

La storia 
La leggenda vuole che la comunità di Sauris sia stata fondata tra il XIII e il XIV secolo da due soldati tedeschi che, stanchi della guerra, fuggirono dall’Austria per trovare rifugio in questa valle isolata e impervia. I dati storici però fanno pensare piuttosto ad una immigrazione più numerosa, avvenuta intorno al XIII secolo dalle valli di Lessach e Pusteria. l'immigrazione sia avvenuta in realtà dalla valle di Lessach e dalla Pusteria nel XIII secolo. Sauris è attestata per la prima volta nel 1280, periodo nel quale divenne probabilmente un feudo. L’impianto idroelettrico di Lumiei, infine, che comportò lo sbarramento del torrente e l’allagamento della località La Maina, i cui ruderi restano oggi sott’acqua, fu costruito tra il 1941 e il 1948. Data la scarsità di manodopera dovuta al secondo conflitto mondiale, furono coinvolti nella costruzione anche 300 prigionieri di guerra neozelandesi.

Sauris è sul numero 1 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Video di Addicted 2 Games

Altre destinazioni nelle vicinanze

Sappada
Sappada
Il borgo di Sappada è situato in Friuli Venezia Giulia, poco distante dal confine con l'Austria.
Udine - 11.9 KM da Sauris
Maniago
Maniago
Il borgo di Maniago si trova in Friuli Venezia Giulia.
Pordenone - 32.27 KM da Sauris
Venzone
Venzone
Il borgo di Venzone è un gioiello fortificato tra i paesaggi montani del Tagliamento e del Canal del Ferro, in Friuli-Venezia Giulia.
Udine - 35.48 KM da Sauris
Fornesighe
Fornesighe
Fornesighe si trova lungo la strada per il Passo Cibiana, nelle Dolomiti Bellunesi, in Veneto.
Belluno - 41.38 KM da Sauris
San Candido
San Candido
San Candido, nell'Alta Pusteria, è una rinomata località turistica invernale ed estiva delle Dolomiti, inclusa nel parco naturale Tre Cime.
Bolzano - 44.98 KM da Sauris
Fagagna
Fagagna
Fagagna, il borgo degli asini, sorge su un colle a nord-ovest di Udine, in una posizione da cui si aprono bellissimi scorci sulle colline circostanti e sulla pianura.
Udine - 47.94 KM da Sauris

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di