Arquà Petrarca è uno dei Borghi più belli d'Italia, Paese Bandiera Arancine e rinomata Città dell'Olio. Borgo medievale tra i meglio conservati del Nord Italia, vi passò i suoi ultimi anni il poeta Franceco Petrarca. L'ultima dimora di Francesco Petrarca
 
CERCA PER ZONA

Arquà Petrarca

La casa del Poeta

Comune di Arquà Petrarca
Provincia di Padova
Regione Veneto

Abitanti: 1.837
Altitudine: 80 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Città dell'olio
Paesi bandiera arancione
Strada del Vino dei Colli Euganei

Aree naturali protette:
Parco regionale dei Colli Euganei

Comune di Arquà Petrarca
Piazza San Marco 1 - Arquà Petrarca (PD)
Tel. +39 0429 777100

Pro Loco Arquà Petrarca
Via Castello 6 - Arquà Petrarca (PD)
Facebook

Parco Letterario Francesco Petrarca e Colli Euganei

Arquà Petrarca è uno dei borghi medievali meglio conservati del nord Italia, inserito tra i Borghi più belli d'Italia, i Paesi Bandiera Arancione del Touring Club Italiano e le Città dell'Olio. Di origine trecentesca, è famoso per essere stato scelto dal poeta Francesco Petrarca come buen retiro negli ultimi anni della sua vita. Qui si trovano la casa, la tomba e una fontana a lui dedicata.

Le vecchie case in pietra chiara, le chiese, le antiche dimore cinquecentesche e le rampe che collegano la parte bassa alla parte alta del borgo immergono il visitatore in un’atmosfera rurale e luminosa. Disseminati per le vie del borgo si notano vecchi lavatoi, abbeveratoi e fontane, tra le quali quella intitolata al Petrarca. L’arco frontale in pietra di Nanto reca inciso un distico in latino: “Fonti numen inest , hospes: venerare liquorem, unde bibens cecinit digna Petrarcha deis” (Un nume abita in questa fonte, o straniero: venera quest’acqua, bevendo la quale il Petrarca poté cantare versi divini). Sul sagrato della Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta, documentata sin dal 1026, si erge anche la Tomba del Petrarca, in marmo rosso di Verona, costruita sei anni dopo la morte del poeta. Nella parte alta del borgo, in Piazza Petrarca sorge Palazzo Contarini (XV secolo), in stile gotico veneziano e, accanto ad esso, una singolare Osteria detta “del Guerriero”. A dominare il borgo si erge l’Oratorio della Santissima Trinità con la suggestiva Loggia dei Vicari, un tempo impreziosita dagli stemmi, ora presenti, solo all’interno, dei nobili padovani che, per conto della Serenissima, si succedettero nell’amministrazione del borgo. Restano da scoprire la Fondazione Musicale “Masiero e Centanin”, il cui museo espone 25 antichi pianoforti, risalenti al XVIII e al XIX secolo, e la Casa del Petrarca, circondata dagli orti curati dallo stesso poeta, che qui trascorse i suoi ultimi quattro anni di vita, dal 1370 al 1374 Nei pressi del borgo sono da segnalare infine l’insediamento peri lacustre del Laghetto della Costa, oggi sito UNESCO, dove sono stati rinvenuti i resti di un antico insediamento databile tra il XXIII e il XV secolo a.C., il simbolico e suggestivo Giardino di Valsanzibio della seconda metà del Seicento.

La storia
Attestato già nel 985, il borgo si è sviluppato sui crinali di due colline, digradanti su una fascia pianeggiante in direzione Vicenza a forma di arco, da cui il nome latino Arquatum. Il territorio fu abitato dagli antichi Veneti, che nel 50 a.C. si allearono con Roma contro i Galli, ai tempi dell’imperatore Augusto. Centro politico amministrativo longobardo, era probabilmente posto sulla linea difensiva tra la Rocca di Monselice e il territorio vicentino. Intorno all’anno Mille Rodolfo il Normanno fondò qui il suo castello, attorno al quale si sviluppò il borgo che fu abitato alla fine del Trecento dal Petrarca. Feudo dei Marchesi d’Este nel Duecento, fino al 1405 fu un possedimento della Signoria Carrarese, che trasformò il borgo in Vicaria. Con il subentro della Serenissima, il borgo conobbe il periodo di massimo splendore, testimoniato dalle belle dimore, costruite dai nobili padovani e veneziani, e dall’assetto urbanistico visibile tuttora. Nel 1868 aggiunse al nome Arquà quello del Petrarca. 

Il borgo e il poeta
Nel 1365 Francesco Petrarca diventa canonico nella vicina Monselice. Nel 1369 Francesco il Vecchio gli donò un appezzamento di terreno nel borgo, dove il poeta certamente si recò per seguire i lavori di restauro di quella che diventò la sua ultima dimora. Così il poeta descrisse Arquà, il suo buen retiro: “vasti boschi di castagni, noci faggi, frassini, roveri coprivano i pendii di Arquà, ma erano soprattutto la vite, l’olivo e il mandorlo che contribuivano a creare il suggestivo e tipico paesaggio arquatense”.

La Tavola
Il prodotto principe del borgo è la giuggiola, mentre a tavola immancabili sono i bigoli al ragù, spaghettoni fatti a mano passati al torchio, conditi con ragù di manzo, vitello, maiale, funghi porcini e sugo di pomodoro.

Video di Manuel Minchio

Altre destinazioni nelle vicinanze

Montagnana
Montagnana
Montagnana, borgo certificato con la Bandiera arancione dal TCI, é anche uno dei borghi dell'associazione I borghi più belli d'Italia, per le sue bellezze storiche e per la valorizzazione dei suoi prodotti tipici.
Padova - 19.98 KM da Arquà Petrarca
Chioggia
Chioggia
Chioggia si trova ai margini meridionali della Laguna di Venezia, in Veneto.
Venezia - 44.41 KM da Arquà Petrarca

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Sulla sponda occidentale del Lario, a pochi chilometri da Menaggio, di fronte a Bellagio e Varenna, sorge un piccolo borgo antico, meritevole di una bella gita primaverile
By Joni Scarpolini
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di