Il territorio di Pieve di Soligo ed i suoi borghi si trova in Veneto, incorniciato a nord dalla corona delle Prealpi Bellunesi.

 
CERCA PER ZONA

Pieve di Soligo
La perla del Piave

Comune di Pieve di Soligo
Provincia di Treviso
Regione Veneto

Abitanti: 12.060 (10.193 nel borgo)
Altitudine centro: 132 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città del vino

Comune di Pieve di Soligo
Via E. Majorana 186 - Pieve di Soligo (TV)
Tel. +39 0438 985311

Pro Loco Pieve di Soligo
Via Battistella 1 - Pieve di Soligo (TV)
Tel. +39 321 123123

Il nome del borgo deriva dall'antica pieve che nel XIII secolo venne diviso in diverso entità territoriali (dal latino plebs), tra le quali la pieve del Trevisan, sulla riva destra del fiume Soligo, e quella del Contà, sulla riva opposta. Queste giurisdizioni erano analoghe alle fare longobarde, da cui proviene infatti il nome della vicina Farra di Soligo, e furono oggetto di attenzione da parte di autorità religiose e civili, che intervennero più volte per dirimere le continue diatribe, sfociate talvolta anche in fatti di sangue, motivate da supposti diritti di giurisdizione che entrambe vantavano. Questa situazione cessò, una prima volta, durante l'epoca napoleonica, quando il gen. Fiorella, a nome di Napoleone, elesse Pieve di Soligo a sede di Municipalità e di giudice di pace, nel Cantone e Distretto di Treviso. Nel 1797, in seguito al Trattato di Campoformido, il Quartier del Piave passò, come la Repubblica Veneta, all'Austria, rimanendo sotto tale dominio fino alla Terza guerra d'indipendenza.

Pieve di Soligo è uno dei più antichi agglomerati rustici del Quartier del Piave. Ritrovamenti archeologici indicano un probabile insediamento già in epoca romana. Il centro storico offre numerose emergenze architettoniche degne di interesse, quali la seicentesca villa Chisini-Daniotti, i coevi palazzo Ciassi e Morona con la chiesetta barocca della Madonna del Carmine, l'ottocentesco palazzo Balbi Valier e l’adiacente Borgo Stolfi. Raggiungendo piazza Vittorio Emanuele II si nota l’ottocentesca Loggia dei Grani, mentre sulla piazza principale si affacciano la Biblioteca comunale "Battistella-Moccia", annesso Auditorium comunale "Battistella-Moccia" e il restaurato edificio dell’albergo Stella d’oro. L’imponente duomo dedicato a Santa Maria Assunta, risale ai primi anni del ‘900, e conserva al suo interno una pala di Francesco da Milano (1540), una “crocifissione” di Giovanni Possamai, una “Vergine con Gesù Bambino” di Marta Sammartini e la tomba di Giuseppe Toniolo. In prossimità del cimitero, al termine della Cal Santa, il percorso della Via Crucis, sorge l’oratorio del Calvario, una semplice cappella del XVI secolo con un bel crocifisso e alcuni decorazioni a stucco.

Borgo Stolfi
Situato lungo il fiume Soligo, è uno dei borghi storici di Pieve. Occupa la sponda destra del fiume, all'altezza della chiesa parrocchiale, dove il Soligo fa un'ansa, in prossimità del ponte. Le strutture architettoniche che lo costituiscono, sono tipiche palazzine di due o tre piani adiacenti l'una all'altra, secondo il tradizionale stile dei borghi del Veneto orientale. Qui si trova inoltre la vecchia roggia colla ruota da mulino alimentata dal Soligo.

Cal Santa
La Cal Santa è una delle vie più antiche del centro storico: inizia poco ad est della chiesa parrocchiale, dove sorge un vecchio borgo, e prosegue fino all'area del cimitero, segnata da una via Crucis. Questa calle è luogo topico nel corpus poetico di Andrea Zanzotto, nato a Pieve nel 1921, che spesso la trasfigura attraverso il nome di Contrada Zauberkraft, andando a idealizzarne e ricostruirne il "sostrato antropologico".

Le colline di Solighetto offrono in tutte le stagioni straordinarie opportunità di contatto con la natura e punti di osservazione sulla pianura e sulla corda collinare che precede le Prealpi Trevigiane da Vittorio Veneto a Vidor, da Follina a Cison. La piazza di Solighetto è un piccolo gioiello di semplice compostezza chiusa sui suoi lati dall’ottocentesca chiesa parrocchiale dedicata all’Immacolata Concezione e dalla ex Villa Brandolini, al centro della piazza una fontana. La chiesa eretta in occasione della proclamazione del dogma dell’Immacolata Concezione è un esempio di coerenza esecutiva insolita per le chiese del territorio. Un’elegante bassorilievo in marmo bianco raffigura la morte del conte Gerolamo Francesco Brandolini Rota e sul soffitto spicca l’affresco di Giovanni De Min.

Il fiume Soligo divide il borgo in due contrade chiamate Contà e Trevisan. C'è una grande rivalità tra le due contrade, tanto che in occasione della sagra paesana chiamata Lo Spiedo Gigante, si svolge, tra i vari eventi, anche il Tiro alla Fune che un tempo si disputava a cavallo del ponte sul Soligo.

Video di Qdpnews it

Altre destinazioni nelle vicinanze

Follina
Treviso - 7.25 KM da Pieve di Soligo
Cison di Valmarino
Treviso - 8.24 KM da Pieve di Soligo
Asolo
Treviso - 22.82 KM da Pieve di Soligo
Polcenigo
Pordenone - 29.34 KM da Pieve di Soligo
Ponte di Piave
Treviso - 30.42 KM da Pieve di Soligo
Mezzano
Trento - 40.1 KM da Pieve di Soligo

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
Un viaggio alla scoperta di cinque località incantevoli arroccate nell’austerità della roccia del Belpaese
By Pier Volpato
Ricetta: Strangozzi al tartufo nero, eccellenza di Norcia
Una pasta artigianale, tipica dei borghi umbri e con il blasonato tartufo nero: uno dei fiori all’occhiello della gustosa gastronomia di Norcia, nel cuore della Valnerina
By Luciana Francesca Rebonato
5 borghi imperdibili dell’appennino tosco-emiliano
Fiumalbo, Compiano, Bagnone, Castelnuovo di Garfagnana e Coreglia Antelminelli, gioielli dell’appennino.
By Luca Sartori
Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani
Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
By Luciana Francesca Rebonato
Un itinerario lungo la Strada Romantica delle Langhe e del Roero tra borghi, castelli e vigneti piemontesi
La Strada Romantica delle Langhe e del Roero, un incantevole viaggio per vigne, borghi e castelli del Piemonte
By Pier Volpato
Salpa alla scoperta dei borghi più belli custoditi nel cuore della Sardegna
Un itinerario nel cuore del Mediterraneo, un viaggio alla scoperta di cinque tra i borghi più belli della Sardegna
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi