Il piccolo borgo di Monte Vidon Corrado, luogo natale di Osvaldo Licini, si trova sulla dorsale collinare che domina la Valle del Tenna, a metà strada tra i monti Sibillini e l'Adriatico.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Monte Vidon Corrado

Profondissima quiete liciniana
Leggi di più

Borgo di Monte Vidon Corrado
Comune di Monte Vidon Corrado

Provincia di Fermo
Regione Marche

Abitanti: 731
Altitudine centro: 429 m s.l.m.

Comune di Monte Vidon Corrado
Piazza Osvaldo Licini 6 - Monte Vidon Corrado (FM)
Tel. +39 0734 759348 (int.5)

L'origine del borgo di Monte Vidon Corrado è tuttora poco chiara, poiché le notizie storiche si mescolano con elementi leggendari e favolosi. Sebbene non si conoscano reperti archeologici risalenti all’epoca preromana rinvenuti nel territorio comunale, la contiguità con Falerone (Falerio Picenus) lascia pensare che anche sulle colline montevidonesi vi fossero insediamenti rimandanti al III secolo a.C., quando il Piceno entrò nella sfera di influenza di Roma.

Il fortilizio di Monte Vidon Corrado fu nominato per la prima volta in un documento del 1229, nel pieno della lunga lotta tra il Papato e l’imperatore Federico II, associato ad un gruppo di castelli appartenenti a signori laici di stirpe longobarda o normanna con cui costituì un baluardo militare- feudale alquanto ricco e unitario. Nel 1300 passò sotto la giurisdizione della città di Fermo per poi subire il dominio dei Malatesta tra il 1413 e il 1416, anno in cui Ludovico Migliorati, Signore di Fermo recuperò Monte Vidon Corrado insieme a Mogliano, Falerone, Massa e Montappone. Dal secolo XVI fino al 1860 Monte Vidon Corrado fu stabilmente sotto il dominio dell’amministrazione pontificia, facente parte della Delegazione Apostolica di Fermo, e la sua storia si confuse con quella di Monte Giorgio “di cui subì l’avversa e prospera fortuna”. Non risultano altre fonti d’archivio che possano fornirci dati certi e attendibili, eccetto quelle riguardanti la popolazione che alla fine del XIX secolo era di 1300 abitanti di cui solo 150 vivevano nel centro principale.

Nella parte alta del paese sono ancora visibili due torrioni che appartenevano alla cinta muraria del castello medievale risalente ai secoli XIV-XV. Legata a questo castello è la leggenda di Corrado, figlio di Fallerone I, che avrebbe aiutato il fratello Guidone contro un feudatario vicino che ne voleva assoggettare il territorio. Il messaggero, giunto a cavallo, avrebbe consegnato a Corrado una missiva su cui era scritto: "Corri Corrado che Guidon combatte". Da qui si fanno derivare i toponimi di Monte Vidon Corrado e Monte Vidon Combatte.

Piazza della Vittoria rappresenta il cuore del paese che conserva quasi intatta la struttura architettonica del castello medievale. Qui si affacciano alcuni palazzi signorili, la canonica da cui si accede ad uno dei torrioni dell’antica fortezza e la chiesa parrocchiale dedicata a San Vito Martire. Dalla piazza si diramano vicoli e piazzette su cui si affacciano eleganti abitazioni civili, un palazzotto quattrocentesco con decorazioni in cotto e arco ogivale senese, il centro studi e la casa natale del pittore Osvaldo Licini. Un tempo nel centro storico (precisamente nel palazzo in cui oggi si trova l’archivio comunale) era presente una sorta di ambulatorio e pronto soccorso in cui medici e infermieri visitavano ed eseguivano piccoli interventi chirurgici, l’Ospedale Ilari. Vi erano poi alcune classi della scuola, delle botteghe di artigiani (come quella del calzolaio e del fabbro, forse da qui deriverebbe il nome di via Fucina), una locanda e ovviamente la sede del municipio che è presente ancora oggi.

Il panorama che si può ammirare a Monte Vidon Corrado spazia dal mare Adriatico ai monti Sibillini, dalle campagne coltivate ai suggestivi borghi arroccati sulle colline circostanti. L’incantevole terrazzo panoramico attiguo alla casa di Osvaldo Licini e il parco pittorico che nella bella stagione si tinge dei colori della tavolozza liciniana sono luoghi privilegiati per potersi immerge in quella natura suggestiva e incontaminata che tanto amò il grande maestro di Monte Vidon Corrado.

Una menzione speciale va all'enogastronomia marchigiana, ai prodotti tipici del territorio del borgo, quali olio d'oliva, insaccati e formaggi, sino ai piatti tipici, assolutamente da provare, come i Caciù co’ la fava (sfoglie sottili di pasta con ripieno di purea di fave) e la pizza con i fichi, un dolce povero realizzato con la pasta del pane arricchito con fichi secchi e noci, tipico del periodo natalizio.

Video di Marca Fermana

Altre destinazioni nelle vicinanze

Smerillo
Smerillo
A metà strada tra i monti Sibilini e l'Adriatico, il borgo montano di Smerillo si erge su uno sperone roccioso.
Fermo - 13.41 KM da Monte Vidon Corrado
Montalto delle Marche
Montalto delle Marche
Il borgo di Montalto delle Marche si trova sulle colline poste tra i Sibillini e l'Adriatico.
Ascoli Piceno - 17.96 KM da Monte Vidon Corrado
Moresco
Moresco
Il castello di Moresco sorge in posizione strategica sulla sommità di un colle che controlla la sottostante valle dell'Aso, nelle Marche
Fermo - 20.51 KM da Monte Vidon Corrado
Montefiore dell’Aso
Montefiore dell’Aso
Montefiore dell'Aso è posto a strapiombo sulla cresta che divide le valli dell'Aso e del Menocchia, nelle Marche.
Ascoli Piceno - 22.99 KM da Monte Vidon Corrado
Montefortino
Montefortino
Situato alle pendici dei Monti Sibillini, il borgo di Montefortino è un pugno di antiche case in pietra e cotto, dal suggestivo carattere medievale.
Fermo - 23.04 KM da Monte Vidon Corrado
Montecosaro
Montecosaro
Il borgo di Montecosaro si trova nelle Marche.
Macerata - 24.9 KM da Monte Vidon Corrado

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di