Il borgo di Saracena sorge ai piedi del versante meridionale del parco nazionale del Pollino, in Calabria.
 
CERCA PER ZONA

Saracena

San Leone e i Saraceni

Comune di Saracena
Provincia di Cosenza
Regione Calabria

Abitanti: 3.782
Altitudine centro: 606 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Borghi Autentici d'Italia
Città del vino

Città dell'olio

Aree naturali protette:
Parco Nazionale del Pollino

Comune di Saracena
Via Carlo Pisacane 4 - Saracena (CS)
Tel. +39 0981 34160

Pro Loco Sarucha Saracena

Tradizione vuole che il borgo di Saracena discenda dall'antica Sestio, città fondata dagli Enotri nel 1744 a.C. Nel 900 circa venne conquistata dai Saraceni, i quali vi stabilirono una loro colonia. Successivamente, l'esercito bizantino distrusse la città e la liberò dagli arabia. Secondo una leggenda l'esercito sarebbe stato guidato da una donna ignuda e scapigliata avvolta in un lenzuolo. Il ricordo di questa leggenda è raffigurato in un antico affresco visibile sul frontespizio della cappella di Sant'Antonio, su un polittico cinquecentesco conservato nella sacrestia della chiesa di Santa Maria del Gamio, nel timbro comunale e nel gonfalone di Saracena, sul quale viene ritratta una donna che fugge, avvolta in un lenzuolo, con intorno la scritta: “Universitas terrae Saracinae”.

Ricostruita la città, in un sito poco distante (quello attuale) e più difendibile da improvvisi attacchi esterni, ebbe inizio dunque il periodo bizantino, le cui prime influenze culturali e sociali risalgono all'ottavo secolo con l'azione del monachesimo greco, inserito nel più vasto fenomeno delle esperienze monastiche del Mercurion. Nel X secolo l'amministrazione bizantina creò il Catepanato d'Italia, che includeva l'intero territorio della Calabria. Il nuovo borgo, sorto intorno al castello baronale, cinto di mura (ormai distrutte o inglobate nei muri delle abitazioni) e fortificato con quattro porte (Porta del Vaglio, Porta San Pietro, Porta Nuova e Porta dello Scarano), con l'arrivo dei Normanni, avvenuto nella seconda metà dell'XI secolo, diventò dominio feudale.

Nel XIV secolo il toponimo con il quale veniva indicata la località era Castrum Sarracene, mentre all'inizio del 1500 il luogo era conosciuto come alla Saracena. Il Feudo di Saracena appartenne inizialmente ai duchi di San Marco, mentre a partire dalla seconda metà del XIV secolo alla casata dei Sanseverino, dapprima come conti e duchi e in seguito con il rango di Principi di Bisignano, titolo che conservarono per più di duecento anni. Nel 1718 il feudo di Saracena passò a Francesco Maria Spinelli Principe di Scalea fino al 1806, anno in cui, per volere di Napoleone Bonaparte, fu emanata la legge eversiva della feudalità, con la quale questa veniva abolita. Durante il Risorgimento Saracena fu molto attiva sul fronte patriottico ed antiborbonico. Nei primi anni del nuovo millennio Saracena è stata insignita del titolo di città garibaldina.

Nei locali del palazzo Mastromarchi è ospitata la Pinacoteca Andrea Alfano, che custodisce oltre 230 dipinti, disegni e sculture di artisti italiani e stranieri del Novecento. Il museo di Arte Sacra, ospitato all'interno della chiesa di Santa Maria del Gamio, ospita invece due interessanti ostensori settecenteschi dell'argentiere Salvatore Vecchio, una croce processionale della metà del seicento e un dipinto raffigurante la Madonna della Purità realizzato su una lastra di metallo tra il XVII e il XVIII secolo.

Il tessuto urbano è caratterizzato da un intricato dedalo di viuzze di concezione islamica, che si sviluppano verso nord fino ad arrivare alla vecchia casa comunale, situata a circa 606 metri s.l.m. Caratteristici di quest'area del centro abitato sono le scale esterne (sia quelle delle abitazioni che quelle di raccordo tra arterie sovrapposte), i repentini mutamenti di direzione viaria, gli improvvisi slarghi ed i vicoli coperti a volta o con travi detti vutànt, la cui funzione è quella di archi di collegamento tra un'abitazione e l'altra.

In ambito gastronomico numerosi sono i piatti e i prodotti tipici. La pasta fatta in casa, per esempio: maccheroni cavati col ferro, lagane e ceci, orecchiette, gnocchi. Tra i secondi piatti troviamo il capretto al forno, il soffritto di agnello, le mazzacorde, le melanzane ripiene. Tra i salumi la soppressata, la salsiccia, il capocollo, il guanciale. Infine i dolciumi: cannaricoli, grispelle, cuddure, zuccariddi, taralli.

Video di Comune di Saracena

Altre destinazioni nelle vicinanze

Morano Calabro
Morano Calabro
Morano Calabro è situato in posizione strategica alle pendici del massiccio del Pollino, in Calabria.
Cosenza - 7.48 KM da Saracena
Altomonte
Altomonte
Il borgo di Altomonte, ricco di fiumi e paesaggi collinari, si trova in Calabria.
Cosenza - 8.99 KM da Saracena
Frascineto
Frascineto
Il borgo di Frascineto, in Calabria, si caratterizza per la storica presenza della Comunità italo-albanese.
Cosenza - 10.85 KM da Saracena
Viggianello
Viggianello
Incastonato tra le montagne del Parco Nazionale del Pollino, il borgo di Viggianello, in Basilicata, è meta ideale per chi ama le vacanze all'aria aperta.
Potenza - 22.62 KM da Saracena
Diamante
Diamante
Il borgo marinaro di Diamante è sito sulla costa tirrenica nord-occidentale della Calabria.
Cosenza - 30.67 KM da Saracena
Teana
Teana
Il borgo di Teana si trova in Basilicata all'interno del Parco Nazionale del Pollino.
Potenza - 38.9 KM da Saracena

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
Castello di Vogogna, la roccaforte che domina la Val d'Ossola
A pochi chilometri da Domodossola, immerso nella natura alpina, sorge un suggestivo maniero medievale che, dopo secoli di invasioni, oggi vigila sull'antico borgo in pietra e attira i turisti anche della vicina Svizzera
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di