Scanno, nell’Alta Valle del fiume Sagittario, è conosciuto come il borgo dei fotografi.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Scanno

Mettersi comodi per scattare una fotografia
Leggi di più

Borgo di Scanno
Comune di Scanno

Provincia di L'Aquila
Regione Abruzzo

Abitanti: 1.822
Altitudine centro: 1050 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Bandiera Blu

Aree naturali protette:
Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise
Riserva Naturale Feudo Intramonti

Comune di Scanno
Via Napoli - Scanno (AQ)
Tel. +39 0864 74545

Pro Loco Scanno
Via Don Bosco 4 - Scanno (AQ)
Tel. +39 346 3271511

Scanno (Scannë in abruzzese) è un'importante stazione di soggiorno invernale ed estivo ed è nota come il borgo dei fotografi. I suoi inconfondibili scorci e la sua gente sono stati lungo tutto il Novecento i soggetti di tanti famosi scatti realizzati da Hilde Lotz-Bauer, Henri Cartier-Bresson, Mario Giacomelli, Renzo Tortelli, Gianni Berengo Gardin, Ferdinando Scianna, Mario Cresci e molti altri. Nel 1964 fu proprio una fotografia scattata a Scanno da Mario Giacomelli ad entrare a far parte della prestigiosa collezione di opere fotografiche del Museum of Modern Art di New York. Questa immagine è conosciuta come Il bambino di Scanno, o Scanno Boy.

L'origine del nome comunemente si fa risalire al latino scamnum (sgabello), perché il colle su cui è stato costruito il centro storico somiglierebbe ad una piccola panca. Come risulta da una lapide romana conservata nel Museo della lana Scanno risulta già abitata in epoca romana, all'estremità nord del territorio dei Sanniti. Durante le invasioni barbariche Scanno rimane illesa per la struttura difensiva dei monti intorno al paese, ma durante le invasioni saracene prima ed ottomana poi invece non subì le stesse sorti. In questo periodo Scanno ha delle influenze orientali per il vestito femminile del paese. Infatti il copricapo femminile sembra un turbante, mentre i drappeggi del vestito sono colorati alla maniera orientale. Durante il Medioevo segue le vicende feudali del contado peligno.

Tra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX secolo si ha l'affermazione di botteghe orafe nel paese, anche se la prima notizia di un orafo locale è del 1718. Nel centro storico vi sono molte botteghe orafe, tanto che la strada, detta localmente la ciambella, è anche nota come la via degli orafi. Nella seconda metà del XIX secolo si andrà a sviluppare nel paese la moda della presentosa con uno o due cuori o due chiavi entro una stella. Il monile è di importazione napoletana, teatina o molisana e finisce per diventare un dono d'amore o ad assumerne il significato. Ancora oggi le donne girano per il borgo indossando il costume tipico locale, e le botteghe del centro storico sono ricche di oggetti ornamentali di questo abito. Un'altra peculiarità delle botteghe di Scanno è quella della lavorazione del tombolo, che risale alla prima metà dell'Ottocento.

Il terremoto della Marsica del 1915 distrusse completamente Frattura vecchia. Centro che si spostò nel sito originario col nome di Frattura nuova o semplicemente di Frattura. Durante la seconda guerra mondiale, Carlo Azeglio Ciampi (cittadino onorario) si rifugiò a Scanno, ospitato da una signora del posto. Il terremoto dell'Aquila del 2009 provoca lievi danni alla Chiesa della Madonna delle Grazie e alla Chiesa di Sant'Antonio da Padova.

L'attuale centro storico di Scanno si formò dall'aggregazione di vari nuclei urbani o vicus. Il più antico di essi è Betifulo, in seguito ribattezzato Sant'Angelo in epoca cristiana. Tra i secoli XII e XIII gli abitanti si trasferirono da Sant'Angelo in località Scamnum o Scagium o Scampium che corrisponde all'attuale zona della chiesa di sant'Eustachio. I centri urbani di certo non si fusero prima del 1447 in quanto in quella data si ha notizia di alcuni edifici ancora disabitati. Il processo di espansione e di unificazione delle contrade di Scanno pare partire dalla zona alta del paese odierno, cioè la zona detta Terra Vecchia ove si aprivano le tre porte di accesso.

Tra la seconda metà del Quattrocento e in tutto il Cinquecento il nucleo abitato si espanse a sud e ad ovest, mentre nei due secoli successivi Scanno conobbe un ulteriore espansione ma anche la saturazione di spazi edificabili liberi entro le mura: infatti fino a tutto il XIX secolo l'espansione si concentrò entro le mura, e solo nel 1909, quando venne costruita la strada Scanno-Villetta Barrea, vennero distrutte le mura urbane, il campanile della Chiesa di San Rocco ed alcuni palazzi; le rimanenti mura sono state inglobate in costruzioni più recenti.

Caratteristico è l'itinerario nel centro storico detto la "ciambella" che dalla chiesa di Santa Maria della Valle arriva alla Fontana Sarracco per arrivare poi alla Piazza di San Rocco e ritornare tramite Via Silla e Via De Angelis al punto di partenza. Il sistema viario è un intricarsi di vie, viuzze e vicoletti che si incrociano a trama fitta con le vie principali; queste viuzze erano pedonali fino agli inizi del Novecento prima della sostituzione del manto originario con delle pavimentazioni per strade carrozzabili. Recentemente alcune strade sono state recuperate con lastre di marmo e sampietrini che hanno preso il posto di ciottoli di fiume.

Meritano sicuramente una visita la chiesa di Santa Maria della Valle, la chiesa di Sant'Antonio da Padova, quella della Madonna di Costantinopoli ed infine l'Eremo di Sant'Egidio. Di notevole interesse sono la località di Frattura, la Fontana Sarracco, quella del Pisciarello, i numero palazzi e portali del centro storico e le cemmause, un tipo di scala d'accesso alle abitazioni di Scanno esterne alle abitazioni stesse terminanti in un ballatoio o pianerottolo, con gli scalini (localmente detti le schèle) realizzati in pietra. Un arco permette alla scalinata di sorreggersi, infine la cemmausa viene coperta da una tettoia sostenuta da travi lignee su cui poggiano delle assi di legno (localmente dette scànzule) generalmente in faggio e da tegole (localmente dette pinci). Infine, merita una visita il Museo della Lana, che ospita una mostra di arnesi ed attrezzi agricoli e della lavorazione della lana. Un museo simile è a Frattura col nome di Museo delle Arti e Tradizioni Popolari, che raccoglie più o meno lo stesso tipo di utensili ed è sito presso la chiesa centrale della frazione di Scanno.

Video di SPINTOMAISPENTO

Altre destinazioni nelle vicinanze

Villalago
Villalago
Villalago raccoglie nel suo territorio testimonianze storiche risalenti ad epoca peligna e romana
L'Aquila - 4.94 KM da Scanno
Anversa degli Abruzzi
Anversa degli Abruzzi
Anversa è un piccolo borgo medievale, immerso nella Riserva Naturale WWF Gole del Sagittario.
L'Aquila - 11.71 KM da Scanno
Pescocostanzo
Pescocostanzo
Pescocostanzo, nel territorio del Parco della Majella, è un gioiello prezioso tra gli insediamenti minori italiani.
L'Aquila - 15.54 KM da Scanno
Civitella Alfedena
Civitella Alfedena
Civitella Alfedena, nel cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, è un attivo centro turistico.
L'Aquila - 16.49 KM da Scanno
Pacentro
Pacentro
Pacentro, all'interno del Parco Nazionale della Majella, è uno dei centri medievali meglio conservati d’Abruzzo.
L'Aquila - 18.77 KM da Scanno
Alvito
Alvito
Alvito al centro della Valle di Comino, sulle pendici del monte Morrone, è situato all'interno del parco nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise
Frosinone - 26.3 KM da Scanno

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di