Il vasto territorio del borgo di Villar Focchiardo si estende alla destra della Dora, in Valle di Susa.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Villar Focchiardo

Profumo di castagne lungo l'antica via di Francia
Leggi di più

Comune di Villar Focchiardo
Città Metropolitana di Torino
Regione Piemonte

Abitanti: 2.025
Altitudine centro: 450 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Unione Montana Valle Susa

Aree naturali protette:
Parco naturale Orsiera Rocciavrè

Comune di Villar Focchiardo
Via Conte Carroccio 30 - Villar Focchiardo (TO)
Tel. +39 011 9645025

Un insediamento antico è documentato come Albereia sin dal IX secolo nell’area pianeggiante, ma la prima menzione come Villar Fulcardi è del 1029 riferendosi a un nucleo posto in posizione protetta dalle acque della Dora e del Gravio che costituiva la villa composta da una chiesa e da un palazzo signorile, il Palais. Pervenne in feudo ai visconti di Baratonia dalla Val Ceronda che per due secoli furono funzionari in quanto diretti eredi del potere arduinico. Nel 1653 entrano in possesso dei diritti feudali i Carroccio che faranno costruire una vera e propria dimora residenziale sull’altura dominante il paese, il Palazzo dei Conti Carroccio (XV sec.). Si tratta di una massiccia costruzione a pianta rettangolare, che dal secolo XVIII fu ulteriormente ingentilita con la realizzazione di una facciata barocca e la sua funzione diventò esclusivamente quella di dimora temporanea legata alla presenza della famiglia nella stagione estiva.

La chiesa parrocchiale, dedicata a Santa Maria Assunta, venne edificata tra il 1717 e il 1735 per volere dell’abate Ignazio Carroccio, a sostituire la precedente chiesa più a valle danneggiata da ripetuti eventi alluvionali. La generosa committenza di famiglia permise anche un ricco apparato decorativo all’interno e una ricercatezza negli arredi liturgici con la presenza di pale e dipinti di maestranze attive alla corte sabauda. A pochi passi dalla chiesa parrocchiale si incontra la Cappella di Loreto, cappella privata dei conti Carroccio. La facciata era, in origine, decorata con affreschi, in parte cancellati nel 1700, durante l’occupazione francese. Fu utilizzata come parrocchiale durante gli anni d’edificazione della stessa, come pure il Santuario Madonna delle Grazie, conosciuto in paese come Cappella delle Vigne, poiché, prima delle alluvioni, sorgeva su un declivio coltivato a vigneti.

La presenza dell’Antica Strada di Francia sul fondovalle vide sul territorio di Villar Focchiardo la presenza di due cascine di posta fortificate destinate all’accoglienza: Cascina Roland (XV sec.) e la Giaconera. Cascina Roland è attualmente un centro polifunzionale e ospita il MuiMac Museo Interattivo del Marrone e del Cioccolato. Le facciate sono caratterizzate da finestre ogivali con cornici in mattoni sagomati e riportano alcune tracce di antichi affreschi. Al di sopra del cancello di ingresso e sul lato orientale del recinto si riconoscono i resti della cinta merlata, che testimonia il carattere difensivo della cascina. Di tutto il complesso, le parti conservatesi dell’antica fortificazione sono solamente quelle costituenti la cinta muraria esterna. All’esterno il famoso e leggendario masso di Roland.

Risalendo la zona montana su un altura a mezza costa l’insediamento di Banda si raccoglie attorno alla Certosa la cui chiesa conserva un vivace apparato decorativo e un coro ligneo di epoca gotica. Banda fu la grangia della certosa di Montebendetto nella quale i monaci provenienti dalla Losa di Gravere si insediarono a partire del Duecento. Una rovinosa alluvione costrinse all’abbandono nel 1473 con il trasferimento alla Certosa di Banda. La presenza della comunità certosina sulla montagna di Villar Focchiardo fu però costellata da numerose liti anche violente con gli abitanti, per i diritti di pascolo e d’acqua.

Gran parte del territorio ad alta quota è compreso all’interno del Parco Orsiera Rocciavrè da esplorare attraverso i tanti sentieri escurisionistici che mettono in collegamento rifugi e posti tappa, come il Sentiero dei Franchi che, attraverso Pian dell’Orso con la pittoresca cappella della Trasfigurazione, raggiunge la Sacra di San Michele.

Tra le manifestazioni più importanti in Valle di Susa da oltre cinquant’anni, la Sagra del Marrone Valsusino con la mostra mercato dei prodotti del territorio è un appuntamento dedicato alla valorizzazione della castagna da frutto coltivata da tempi antichi su un’area ben specifica della Valle di Susa tra Meana, Mattie, San Giorio, Vaie e ovviamente Villar Focchiardo.

Video di mf droni

Altre destinazioni nelle vicinanze

San Giorio di Susa
San Giorio di Susa
Adagiato sulla sponda destra della Dora Riparia, San Giorio fu nel Medioevo un importante feudo dei Bertrandi di Montmelian in Moriana.
Torino - 4.74 KM da Villar Focchiardo
Condove
Condove
Lungo il versante settentrionale della valle Susa si estende il territorio di Condove.
Torino - 6.24 KM da Villar Focchiardo
Chiusa di San Michele
Chiusa di San Michele
Ai piedi del monte Pirchiriano dominato dalla Sacra di San Michele è situato il borgo di Chiusa San Michele, in Valle Susa.
Torino - 7.44 KM da Villar Focchiardo
Sant'Ambrogio di Torino
Sant'Ambrogio di Torino
Il borgo di Sant'Ambrogio di Torino si trova ai piedi della Sacra di San Michele, in Valle Susa.
Torino - 9.89 KM da Villar Focchiardo
Almese
Almese
Il borgo di Almese si trova all’imbocco della Valle di Susa in Piemonte, lungo le pendici del monte Musinè.
Torino - 12.79 KM da Villar Focchiardo
Avigliana
Avigliana
Alle porte della Valle di Susa, Avigliana è uno dei borghi medioevali più autentici del territorio Piemontese.
Torino - 13.31 KM da Villar Focchiardo

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
La leggenda dell'amore di Bora
La leggenda dell'amore di Bora
La storia della nascita di Trieste è legata alla leggenda di Bora, figlia del dio Vento.
By Ivan Pisoni
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di