Susa, l’antica Segusio, è una città millenaria sorta in una posizione strategica per il controllo della Valle Susa.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Susa

Da Segusio passano tutte le strade
Leggi di più

Borgo di Susa
Comune di Susa

Città Metropolitana di Torino
Regione Piemonte

Abitanti: 6.414 (5.760 nel borgo)
Altitudine centro: 503 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Unione Montana Valle Susa

Comune di Susa
Via Palazzo di Città 39 - Susa (TO)
Tel. +39 0122 648301

Sul borgo di Susa, l’antica Segusio, convergono le strade che portavano rispettivamente al Monginevro e al Moncenisio, e secondariamente al Colle delle Finestre. Punto di riferimento per il territorio valsusino, il borgo ha origini antiche per la presenza di tribù celtiche, dei quali Donno e poi suo figlio Cozio erano i rappresentanti. La sua storia inizia intorno al I sec a.C., quando Augusto strinse un patto di alleanza con la popolazione locale, la cui testimonianza oggi è ancora visibile nelle decorazioni del frontone dell’Arco di Augusto edificato nell'8 a.C.

A testimonianza della romanizzazione di Susa numerosi e importanti monumenti: le rocce coppellate celtiche, testimonianza della storia segusina più antica; l'acquedotto di Graziano (IV sec. d.C.); il Castrum (IV secolo d.C.), l'arena Antonina (II secolo d.C.), la Porta Savoia (III - IV sec. d.C.) a cui venne addossata, nel XII secolo, la Cattedrale di San Giusto; le tracce delle antiche mura ancora conservate lungo la via dei Fossali (attuale Corso Unione Sovietica). I lavori di rifacimento della centrale Piazza Savoia hanno inoltre portato alla luce alcune importanti strutture che gli archeologi identificano come i resti del tempio urbano, posto al centro del foro.

Nel XI secolo diventa uno dei perni della dominazione degli Arduinici di Torino e primo avamposto dei Savoia grazie alle nozze tra la comitissa Adelaide, figlia di Olderico Manfredi marchese di Torino, e Oddone di Moriana, figlio di Umberto Biancamano. Il Castrum romano diverrà appannaggio del poter sabaudo e successivamente sede del governatore e dell’amministrazione napoleonica e oggi ospita il Museo Civico, recentemente riallestito.

L’importanza di Susa quale centro di potere e religioso è testimoniata anche dall’attuale cattedrale di San Giusto, sede dell’abbazia benedettina fondata nel 1029 che nel 1772 divenne cattedrale. Nel XIV sec. l’edificio venne rinnovato secondo dettami gotici mentre risalgono alla metà del Quattrocento i pinnacoli e le decorazioni in cotto del campanile. Nel XV secolo l’edificio fu interessato da una campagna di decorazione opera della bottega pinerolese dei Serra. All’interno notevoli gli arredi di pregio: il coro ligneo (XIV sec.), il trittico della certosa di Banda di Jacopino de Mottis (1491); la cinquecentesca scultura lignea della Maddalena, la pala con la Sacra famiglia del Moncalvo, il crocifisso ligneo di Etienne Fodéré. Tra gli edifici religiosi il convento di San Francesco (XIII sec.) presenta un ricco portale a ghimberga e un apparato decorativo trecentesco di grande rilievo. Il Museo Diocesano di Susa, presso la chiesa della Madonna del Ponte (XIII sec.) ospita oggetti d’arte significativi datati tra il IV e XX secolo, provenienti da chiese e cappelle della Diocesi, e dalla cattedrale di Susa.

Susa divenne residenza di famiglie nobili e della borghesia mercantile, tra le vestigia le case del Borgo dei Nobili, il Palazzo de’ Bartolomei con l’adiacente torre civica e le decorazioni barocche del palazzo Benit in via Francesco Rolando, la Torre dei Rotari (XIV sec.). La sua posizione strategica e rivolta verso le terre del Delfinato che iniziavano poco a monte di Susa tra Gravere e Chiomonte comportò un notevole sviluppo della piazza militare intorno alla metà del ‘500 quando sotto il Duca Carlo Emanuele I di Savoia venne costruito un moderno assetto difensivo. Le colline rocciose che circondano Susa divennero sede di fortificazioni imponenti come il Forte di Santa Maria e il Forte della Brunetta per il controllo dei valichi, poi fatto smantellare da Napoleone.

La città propone un ricco calendario di eventi e manifestazioni fra cui il Palio dei Borghi, la festa della Madonna della Neve, il Festival Internazionale del Folklore.

Video di Segno. Associazione culturale.

Altre destinazioni nelle vicinanze

Novalesa
Novalesa
La storia di Novalesa, posta a capo della Val Cenischia, è legata a doppio filo con quella della millenaria abbazia dei SS. Pietro e Andrea e a quella del valico del Moncenisio.
Torino - 6.16 KM da Susa
Moncenisio
Moncenisio
Moncenisio, anche noto come Ferrera, è uno dei comuni più piccoli d'Italia e della Valle Susa.
Torino - 9.03 KM da Susa
Usseaux
Usseaux
Il borgo di Usseaux, in Piemonte, conta meno di 200 abitanti.
Torino - 9.71 KM da Susa
Exilles
Exilles
Il borgo di Exilles, nel cuore dell’alta Valle di Susa, è dominato dalla presenza del Forte.
Torino - 9.88 KM da Susa
San Giorio di Susa
San Giorio di Susa
Adagiato sulla sponda destra della Dora Riparia, San Giorio fu nel Medioevo un importante feudo dei Bertrandi di Montmelian in Moriana.
Torino - 10.32 KM da Susa
Fenestrelle
Fenestrelle
Fenestrelle è posto a metà della Val Chisone, in Piemonte.
Torino - 11.26 KM da Susa

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di