Il borgo di Salbertrand, famoso per il suo Bosco protetto, si trova in Alta Valle Susa, in Piemonte.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Salbertrand

Il Bosco lungo la via di Francia
Leggi di più

Borgo di Salbertrand
Comune di Salbertrand

Città Metropolitana di Torino
Regione Piemonte

Abitanti: 591
Altitudine centro: 1032 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Unione Montana dell'Alta Valle Susa

Aree naturali protette:
Parco Naturale del Gran Bosco di Salbertrand

Comune di Salbertrand
Piazza Martiri della Libertà 1 - Salbertrand (TO)
Tel. +39 0122 854595

Documentato già a partire dal XI secolo, il borgo di Salbertrand si sviluppa grazie all’attraversamento dell’antica strada di Francia, attorno al quale tra abitazioni di architettura significativa e monumentali fontane all'epoca si segnala persino un antichissimo albergo per viandanti, l’Hotel Dieu. La parrocchiale di San Giovanni Battista nella piazza principale è uno degli edifici sacri più importanti dell’alta Valle con un protiro e un portale in pietra opera del lapicida Matteo Rude di Melezet. L’interno è riccamente decorato con affreschi databili tra il XIV sec. e il XVI sec. e un retable opera di Jean Faure di Thures.

La montagna di Salbertrand presenta un versante boscoso ricco di abeti che sono il cuore del Parco Naturale del Gran Bosco di Salbertrand che si estende sul versante esposto a nord dell'Alta Valle di Susa interessando, inoltre, i comuni valsusini di Chiomonte, Exilles, Salbertrand, Oulx e Sauze d'Oulx per oltre 3.700 ettari, dai 1.000 metri s.l.m. Ai 2.600 dello spartiacque con le cime dei monti Genevris (2.500 m), Blegier (2.550 m), Gran Costa (2.600 m) e Gran Serin (2.589 m).

All’interno del parco, l’Ecomuseo Colombano Romean raccoglie le memorie di terra e di acqua della comunità attraverso un percorso ad anello. Fanno parte delle sezioni visitabili dell'Ecomuseo il Mulino Idraulico della Comunità di Salbertrand e il Forno a legna della frazione Oulme che permettono di documentare il ciclo completo del pane collegando i vari momenti di lavorazione dei cereali e illustrando i legami tra il mondo lavorativo e quello domestico.

Il Museo dei Tesori della Parrocchiale ospitato nella sacrestia della Chiesa di San Giovanni Battista, e la Cappella dell'Annunciazione dell'Oulme, recentemente restituita all'antico splendore, testimoniano la religiosità e la sapienza di una comunità strettamente legata alle proprie tradizioni. Lungo la via principale, due monumentali Fontane in pietra e l'Hotel Dieu documentano l'importanza del borgo di Salbertrand lungo lo storico itinerario della Strada di Francia.

Sono inoltre visitabili la Ghiacciaia ottocentesca e una ricostruzione in legno a blockbau del prototipo della Smoke-sauna progettata dal grande architetto finlandese Alvar Aalto per la sua casa sperimentale di Muuratsalo (Finlandia), una aia carbonile con le diverse fasi di allestimento di una Carbonaia in bosco, la Calcara, il Cantiere forestale e la sezione dedicata alla Glorieuse Rentrée.

Tra gli eventi di rilevo si segnalano la Festa patronale di San Giovanni a giugno e il Processo al Carnevale del martedì grasso.

Il Carnevale di Salbertrand
Accanto alla sfilata dei carri allegorici si inseriscono ancora oggi antiche tradizioni e rituali propiziatori quali la distribuzione dei turtiòu, la lettura del testamento del carnevale e il falò del fantoccio del carnevale, accanto alla musica moderna, le melodie tradizionali della Müsiccä, i musicisti della banda musicale di Salbertrand. La festa ha inizio la domenica e si apre con una sfilata che attraversa le vie principali del paese ed è composta dai carri allegorici e da un carro attrezzato con stufa, su cui vengono cotti i turtiòu (frittelle di acqua, farina e sale) che vengono distribuiti in cambio di soldi, cibi o bevande. Il martedì sera si ripete la sfilata accompagnata dalla musica e dal fantoccio del carnevale che viene fatto saltare e danzare tra il pubblico.
Il fantoccio del carnevale (Carnavà), chiamato pagliaccio, viene realizzato ogni anno dai giovani del paese utilizzando sacchi di juta, paglia o fieno. Spesso, a esso si accompagna un pupazzo simile ma più piccolo, il Piccolo Carnevale (Pchì Carnavà). Al termine della sfilata del martedì grasso, il fantoccio viene messo al centro della piazza e viene letto il testamento, in cui sono riportati, in forma di satira, tutti gli avvenimenti degni di nota accaduti nell’arco dell’anno; successivamente il fantoccio viene bruciato e, accompagnati dalla musica della banda, si balla girando e saltando intorno al falò.

Video di ValleSusaTesori

Altre destinazioni nelle vicinanze

Exilles
Exilles
Il borgo di Exilles, nel cuore dell’alta Valle di Susa, è dominato dalla presenza del Forte.
Torino - 5.19 KM da Salbertrand
Oulx
Oulx
Il borgo di Oulx si trova in Alta Valle Susa, in Piemonte.
Torino - 5.43 KM da Salbertrand
Usseaux
Usseaux
Il borgo di Usseaux, in Piemonte, conta meno di 200 abitanti.
Torino - 11.84 KM da Salbertrand
Fenestrelle
Fenestrelle
Fenestrelle è posto a metà della Val Chisone, in Piemonte.
Torino - 14.07 KM da Salbertrand
Bardonecchia
Bardonecchia
Nella vasta conca alla confluenza dei valloni di Rochemolles, della Rho, della Valle Stretta e del Frejus si estende Bardonecchia.
Torino - 14.27 KM da Salbertrand
Susa
Susa
Susa, l’antica Segusio, è una città millenaria sorta in una posizione strategica per il controllo della Valle Susa.
Torino - 14.98 KM da Salbertrand

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di