Il borgo di Pierosara si trova nel territorio di Genga, nelle Marche.
 
CERCA PER ZONA

Pierosara

Il borgo di Piero e Sara
Leggi di più

Borgo di Pierosara
Comune di Genga
Provincia di Ancona
Regione Marche

Abitanti: 1.781 (140 nel borgo)
Altitudine centro: 322 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Paesi bandiera arancione

Aree naturali protette:
Parco naturale Gola della Rossa e Grotte di Frasassi

Comune di Genga
Via Corridoni - Genga (AN)
Tel. +39 0732 973014

Pierosara fu un importante castello medievale che ebbe vasta sovranità sul territorio circostante. Dell'antico Castrum Petrosum rimangono oggi le due cinte murarie con le relative porte e la torre di difesa. Sorge su un colle a 394 m.s.l.m.,che domina a sud-ovest la Gola di Frasassi dove scorre il fiume Sentino e a nord-est la Gola della Rossa attraversata dal fiume Esino. Il paese si trova nel cuore del Parco naturale regionale della Gola della Rossa e di Frasassi.

Si narra che il conte di Rovellone, feudatario del Castello di Rotorscio, conobbe una fanciulla di nome Sara abitante a Castel Petroso. Affascinato dalla bellezza della giovane, s'innamorò di lei, ma decise di rapirla poiché era promessa sposa ad un altro castellano di nome Piero. Una notte, il feudatario s'introdusse all'interno del castello e riuscì nel suo intento. Tuttavia gli abitanti del luogo si accorsero subito del misfatto e per evitare il peggio chiusero le porte di accesso e iniziarono una violenta battaglia contro i cavalieri seguaci del conte di Rovellone. Durante la rissa, il conte, vistosi alla resa, uccise la bella Sara che teneva fra le braccia. Sopraggiunto Piero piombò addosso all'uccisore, il quale, brandendo una scure, colpì anche lo sfortunato giovane che cadde morente vicino alla sua giovane amata e con un ultimo abbraccio le spirò accanto. Per ricordare questo triste avvenimento, Castel Petroso, da quel giorno, assunse il nome di Pierosara.

Le origini di Castrum Petrosum, questo l'antico nome volgarizzato con il passare dei secoli in Plarosara, Plerosaria, Perosara e poi nell'attuale Pierosara, sono difficilmente ricostruibili. Vista la posizione strategica su di un colle a ridosso di due gole, quella di Frasassi e della Rossa, da cui era facile il controllo delle vallate del Sentino e dell'Esino, non è da escludere che gli abitanti di Tuficum, (una delle quattro città di epoca romana dell'alta valle dell'Esino, situata nei pressi della frazione Albacina di Fabriano), cominciarono a costruirvi le prime strutture difensive e di avvistamento.

Dopo la colonizzazione romana e il periodo buio delle invasioni barbariche, i Longobardi con la costituzione del Ducato di Spoleto posero come punto nevralgico di confine il Castello di Pierosara. I feudatari longobardi, convertiti al cristianesimo favoriscono, fin da prima dell'anno 1000, l'insediamento dei Benedettini e lo sviluppo delle abbazie. Chiamati milites longobardi, si attengono alle leggi longobarde fino al XII secolo, quando si appoggiarono alla Chiesa. Grazie a questa politica, riuscirono a conservare autonomia e privilegi fino al periodo dell'età comunale.

L'Abbazia di San Vittore, non riuscendo più ad opporsi all'ormai fiorente Comune di Fabriano, per una pacifica convivenza, nel 1212 assoggettò ad esso il castello. La successiva decadenza del potere comunale, nonché dell'Abbazia di San Vittore, provocò un forte indebolimento della struttura sociale ed economica. Nel XVII secolo era uno dei castelli più poveri di Fabriano. Tuttavia Pierosara conservò una propria autonomia fino all'avvento del Regno d'Italia, ciò confermato anche dall'uso di un proprio sigillo: una croce latina che si eleva su una linea orizzontale con sotto scritto S.P.S. (Sebastianus Patronus Sanctus). Lo statuto del Castello doveva essere ratificato ogni tre anni dalla magistratura fabrianese e il governo era affidato ai “Capoquattro”, quattro uomini eletti ogni due mesi per estrazione dal bussolo.

Meritano sicuramente una visita le vicine Grotte di Frasassi, con la cappella Valadier, e la Chiesa di San Vittore alle Chiuse a San Vittore Terme.

Video di Renzo Rosati

Altre destinazioni nelle vicinanze

Genga
Genga
Genga, situata nel cuore del Parco Regionale della Gola della Rossa e di Frasassi, è famosa per il presepe vivente più grande del mondo.
Ancona - 3.67 KM da Pierosara
Serra San Quirico
Serra San Quirico
Le origini del borgo di San Quirico, nelle Marche, si fanno risalire all'epoca preromana.
Ancona - 5.49 KM da Pierosara
Elcito
Elcito
Il piccolo borgo di Elcito si trova nel territorio di San Severino nelle Marche.
Macerata - 14.62 KM da Pierosara
Cingoli
Cingoli
Adagiato sulla sommità del Monte Circe, il borgo di Cingoli è denominato il Balcone delle Marche.
Macerata - 20.11 KM da Pierosara
Pergola
Pergola
Il borgo di Pergola si trova nelle Marche, nel cuore della Valle del Cesano.
Pesaro e Urbino - 20.19 KM da Pierosara
Frontone
Frontone
Il borgo di Frontone e la sua imponente fortezza si trovano nella regione storica del Montefeltro.
Pesaro e Urbino - 22.48 KM da Pierosara

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di