Ai piedi del monte Pirchiriano dominato dalla Sacra di San Michele è situato il borgo di Chiusa San Michele, in Valle Susa.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Chiusa di San Michele

A guardia dei valichi la dolcezza della Meliga
Leggi di più

Comune di Chiusa di San Michele
Città Metropolitana di Torino
Regione Piemonte

Abitanti: 1.667
Altitudine centro: 378 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Comuni fioriti
Unione Montana Valle Susa

Comune di Chiusa di San Michele
Piazza Bauchero 2 - Chiusa di San Michele (TO)
Tel. +39 011 9643140

Chiusa di San Michele, posta in corrispondenza del restringimento delle alture del fondovalle, deve il suo nome proprio alla caratteristica geomorfologia del paesaggio. Qui nel 773 i Franchi di Carlo Magno sconfissero i Longobardi di Desiderio aprendo la strada alla conquista dell’Italia. L’individuazione del sistema fortificato delle chiuse longobarde è complesso e i recenti scavi archeologici della cappella di San Giuseppe hanno messo in evidenza una muratura innestata sul fianco meridionale del monumento antico, identificabile verosimilmente con la porzione della cinta difensiva collegata alla fortificazione.

La struttura originaria dell’edificio sembra poi essere stata mantenuta e utilizzata nei secoli fino alla sua trasformazione in chiesa nel XVIII sec. Il paese di Chiusa si snoda lungo l’antica strada di Francia, o Via Francigena che percorre la destra orografica della Dora sino a Bussoleno, e che vede il nucleo più antico detto il Rustico dipanarsi tra vicoli e cortili (vi si affacciano alcune tra le più antiche case del paese) sino alla chiesa parrocchiale di San Pietro Apostolo, costruita tra il 1796 e il 1825 nel punto più elevato all'interno dell'abitato, probabilmente sul sito di un'antica chiesa romanica dell'850, che venne consacrata nel 1825: gli interni affrescati da Luigi Morgari presentano un raffinato coro ligneo nel presbiterio attribuito a Giuseppe Antonio Riva. Adiacente alla Chiesa, sul lato sud-ovest, troviamo il maestoso campanile, alto 36 metri, la cui guglia in legno, ricoperta di lamiera, ospita la prestigiosa croce di ferro.

Nella piazza antistante sorge un'antica fontana in pietra del 1722 dallo stile architettonico particolare la cui acqua è molto apprezzata. Di fronte alla fontana si conserva ancora un'antica pietra miliare risalente all'epoca Napoleonica. Proprio nei pressi della chiesa si inerpica sulla montagna il sentiero che conduce alla Sacra di San Michele, fondata nel 987, attraversando la cave De Andrade dalla quale vennero estratte le pietre per il restauro della monumento. Al termine della Via dei Longobardi si incontra la Chiesetta di Santa Croce (1760). Il campanile del 1789 e le campane furono benedette da Papa Pio VII mentre si recava in Francia prigioniero di Napoleone. Proseguendo verso Vaie si incontra ancora l'antica casa di Posta così chiamata perchè adibita al cambio dei cavalli delle diligenze e la Cappella delle Grazie. Di notevole interesse sono anche le chiesette delle borgate montane: Madonna della Neve nella borgata Basinatto e Madonna degli Angeli nella borgata Bennale.

Chiusa di San Michele è, inoltre, apprezzata per la sua vivibilità a contatto con la natura e il verde. Tra le manifestazioni è da ricordare la sagra enogastronomica del Gusto di Meliga, legato alla produzione artigianale di panini a base di farina di polenta, uvetta e frutta secca. La coltivazione del mais e la produzione di prodotti da forno è molto diffusa nell’area delle bassa Valle di Susa.

Le Chiuse
Tra fine IV e inizi V secolo l’Impero romano potenziò la difesa alpina mediante un sistema di “chiuse”, ovvero di fortificazioni a sbarramento delle valli nei punti di passaggio obbligati delle principali vie di comunicazione verso i valichi. Esse furono poi utilizzate anche da Goti e Bizantini e divennero oggetto di ripetuti interventi di restauro da parte dei re Longobardi, ancora interessati a mantenere in funzione le fortificazioni e a controllare i transiti lungo le aree di frontiera.

Tra le opere difensive dell’arco alpino, le clausurae della Val di Susa ebbero una notevole importanza in età altomedievale: nel 773 d.C. infatti furono teatro del celebre scontro fra Desiderio, re dei Longobardi, e le truppe di Carlo Magno. Dopo la conquista franca mutarono le funzioni della chiusa, ma le strutture materiali delle fortificazioni furono ancora usate per alcuni secoli a difesa della strettoia della valle. La cronaca dell’abbazia di Novalesa, redatta intorno alla metà dell’XI secolo, ne ricordava ancora le vestigia ben visibili e localizzate tra il monte Pirchiriano e Caprie, dove cita anche un Palatium dei Longobardi.

E’ proprio in questa zona, tra Caprie e Chiusa San Michele, che bisogna perciò immaginare la localizzazione dell’antico sistema difensivo, laddove la valle si fa più stretta a causa della presenza dei due speroni naturali dei monti Pirchiriano e Caprasio. Dell’antica fortificazione non restano oggi sicure tracce materiali ma è probabile che sia stata realizzata attraverso un sistema di cortine murarie con funzione di sbarramento della valle, più che da un’unica possente struttura, descritta nella cronaca di Novalesa come un muro a calce esteso “da monte a monte”.

La tradizione storica locale identifica i resti delle clusae langobardorum in una poderosa struttura muraria che fiancheggia il rio Pracchio, nel territorio comunale di Chiusa S. Michele, ma ad oggi l’attribuzione di questa muratura alla celebre fortificazione resta ancora fortemente dubbia e non ha mai trovato riscontri archeologici.

Video di PiccolaGrandeItalia.Tv

Altre destinazioni nelle vicinanze

Condove
Condove
Lungo il versante settentrionale della valle Susa si estende il territorio di Condove, costituito da un centinaio di borgate
Torino - 2.09 KM da Chiusa di San Michele
Sant'Ambrogio di Torino
Sant'Ambrogio di Torino
Sant'Ambrogio di Torino è famosa in tutto il mondo per la maestosa Sacra di San Michele, e le numerose architetture religiose presenti nel territorio
Torino - 2.46 KM da Chiusa di San Michele
Almese
Almese
Almese è ricco di storia principalmente medievale, testimoniata dalla Chiesa di Santa Maria e dalla Torre del Ricetto di San Mauro
Torino - 5.69 KM da Chiusa di San Michele
Avigliana
Avigliana
Alle porte della Valle di Susa, Avigliana è uno dei borghi medioevali più autentici del territorio e ospita edifici e strutture di epoche diverse
Torino - 6 KM da Chiusa di San Michele
Villar Focchiardo
Villar Focchiardo
Villar Focchiardo, a pochi chilometri da Torino, comprende diverse borgate tra le quali una delle più antiche: Castagneretto
Torino - 7.44 KM da Chiusa di San Michele
San Giorio di Susa
San Giorio di Susa
Adagiato sulla sponda destra della Dora Riparia, San Giorio di Susa è dominato dal fascino del suo Castello, fatto erigere dai feudatari Bertrandi
Torino - 12.06 KM da Chiusa di San Michele

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di