Il borgo di Exilles, nel cuore dell’alta Valle di Susa, è dominato dalla presenza del Forte.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Exilles

Il gioiello dell'alta Valle Susa
Leggi di più

Comune di Exilles
Città Metropolitana di Torino
Regione Piemonte

Abitanti: 268
Altitudine centro: 870 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Unione Montana dell'Alta Valle Susa

Aree naturali protette:
Parco naturale del Gran Bosco di Salbertrand

Comune di Exilles
Piazza Vittorio Emanuele II 2 - Exilles (TO)
Tel. +39 012 258301

Gli scenari che ci accolgono non appena arriviamo in prossimità di Exilles, piccolo borgo di 300 abitanti nel cuore dell’alta Valle di Susa, sono degne delle migliori ambientazioni dell’ormai serie cult Game of Thrones: imponenti vette rocciose, profonde gole e sculture naturali scolpite da anni di fenomeni atmosferici conservano, incastonato tra di loro, un borgo dal sapore medievale, luogo ancora oggi di rievocazioni storiche e intrattenimenti tradizionali.

Il borgo di Exilles è situato allo sbocco del Vallone del Galamabra. Quale nodo cruciale entro un’area strategicamente importante per la vicinanza con il passo alpino del Monginevro, viene citato già in epoca romana per la presenza di una struttura fortificata sull’altura che emerge tra le gorge, ovvero il primo nucleo del Forte che ora domina l’abitato.

L’origine del toponimo celtico exingo-magus: piazza fortificata, sta ad indicare la peculiarità dell’abitato di Exilles fin dalle sue origini. Lo sviluppo dell’abitato è connesso certamente alla presenza del Forte di Exilles, tanto da avere la conformazione tipica di un ricetto medioevale per ospitare gli abitanti durante gli assedi del forte. Al borgo si accedeva per porte che si aprivano ai quattro lati, e al centro la strada principale "Charrière" è ancora solcata dal canale d’acqua per la pulizia delle strade e per gli incendi, dove le antiche case circostanti formano dei piccoli ricetti interni affiancati l’uni agli altri.

Passeggiando lungo le sue strette vie in pietra, costellate dai tipici lavatoi di montagna, si incontrano edifici di culto di assoluto splendore, come la chiesa parrocchiale dei SS. Pietro e Paolo (XIII sec), dallo splendido portale quattrocentesco, conserva all’interno arredi lignei di gran pregio come il pulpito o i retables realizzati da maestri intagliatori come Chaffrey Faure o Jacques Jesse che operarono in molte chiese e cappelle dell’ Alta Valle nell’area degli Escarton di Oulx. Il campanile di Exilles presenta elementi unici non riscontrabili in altri modelli valsusini, come la bicromia fra intonaco chiaro delle pareti e i conci, scuri, delle cornici. Curiosa è la piccola cappella di S.S. Rocco e Sebastiano, costruita nel 1660 riutilizzando conci di pietra e decorazioni di una cappella precedente probabilmente dedicata a San Pietro.

Per i visitatori più avventurosi, sono molte le piccole borgate che si possono raggiungere in cammino, da Cels-Rif, rinomata per la rocca di Sur Serre dove il ribelle Francesco de Bardoneche possedeva una delle sue dimore fortificate, passando per Cels-Morliere, Cels-Ruinas e Deveys, dove la cappella di San Biagio offre pregiati esempi di arte tardogotica.

Dopo una meritata tappa al Museo della Grappa “Gianfranco Joannas” e la visita a due curiose fontane settecentesche dalle fattezze antropomorfe, saliamo a San Colombano, la borgata più alta, ormai in vista delle “Terre Alte” del massiccio d’Ambin, scorcio montano dalla notevole bellezza.

Vera perla del borgo, però, è il suo Forte: le prime tracce risalgono al 1155 quando, sotto il comando dei conti d’Albon, si ha notizia di un primo complesso fortificato, testimone nei suoi lunghi secoli di lotte, scontri, distruzioni e ricostruzioni. Da sempre sito in un territorio strategico per la sua posizione di confine, il Forte come lo conosciamo oggi risale al XIX secolo quando, dopo la sua completa distruzione per mano francese in seguito al Trattato di Parigi, fu ricostruito dal Re di Sardegna. Percorrendo la Strada Statale 24 del Monginevro che taglia in quel tratto l’Alta Valle di Susa, in prossimità del paese ci troviamo subito di fronte a una costruzione terribilmente suggestiva e scenografica. Protagonista di misteriose storie e leggende (come non ricordare la celebre Maschera di Ferro, che soggiornò nel forte – si dice – tra il 1681 e il 1687), dopo anni di incuria e abbandono, fu acquistato dalla Regione Piemonte nel 1978. Aperto da giugno a settembre, il Forte è oggi sede di due innovative aree museali, e protagonista di numerose rassegne culturali durante la stagione estiva.

Tra gli eventi significativi di Exilles si segnala Exilles Città, una manifestazione in costume che anima il piccolo borgo con spettacoli teatrali e musicali messi in atto dalla popolazione tra vicoli, cortili e fontane.

Video di Motoverdura

Altre destinazioni nelle vicinanze

Salbertrand
Salbertrand
Il borgo di Salbertrand, famoso per il suo Bosco protetto, si trova in Alta Valle Susa, in Piemonte.
Torino - 5.19 KM da Exilles
Usseaux
Usseaux
Il borgo di Usseaux, in Piemonte, conta meno di 200 abitanti.
Torino - 9.29 KM da Exilles
Susa
Susa
Susa, l’antica Segusio, è una città millenaria sorta in una posizione strategica per il controllo della Valle Susa.
Torino - 9.88 KM da Exilles
Oulx
Oulx
Il borgo di Oulx si trova in Alta Valle Susa, in Piemonte.
Torino - 10.58 KM da Exilles
Novalesa
Novalesa
La storia di Novalesa, posta a capo della Val Cenischia, è legata a doppio filo con quella della millenaria abbazia dei SS. Pietro e Andrea e a quella del valico del Moncenisio.
Torino - 11.7 KM da Exilles
Fenestrelle
Fenestrelle
Fenestrelle è posto a metà della Val Chisone, in Piemonte.
Torino - 11.79 KM da Exilles

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

La vecchia Grosseto, l’antico cuore della Maremma toscana
La vecchia Grosseto, l’antico cuore della Maremma toscana
L’antico centro della città tra piazze, edifici storici, chiese e strade dove passeggiare e acquistare. Tra le prelibatezze i salumi ed i formaggi locali, i pici all’amatriciana ed il cinghiale. Tra i dolci i cantuccini con il Vin Santo.
By Luca Sartori
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Da Cavo a Cavo, un itinerario lungo le coste e i centri abitati della più importante isola della Toscana
By Redazione
Ricetta: Is Arrubiolus
Ricetta: Is Arrubiolus
Tra i dolci di Carnevale più amati in Sardegna, gli arrubiolus ogliastrini si aggiudicano il podio. Si tratta di dolcetti fritti molto deliziosi, realizzati con un goloso impasto a base di ricotta fresca
By Redazione
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
Un itinerario oltreconfine che saprà regalare momenti indimenticabili tra mare, natura, relax, andando alla scoperta di 5 borghi della Corsica
By Redazione
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
In onore del tortellino di Valeggio, conosciuto anche come "Ombelico di Venere" o "Nodo d'amore", annualmente a giugno viene celebrata a Valeggio sul Mincio la “Festa del Nodo d'Amore”
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di