Irsina è uno dei borghi più antichi della Lucania, un centro incantevole che non smette mai di sorprendere, con i suoi capolavori d’arte
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Irsina

Il borgo più antico della Lucania
Leggi di più

Borgo di Irsina
Comune di Irsina

Provincia di Matera
Regione Basilicata

Abitanti: 4.972
Altitudine centro: 548 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Associazione Giochi Antichi

Comune di Irsina
Corso Canio Musacchio - Irsina (MT)
Tel. +39 0835 628711

Il borgo di Irsina, al confine tra Basilicata e Puglia, ha origini risalenti all'età greco-romana e questo la rende uno dei borghi più antichi della Lucania. Anticamente, fino al 6 febbraio 1895, il nome del paese era Montepeloso che pare derivi dal greco plusos, che vuol dire terra fertile e ricca, modificato in pilosum dai latini. Il nome attuale sembra derivare dal latino Irtium.

Fu assediata ed invasa nell'895 dai Saraceni, che nel 988 la distrussero; fu ricostruita dal Principe Giovanni II di Salerno e fu contesa tra i Bizantini ed i Normanni. Il territorio di Irsina è al centro della battaglia di Montepeloso, combattuta il 3 settembre 1041, a breve distanza dalle rive del fiume Bradano. L'esercito Bizantino è guidato da Augusto Bugiano (Boioannes); le forze Normanne sono comandate da Atenolfo, fratello del Principe di Benevento, che coordina anche i militari Longobardi. I cavalieri sono guidati da Guglielmo d'Altavilla e da Argiro. I Normanni lanciano la prima carica, mentre i Greci accusano il colpo e cadono a centinaia.

Guglielmo I d'Altavilla è infermo, ma lascia la sua tenda, posta sopra una altura, e si lancia nella mischia. Secondo il cronista Guglielmo di Puglia, i cavalieri normanni sbaragliano le forze Bizantine e le truppe che provengono dalla Calabria, dalla Sicilia e dalla Macedonia ed un gruppo di mercenari Pauliciani. Secondo lo storico De Blosiis, l'eroe della battaglia è Gualtiero, figlio del Conte Amico. I bizantini vengono ricacciati dalle truppe Normanne, che risultano vincenti e, pertanto, la città passò sotto il dominio normanno. I Normanni catturano Augusto Bugiano, lo trasferiscono a Melfi insieme con le insegne bizantine e poi a Benevento lo consegnano ad Atenolfo.

Secondo la cronaca di Amato di Montecassino, Tristano, cavaliere al seguito della casata Altavilla nel territorio del Vulture, è il primo Conte normanno di Montepeloso, una delle dodici baronie di cui si compone la Contea di Puglia. Nel 1059 al Concilio di Melfi I, il Pontefice Niccolò II, eleva la Contea di Puglia a Ducato di Puglia e la affida alla Casata Altavilla. Il secondo Signore della città, nel 1068, è Goffredo, conte di Conversano, un nipote di Roberto il Guiscardo. Nel 1123 il papa Callisto II con una bolla elegge Montepeloso a sede vescovile, anche per contrastare la presenza bizantina ancora forte nel paese. Nel 1132 i cittadini aderiscono alla rivolta contro Ruggero II e Montepeloso diviene feudo di Tancredi di Conversano, conte di Brindisi, ma l'anno successivo Ruggero II la punisce per essersi schierata con i ribelli e la fa radere al suolo.

Nel periodo svevo fu annessa alla contea di Andria e dopo la morte di Federico II divenne un marchesato sotto la signoria di Manfredi. Nel 1266, dopo la battaglia di Benevento, passò sotto il dominio degli Angioini che la donarono a Pietro di Beaumont conte di Montescaglioso e successivamente a Giovanni di Monfort. Nel 1307 passò al dominio degli Orsini Del Balzo, che la persero in seguito alla congiura dei baroni, quando subentrarono gli Aragonesi. Nel 1586 venne acquistata dalla ricca famiglia genovese dei Grimaldi ed infine passò ai Riario Sforza, che furono gli ultimi signori feudali di Montepeloso.

Nel 1799 aderì ai moti repubblicani innalzando l'albero della libertà, ben presto soffocati dalle truppe del cardinale Fabrizio Ruffo. Dopo l'unità d'Italia fu interessata dal fenomeno del brigantaggio.

Meritano sicuramente una visita la cattedrale di Santa Maria Assunta, la Chiesa del Convento di San Francesco e il Museo Civico Janora, che ospita la collezione dello storico e archeologo irsinese Michele Janora.

L'economia irsinese si basa in gran parte sull'agricoltura: in particolare sulle coltivazioni cerealicole e viticole. Vi sono inoltre numerose attività artigianali e diverse aziende zootecniche: celebre è la mozzarella di bufala campana.

Irsina è sul numero 5 della nostra rivista digitale e-borghi travel.
Sfogliala ora gratis!

Video di Città Irsina

Altre destinazioni nelle vicinanze

Tricarico
Tricarico
Tricarico possiede un centro storico tra i più importanti e meglio conservati della Basilicata, composto dai quartieri arabi
Matera - 15.69 KM da Irsina
Campomaggiore
Campomaggiore
Campomaggiore, nel Parco delle Piccole Dolomiti Lucane, fu colpito da una frana nel 1885, oggi la parte vecchia si presenta come un prezioso gioiello
Potenza - 24.25 KM da Irsina
Acerenza
Acerenza
Acerenza è un borgo medievale denominato "città cattedrale" per l'imponente tempio che domina il paese.
Potenza - 26.32 KM da Irsina
Castelmezzano
Castelmezzano
A Castelmezzano, con il “Volo dell'Angelo”, si può provare un emozione unica andando alla scoperta del paesaggio e raggiungendo Pietrapertosa
Potenza - 27.05 KM da Irsina
San Mauro Forte
San Mauro Forte
Il borgo di San Mauro Forte si trova in Basilicata ed è famoso per la Sagra dei Campanacci.
Matera - 28.21 KM da Irsina
Pietrapertosa
Pietrapertosa
Il parco delle Dolomiti Lucane, tra Pietrapertosa e Castelmezzano, offre affascinanti panorami e avventure tra la natura, come il Volo dell'Angelo
Potenza - 29.31 KM da Irsina

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Torna Bolgherirun, l'evento sportivo che permette di scoprire, attraverso il divertimento, il fantastico paesaggio della Toscana.
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di