Furore è un piccolo gioiello arroccato sulla Costiera Amalfitana, in Campania.
 
CERCA PER ZONA

Furore

Il paese che non c'è
Leggi di più

Borgo di Furore
Comune di Furore

Provincia di Salerno
Regione Campania

Abitanti: 776
Altitudine centro: 300 m s.l.m.

Sito Unesco: Costiera Amalfitana

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Città del vino
Paesi dipinti
Città e siti patrimonio mondiale Unesco 

Comune di Furore
Via Mola 29 - Furore (SA)
Tel. 089-874100

Furore è un piccolo gioiello arroccato sulla Costiera Amalfitana, che conta poco meno di 800 abitanti. 

Per la conformazione del paese nascosto tra le montagne, il borgo di Furore è definito “il paese che non c’è”.
Dall’aspetto rigido della roccia e quello fluido del mare, Furore è un borgo diviso in due: da un lato la sua marina, ovvero il Fiordo, dall’altro il paese, con le sue case sparse lungo il costone, praticamente invisibili agli occhi di chi viaggia lungo l’amalfitana.

Facente parte de i Borghi più belli d’Italia, il centro del paese è diviso in tre contrade: Contrada della Gatta, Contrada della Cicala e Contrada del Ciuccio.

A Furore è possibile ammirare la Chiesa di San Giacomo, ovvero la più antica del Fiordo di Furore, la Chiesa di San Michele   e la Chiesa di Sant’Elia.

Il Fiordo è una spaccatura dovuta ad un torrente quasi sempre secco, lo Schiato, che scende a picco dal bordo dell’altopiano di Agerola. Esso è inoltre scavalcato dalla strada statale mediante un ponte sospeso alto 30 m, dal quale, ogni estate, si svolge una tappa del Campionato Mondiale di Tuffi dalle Grandi Altezze.

All'interno del fiordo si trovano lo Stenditoio e la Calcara, due edifici utilizzati per le produzioni locali. Lo Stenditoio era usato per asciugare i fogli di carta estratti dalle fibre di stoffa. La Calcara invece era adibita alla lavorazione delle pietre per l'edilizia locale.

Fondato dai Romani, il borgo di Furore è stato, per la sua particolare conformazione fisico-geografica, una roccaforte inattaccabile anche al tempo delle incursioni saracene.  Emerse dal completo anonimato con la compilazione del catasto carolino del 1752 che restituisce l’immagine di una piccola comunità costiera sparsa sul territorio, priva di terreni coltivabili e scarsamente abitata. I suoi abitanti erano dediti alla pastorizia ed all’artigianato.
Alcune delle famiglie più importanti hanno dato il nome a luoghi e strade: Li Summonti. Le Porpore, Li Cuomi, Li Candidi.
I Summonti si trasferirono a Napoli verso il 1400. Ma lasciarono in Furore la loro impronta di uomini probi, costituendo una cospicua donazione di ducati con le cui entrate annue doveva maritarsi una “zitella povera ed onesta” di Furore.
I Furoresi erano, inoltre, tenuti a recare alla dimora napoletana dei Summonti, in segno di gratitudine e di rispetto “tre rotola di ragoste, bone vive et apte a riceversi”. Fu un casale della Regia città di Amalfi.
Il suo nome, verosimilmente, gli doveva derivare dal fiordo della sua Marina, al cui interno esistevano opifici destinati alla produzione della carta ed alla molitura del grano. Queste attività erano alimentate dalle acque del ruscello Schiatro che scendeva dai Monti Lattari.

Video di PiccolaGrandeItalia.Tv

Altre destinazioni nelle vicinanze

Atrani
Atrani
Atrani è l'unico paese della Costiera Amalfitana a conservare intatto il suo antico carattere di piccolo borgo di pescatori.
Salerno - 4.98 KM da Furore
Erchie
Erchie
Erchie è un borgo marinaro situato sulla Costiera Amalfitana, in Campania.
Salerno - 9.7 KM da Furore
Cetara
Cetara
Cetara è un tipico borgo marinaro della Costiera Amalfitana noto per la famosa colatura di alici.
Salerno - 12.81 KM da Furore
Albori
Albori
Albori è la frazione più piccola di Vietri sul Mare, sulla Costiera Amalfitana.
Salerno - 14.31 KM da Furore
Vietri sul Mare
Vietri sul Mare
Il borgo di Vietri sul Mare si trova sulla Costiera Amalfitana, nei pressi di Salerno.
Salerno - 15.58 KM da Furore
Sieti
Sieti
Il borgo di Sieti si trova in Campania, all'interno del Parco Regionale dei Monti Picentini.
Salerno - 32.5 KM da Furore

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
Un luogo incantato, ricostruito come il set di un film, e il suo fantasma, protettore dell'amore puro
By Ivan Pisoni
Ricetta: le Fave ncrapiate di Ostuni
Ricetta: le Fave ncrapiate di Ostuni
Assaggiamo i sapori tipici di uno dei più caratteristici borghi pugliesi, Ostuni
By Nadia Calasso
Ricetta: Pasta e patate nella Tajedda
Ricetta: Pasta e patate nella Tajedda
La pasta e patate nella "Tajedda" è un piatto della tradizione calabrese e soprattutto silana. Un primo piatto con ingredienti semplici e genuini, facile da preparare ed ottimo da gustare.
By Nadia Calasso
Ricetta: Pan De Mej - Dolce tipico di Angera
Ricetta: Pan De Mej - Dolce tipico di Angera
Il Pan De Mej è un dolce tipico di Angera, un caratteristico borgo che si trova sul Lago Maggiore. Da assaggiare assolutamente e preparare a casa. Ecco la ricetta
By Nadia Calasso
Ricetta: Sagne piccantine specialità d'Abruzzo
Ricetta: Sagne piccantine specialità d'Abruzzo
Sagne piccantine, specialità d'Abruzzo da assaggiare assolutamente se in uno di questi giorni estivi siete in vacanza in Abruzzo, una bontà che vi piacerà anche preparandola a casa.
By Nadia Calasso
Musica, arte e cinema da non perdere in Calabria
Musica, arte e cinema da non perdere in Calabria
Musica, arte e cinema da non perdere in Calabria per un estate ricca di emozioni. Ecco gli eventi se siete in vacanza tra i borghi di questa regione.
By Nadia Calasso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di