Castello e Molina di Fiemme costituiscono un comune sparso e sono situati nella parte medio-bassa della Val di Fiemme.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Castello-Molina di Fiemme

Due borghi in un colpo solo
Leggi di più

Comune di Castello-Molina di Fiemme
Provincia di Trento
Regione Trentino Alto Adige

Abitanti: 2.277 (1.070 a Castello e 735 a Molina)
Altitudine centro: 1005 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Itinerari verdi ciclabili - Greenways
Comunità Montana Val di Fiemme

Comune di Castello-Molina di Fiemme
Via Roma 38 - Castello di Fiemme (TN)
Tel. +39 0462 340013

Due borghi principali (Castèl e Molina in dialetto fiammazzo), distanti circa 2 km l’uno dall’altro: Castello, che mantiene ancora viva la trama edilizia cinquecentesca alla quale si mescola una buona dotazione di strutture turistiche; Molina, frazione nota in passato soprattutto per la presenza di mulini (ora scomparsi), che offre all’ospite la possibilità di godere in piena tranquillità della natura incontaminata dei prati e dei boschi circostanti.

Castello di Fiemme è un tipico villaggio fiemmese di antica costruzione (III sec. d.c.) raccolto in un'ampia e soleggiata conca prativa. Il clima è asciutto e salubre: la zona registra la minor quantità di precipitazioni annue di tutta la valle. Il nome Castello di Fiemme deriva dall'antico maniero posto sul colle roccioso dell’abitato. Nel 1296 il castello fu saccheggiato e dato alle fiamme dagli abitanti della valle perché rappresentava un simbolo di oppressione. Ora vi sorge la chiesa parrocchiale ottocentesca di San Giorgio.

Nel corso dell'Alto Medioevo a Castello si delinearono due entità politico-amministrative: la "Degania" formata da gruppi familiari costituiti o influenzati da elementi di ceppo germanico e la "Villa" formata dai gruppi familiari autoctoni. L'organizzazione della "Degania" che comprendeva anche gli insediamenti di Capriana, Valfloriana, Stramentizzo e le "Case arimanne", sparse qua e là nella Valle di Fiemme gradualmente si trasformò in "Giurisdizione" o "Contea di Castello". Invece la "Villa di Castello" aderì alla Magnifica Comunità Generale di Fiemme a tutti gli effetti, politici e civili.

Ora vi sorge la chiesa parrocchiale ottocentesca di S. Giorgio. A Castello, sono da ammirare quattro edifici medioevali noti come “case romane”. Dalle stradine del paese si affacciano anche vecchie case rustico-signorili, massicce con scale lignee esterne e affreschi sacri. Nei dintorni è da visitare il Doss Zelòr, sede di un castelliere preistorico, dove sono stati rinvenuti vasi fittili dell’epoca del Bronzo e oggetti della seconda Età del Ferro. Castello, come le altre località in fondovalle, è un punto privilegiato di accesso alla pista ciclabile delle Dolomiti.

Molina di Fiemme invece è disteso lungo il torrente Avisio all’imbocco della Val Cadino. Se il nucleo storico di Castello può vantare origini antiche, quello Molina è invece relativamente recente, sorto ed ingranditosi intorno a due antichi mulini, detti del "Giaco Maros" e del "Ziperian", che si trovavano sul rio Predaia e nei quali si macinava il grano coltivato nella piana di Castello. A partire dal XVIII secolo l'abitato di Molina si ingrandì progressivamente, grazie all'avvento della società industriale e al conseguente forte sviluppo che ebbero tutti i settori artigianali legati alla lavorazione del legno e della creta, che prosperarono a Molina grazie all'abbondanza di energia idrica del torrente Avisio, del rio Cadino e del rio Predaia. In brevissimo tempo a Molina aumentarono gli insediamenti di famiglie provenienti da tutti i centri della valle di Fiemme e dalle valli vicine, tanto che all'inizio del nostro secolo, Molina insieme a Predaia e Stramentizzo, arrivò ad avere un numero di abitanti superiore alla sede municipale di Castello.

Le costruzioni del borgo sono caratterizzate dallo stile fiemmese. Un’altra particolarità è data dai tetti ricoperti da tavolette a squame di ceramica, prodotti nelle fornaci della zona. La chiesa parrocchiale invece sorge nella parte alta del paese. Fu costruita nel 1852 ed è stata consacrata a S. Antonio da Padova. Molina offre all’ospite diverse attività nella natura, in inverno per lo sci di fondo, grazie alla pista della Marcialonga, e in estate nella miriade di sentieri e percorsi escursionistici. Molina é anche il punto di partenza della Pista ciclabile delle Dolomiti. Il suo parco acrobatico per il tarzaning attrae giovani e famiglie. Salendo verso la Val Cadino tra le vette del Lagorai, si arriva al famoso Passo Manghen (2.047 m.) che collega le valli dell’Avisio alla Valsugana.

Altre destinazioni nelle vicinanze

Carano
Carano
Il piccolo borgo di Carano si trova in Val di Fiemme, in Trentino.
Trento - 1.75 KM da Castello-Molina di Fiemme
Cavalese
Cavalese
Il borgo di Cavalese è il capoluogo storico e amministrativo della Val di Fiemme, in Trentino Alto Adige.
Trento - 2.91 KM da Castello-Molina di Fiemme
Daiano
Daiano
Daiano è il borgo della Val di Fiemme, in Trentino, che può contare sul maggior numero di ore di sole.
Trento - 3 KM da Castello-Molina di Fiemme
Varena
Varena
Varena, in Val di Fiemme, è uno dei borghi più antichi di tutto il Trentino.
Trento - 3.76 KM da Castello-Molina di Fiemme
Valfloriana
Valfloriana
Il Carnevale dei Matòci di Valfloriana, in Val di Fiemme, è uno dei pochi carnevali arcaici rimasti nell’Arco Alpino.
Trento - 6.84 KM da Castello-Molina di Fiemme
Capriana
Capriana
Capriana è il borgo più piccolo e decentrato della Val di Fiemme, in Trentino Alto Adige.
Trento - 7.01 KM da Castello-Molina di Fiemme

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Viaggio nella Valle dei Mocheni, la valle incantata del Trentino Alto Adige
Viaggio nella Valle dei Mocheni, la valle incantata del Trentino Alto Adige
Andiamo alla scoperta della Valle dei Mocheni, anche definita la Valle incantata. Un luogo dal fascino unico, nel cuore del Trentino Alto Adige.
By Redazione
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di