Acquaviva Collecroce, di origini croate, si trova tra i fiumi Biferno e Trigno in collina. Della tradizione slava, si conservano canti e usanze
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Acquaviva Collecroce

Templari e Croati

La cucina tipica di Acquaviva Collecroce si basa ancora sui prodotti della terra e della pastorizia. La cucina locale è una cucina semplice che ha conservato sapori antichi e tutta la sua genuinità, donando aromi fragranti che si diffondono tra i vicoli del paese. Nella cultura gastronomica del paese spiccano salumi squisiti, ricchi formaggi, primi piatti ben conditi con pasta fatta in casa, il tutto piuttosto piccante e saporito, il pane cotto ancora oggi nei forni a legna e la carne di maiale utilizzata per la produzione di insaccati, come la salsiccia, la ventricina e la soppressata, preparati ancora secondo i canoni dettati dalla tradizione. Sulle tavole di Acquaviva Collecroce, possiamo trovare piatti come i Cavatelli con sugo di salsiccia o ventricina (Kuca s kobascom o vindričinom) e lo Spezzatino di carne con cacio e uova (Sirajaji) oppure il Pane spaccato (la Panunda), una pagnotta di pane tagliata a metà ripiena con peperoni pezzetti di salsiccia fritti e frittata.
Piatto tipico della tradizione di Acquaviva Collecroce è il Varak, una zuppa di legumi e cereali preparata in occasione della ricorrenza di San Donato, il 7 agosto. Da ricordare ancora i tagliolini al latte (Rizandze s mblikam), tagliolini fatti in casa conditi con latte e insaporiti con la cannella che vengono preparati per il giorno dell’Ascensione.
I dolci, preparati con grande attenzione e nel rispetto della tradizione, sono legati alla storia del territorio e alle ricorrenze religiose. Anche ad Acquaviva Collecroce si possono assaggiare i dolci natalizi come i Calcioni, dolci ripieni di pasta di ceci, le Caragnole, fettucce di pasta composte in forma circolare fritte e poi cosparse di miele e i Mostaccioli, la Pigna e il Fiadone con la ricotta o il formaggio preparati per Pasqua. Tra i dolci tipici, posto d’onore va ai Kolači, dolci ripieni di mosto cotto, marmellata di uva, noci e mandorle tritate, miele, cannella e scorza d’arancia (ripieno detto kaškavuniska). Si preparano tradizionalmente per il 3 febbraio, festa di San Biagio ed erano anche il dolce principale che si preparava nelle grandi occasioni, come per esempio i matrimoni. Sempre in occasione della festa di San Biagio è devozione preparare le cosìdette Pandice, due o quattro pagnottine di pane unite insieme al cui centro vengono incise con una chiave. Le Pandice insieme ai Kolači venivano benedetti in chiesa e al termine della funzione religiosa venivano distribuite alle persone forestiere che si recavano ad Acquaviva Collecroce in questo giorno per farsi benedire la gola. Tra gli altri prodotti del territorio possiamo ricordare anche l’olio extravergine di oliva e i vini locali di ottima qualità.

Altre destinazioni nelle vicinanze

Roccavivara
Roccavivara
Roccavivara, all'interno del Parco delle Morge, gode di una posizione geografica davvero spettacolare ed è ricco di risorse
Campobasso - 12.58 KM da Acquaviva Collecroce
Larino
Larino
Larino è una delle località turistiche più importanti del Molise. Al centro del paese merita una visita la cattedrale di San Pardo e all’Assunta
Campobasso - 15.56 KM da Acquaviva Collecroce
Trivento
Trivento
Trivento è noto per la scalinata di San Nicola, composta da 365 scalini, e per l’interessante Cattedrale
Campobasso - 18.64 KM da Acquaviva Collecroce
Termoli
Termoli
Termoli è un borgo antico il cui centro si distingue per i vicoli stretti e tortuosi, tra cui Vico II Castello, uno tra i più stretti d’Europa.
Campobasso - 25.08 KM da Acquaviva Collecroce
Pietracupa
Pietracupa
Il borgo di Pietracupa è caratterizzata dalla presenza di caverne di piccola dimensione, in passato utilizzate come antiche dimore
Campobasso - 27.88 KM da Acquaviva Collecroce
Bagnoli del Trigno
Bagnoli del Trigno
Il borgo di Bagnoli del Trigno è uno tra i più pittoreschi comuni del Molise da meritarsi l’appellativo di “Perla del Molise”
Isernia - 30.05 KM da Acquaviva Collecroce

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di