Acquaviva Collecroce si trova in Molise tra i fiumi Biferno e Trigno
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Acquaviva Collecroce

Templari e Croati
Leggi di più

Comune di Acquaviva Collecroce
Provincia di Campobasso
Regione Molise

Abitanti: 654
Altitudine centro: 425 m s.l.m.

Comune di Acquaviva Collecroce
Piazza Nicola Neri 1 - Acquaviva Collecroce (CB)
Tel. +39 0875 970128

Acquaviva Collecroce (Živavoda Kruc in croato molisano) è uno dei tre comuni molisani di origine croata. La presenza di popolazioni slave è testimoniata dal XVI secolo. Esse sono giunte in Italia contemporaneamente agli Albanesi, tra la fine del XV secolo e gli inizi del XVI secolo, provenienti forse dalla valle della Narenta, nell'attuale Bosnia ed Erzegovina e Croazia. La lingua, il croato molisano, è štokava-ikava, ed è tuttora parlata insieme all'italiano.

Testimonianze del primitivo borgo si hanno dal XIII secolo, composto da due casali di "Acquaviva" e "Collecroce". Nel XVI secolo le popolazioni croate diedero nuovamente vitalità al borgo, il cui centro di Collecroce era stato abbandonato.
Il centro fu noto col nome di "Sant'Angelo in Palazzo". Il governo appartenne ai Cavalieri Templari dell'Ordine di Malta, fino al 1785. Nel 1809 il territorio fu assoggettato al Contado di Salerno, e poi nel Distretto di Larino. La chiesa parrocchiale di Santa Maria Ester appartenne alla diocesi di Guardialfiera, successivamente soppressa e aggregata a Termoli. Dopo aver raggiunto nel 1911 oltre 2mila abitanti, Acquaviva ha iniziato a vedere un lento spopolamento del borgo per l'emigrazione. Dal 1949 fa parte della provincia di Campobasso.

La presenza di abbondante acqua ebbe evidentemente a determinare sia la scelta del sito per l'insediamento che il nome del paese, Acquaviva, cui successivamente fu aggiunto Collecroce oltre che per motivi storici, anche per distinguere il comune da altri esistenti in Italia con lo stesso nome o anche per il maestoso Calvario con tre Croci posto, da sempre, alle sommità del paese e quindi su di un colle. Nell'intero territorio del paese si trovano diverse Fontane. Nel lato ovest: nella parte bassa del Colle, la Marmarica e il Pisciariello (Pišaraj), nella parte mediana la Fontana Vecchia (Funda Stara) e la Fontana Nuova (Funda Nova)(1898),e più a monte La Fontanella(Fundica). Nel lato est: l'Okvavit (l'Acquavite) nella parte bassa, le Trocche (Kortij) (1870) nella parte mediana e più a monte la recente Kurtina al posto del precedente Kanalic.

Vi sono altre 5 fontane sparse nella zona che prendono il nome dal soprannome dato ai proprietari terrieri con cui confinano. Alcune delle fontane sopra citate erano usate anticamente per fare il bucato e per potervi attingere acqua per uso domestico con le cosiddette Tine di rame. Nell'andare alla fontana, la Tina veniva portata a braccio e nel tornare, carica d'acqua, veniva portata sulla testa mediante uno strofinaccio fatto a spirale chiamato Spara. L'acqua era prelevata in genere dalle ragazze costrette a fare anche ore di fila per attendere il proprio turno e tale servizio veniva svolto con molto entusiasmo perché permetteva loro di incontrare per strada qualche bel ragazzo.

Altre destinazioni nelle vicinanze

Roccavivara
Roccavivara
Il borgo di Roccavivara, in Molise, è situato all'interno del Parco delle Morge.
Campobasso - 12.58 KM da Acquaviva Collecroce
Larino
Larino
Il borgo di Larino si trova in Molise.
Campobasso - 15.56 KM da Acquaviva Collecroce
Trivento
Trivento
Il borgo di Trivento si trova nel Molise, all'interno del Parco delle Morge.
Campobasso - 18.64 KM da Acquaviva Collecroce
Termoli
Termoli
Termoli, in provincia di Campobasso, è un borgo antico, nominato dai cittadini Paese vecchio.
Campobasso - 25.08 KM da Acquaviva Collecroce
Pietracupa
Pietracupa
Il borgo di Pietracupa si trova in Molise, all'interno del Parco delle Morge Cenozoiche del Molise.
Campobasso - 27.88 KM da Acquaviva Collecroce
Bagnoli del Trigno
Bagnoli del Trigno
Il borgo di Bagnoli del Trigno si trova in Molise.
Isernia - 30.05 KM da Acquaviva Collecroce

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di