Il borgo di Salorno, in Trentino Alto Adige, si trova in Bassa Atesina.
 
CERCA PER ZONA

Salorno - Salurn

Il regno di Perkeo
Leggi di più

Borgo di Salorno
Comune di Salorno/Salurn

Provincia di Bolzano/Bozen
Regione Trentino Alto Adige

Abitanti: 3.793
Altitudine centro: 224 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Strada del Vino dell'Alto Adige
Comunità Montana Oltradige-Bassa Atesina

Aree naturali protette:
Parco naturale Monte Corno

Comune di Salorno/Salurn
Piazza Municipio 1 - Salorno/Salurn (TN)
Tel. +39 0471 888811

Nei pressi di Salorno (Salurn in tedesco, Salórn in dialetto trentino) la valle dell'Adige si restringe, formando la Chiusa di Salorno (Salurner Klause). Negli ultimi due secoli la chiusa ha costituito una barriera simbolica tra la parte germanofona e italofona (oggi Trentino) del Tirolo storico e viene tradizionalmente considerata il confine linguistico tra l'area di lingua germanica e quella di lingua italiana in Val d'Adige. Oggi la maggioranza dei salornesi è di lingua italiana. Buona parte del suo territorio fa parte del Parco naturale Monte Corno. Un'altra area protetta è il biotopo Paludèl.

Il toponimo è attestato come Salurnis nella seconda metà dell'VIII secolo, come Salurne nel 1184-1186 e come Salurn nel 1288. Deriva probabilmente da un tema preromano sala col significato di palude.
sin dal Duecento i Conti del Tirolo ottennero il controllo del borgo. È del 1403 l'importante Weistum (statuto di regola) che definisce i diritti della comunità verso il potere asburgico, redatto interamente in lingua tedesca. Fino alla Prima Guerra Mondiale Salorno fece parte dell'Impero austro-ungarico, in seguito alla vittoria italiana suggellata dal Trattato di Saint-Germain-en-Laye venne annesso al Regno d'Italia.

Durante il Ventennio fascista il comune di Salorno fu aggregato alla provincia di Trento, assieme a tutta la Bassa Atesina, per facilitarne l'italianizzazione. L'uso del tedesco in pubblico e il suo insegnamento vennero vietati, ma la minoranza di lingua tedesca si organizzò istituendo classi clandestine in cui si insegnava la lingua tedesca (le cosiddette Katakombenschulen): il salornese Josef Noldin fu tra i principali organizzatori e fu per questo deportato dal governo fascista sull'isola di Lipari. Nel 1948 Salorno passò alla provincia di Bolzano secondo quanto stabilito dal primo statuto d'autonomia del Trentino-Alto Adige e vista anche la volontà manifestata dalla popolazione di lingua tedesca della Bassa Atesina.

Merita sicuramente una visita il Castello di Salorno, situato a sud del borgo. Alcuni piatti caratteristici della cucina locale sono lo strudel, i canederli, i crauti, i Würstel, lo strauben e lo Speck.

Video di RENA LOCUSTA

Altre destinazioni nelle vicinanze

Capriana
Capriana
Capriana è il borgo più piccolo e decentrato della Val di Fiemme, in Trentino Alto Adige.
Trento - 10.12 KM da Salorno - Salurn
Valfloriana
Valfloriana
Il Carnevale dei Matòci di Valfloriana, in Val di Fiemme, è uno dei pochi carnevali arcaici rimasti nell’Arco Alpino.
Trento - 11 KM da Salorno - Salurn
Castello-Molina di Fiemme
Castello-Molina di Fiemme
Castello e Molina di Fiemme costituiscono un comune sparso e sono situati nella parte medio-bassa della Val di Fiemme.
Trento - 17.12 KM da Salorno - Salurn
Carano
Carano
Il piccolo borgo di Carano si trova in Val di Fiemme, in Trentino.
Trento - 18.38 KM da Salorno - Salurn
Daiano
Daiano
Daiano è il borgo della Val di Fiemme, in Trentino, che può contare sul maggior numero di ore di sole.
Trento - 19.37 KM da Salorno - Salurn
Cavalese
Cavalese
Il borgo di Cavalese è il capoluogo storico e amministrativo della Val di Fiemme, in Trentino Alto Adige.
Trento - 19.94 KM da Salorno - Salurn

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Poesia Festival '19, versi d'autore nel cuore dell'Emilia
Poesia Festival '19, versi d'autore nel cuore dell'Emilia
Dal 16 al 22 settembre torna l'evento promosso dai comuni delle Terre di Castelli: noti protagonisti del teatro, del cinema e della musica animeranno l'attesissima edizione numero 15
By Redazione
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Fritto tradizionale, simbolo di abbondanza, la Scurpella è il dolce che festeggia le grandi occasioni
By Redazione
Ricetta: il Brasato al Barolo
Ricetta: il Brasato al Barolo
Il brasato al Barolo è un piatto piemontese ricco di sapori gustosi per il palato
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di