Il borgo di Montescaglioso si trova all'interno del Parco delle Chiese Rupestri del Materano, in Basilicata.
 
CERCA PER ZONA

Montescaglioso

Il borgo dei Monasteri

Comune di Montescaglioso
Provincia di Matera
Regione Basilicata

Abitanti: 9.940
Altitudine centro: 352 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città dei sapori
Città dell'olio

Aree naturali protette:
Parco delle Chiese Rupestri del Materano

Comune di Montescaglioso
Via Cosimo Venezia 1 - Montescaglioso (MT)
Tel. +39 0835 2091

Pro Loco Montescaglioso
Piazza San Giovanni Battista 15 - Montescaglioso (MT)
Tel. +39 0835 200630

Montescaglioso (Mònde in dialetto montese, anticamente Mons Caveosus o Mons Scabiosus) è un importante centro storico-culturale noto come la Città dei Monasteri per la presenza di quattro complessi monastici, tra i quali spicca l'abbazia di San Michele Arcangelo.

I primi insediamenti nel territorio di Montescaglioso risalgono al VII secolo a.C. L'intera area, strettamente collegata alla città magnogreca di Metaponto (fondata da coloni greci a metà del VII secolo a.C. in prossimità della foce del fiume Bradano), vive di intensi scambi e contatti con i centri greci della costa ionica. Con la decadenza di Metaponto in epoca romana ed il progressivo insabbiamento del porto della città greca, Montescaglioso assunse un ruolo sempre più importante nel territorio circostante. È probabile, infatti, che una parte della popolazione di Metaponto, costretta ad abbandonare la città e a disperdersi negli abitati limitrofi dopo essersi schierata con Annibale nel 207 a.C. durante la seconda guerra punica, si sia trasferita a Montescaglioso. Alla fase romana della città appartiene un mosaico che attesta la presenza a Montescaglioso di una magistratura repubblicana e di un grande edificio pubblico. Un telamone in tufo proveniente da un altro palazzo pubblico di Montescaglioso è conservato nel Museo nazionale della Magna Grecia di Reggio Calabria.

Divenuta roccaforte bizantina, dopo il 1000 fu conquistata dai Normanni e accolse un'importante comunità benedettina con il conte normanno Rodolfo Maccabeo. In seguito Federico II l'assegnò a Manfredi. Sotto gli Angioini e gli Aragonesi fu feudo di vari signori: del Balzo, d'Avalos, Orsini, Loffredo, Grillo e Cattaneo.
Fin dall'inizio del XX secolo il paese conobbe la presenza del Partito Socialista Italiano, rispettando in tal senso la tendenza lucana che nei primi anni del Novecento vide attecchire gli ideali legati all'internazionalismo proletario di stampo marxista. Nonostante il regime fascista, e nonostante il paese ospitasse la vedetta della Marina Militare, l'attività dei partiti antifascisti è sempre stata attiva e ciò è testimoniato dal fatto che all'annuncio dell'arresto di Benito Mussolini, avvenuto il 25 luglio 1943 in seguito all'approvazione da parte del Gran consiglio del fascismo della mozione di sfiducia proposta da Dino Grandi, la popolazione del paese reagì con violente manifestazioni contro il podestà Francesco Locantore fino a giungere, il 19 settembre, alla sua uccisione, benché vi fossero in paese le truppe canadesi arrivate quello stesso giorno.

Subito dopo la caduta del regime l'attività politica del paese riprese con vigore e tornarono a farsi sentire quei malumori presenti da sempre nell'animo dei cittadini, legati alle usurpazioni delle terre demaniali e alla presenza del latifondo con i suoi rapporti di produzione basati sui soprusi.

Meritano sicuramente una visita la Chiesa Madre, l'Abbazia benedettina di San Michele Arcangelo, il Castello Normanno e il Santuario della Madonna della Murgia, la chiesa più importante del patrimonio rupestre di Montescaglioso.

Tradizione e gusto caratterizzano la cucina di Montescaglioso, una delle “città dell’olio” lucane. Non è un caso che sulla tavola montese non manchi mai l’olio extravergine d’oliva lucano DOP, estratto per lo più dalla spremitura dell’oliva Maiatica di Ferrandina, che ne rende delicato e fruttato il sapore, utilizzato in gran parte dei piatti tipici. Ottime anche le produzioni di prodotti sott’olio quali pomodori, melanzane e carciofini.

Il ricco menù comprende la tipica casa fatta in casa, dominano orecchiette e cavatelli, oltre carni ovine e caprine alla brace, e poi la cosiddetta “Cialledda”, una minestra a base di pane, cipolle, olio d’oliva, pecorino e peperoncino. Il tutto, ovviamente, annaffiato da ottimo vino locale, soprattutto in occasione dell’evento enogastronomico “In Vino Veritas”.

Video di Giuseppe Scocuzza

Altre destinazioni nelle vicinanze

Metaponto
Metaponto
Metaponto è una tra le più importanti località balneari della costa jonica lucana.
Matera - 23.86 KM da Montescaglioso
Craco
Craco
Craco, poco distante da Matera, è definito il "paese fantasma"
Matera - 27.53 KM da Montescaglioso
San Mauro Forte
San Mauro Forte
Il borgo di San Mauro Forte si trova in Basilicata ed è famoso per la Sagra dei Campanacci.
Matera - 35.65 KM da Montescaglioso
Cassano delle Murge
Cassano delle Murge
Cassano delle Murge è un borgo adagiato sulle pendici della Murgia, da cui guarda la città di Bari.
Bari - 38.06 KM da Montescaglioso
Tursi
Tursi
Tursi, in Basilicata, è un borgo ricco di religiosità e poesia.
Matera - 38.33 KM da Montescaglioso
Policoro
Policoro
Il borgo di Policoro sorge nella piana del Metaponto, a 3 chilometri dal Mar Ionio, in Basilicata.
Matera - 38.46 KM da Montescaglioso

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Sulla sponda occidentale del Lario, a pochi chilometri da Menaggio, di fronte a Bellagio e Varenna, sorge un piccolo borgo antico, meritevole di una bella gita primaverile
By Joni Scarpolini
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di