Il borgo di Montesano sulla Marcellana si trova in Campania nel Vallo di Diano.
 
CERCA PER ZONA

Montesano sulla Marcellana

La vetta che cura
Leggi di più

Borgo di Montesano sulla Marcellana
Comune di Montesano sulla Marcellana

Provincia di Salerno
Regione Campania

Abitanti: 6.653 (4.421 nel borgo)
Altitudine centro: 850 m s.l.m.

Sito Unesco:
Parco Nazionale del Cilento e del Vallo di Diano, Paestum, Velia e Certosa di Padula

il Comune fa parte di:
Città e siti patrimonio mondiale Unesco
Comunità Montana Vallo di Diano

Aree naturali protette:
Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano
Riserva naturale Foce Sele - Tanagro

Comune di Montesano sulla Marcellana
Piazza F. Gagliardi 1 - Montesano sulla Marcellana (SA)
Tel. +39 0975 865189

Montesano sulla Marcellana è il borgo in posizione più elevata rispetto a tutti gli altri del Vallo di Diano.

Al di là delle varie leggende, il toponimo indica in modo inequivocabile i motivi che ne determinarono l’insediamento iniziale.
Si narra che gli abitanti di Marcellinum, paese situato a valle dell'odierna Montesano, a causa dell'aria malsana dovuta ai luoghi paludosi, ed in seguito ad epidemie di peste, si siano rifugiati in collina (a circa 850 m sul livello del mare) ove fu fondato, intorno all'anno mille, il nuovo paese che proprio per la salubrità dell'aria e delle sue numerose sorgenti fu denominato Montesano. Il toponimo "sulla marcellana" deriva dal luogo di origini Marcellinum e dalla strada Marcellana che lo attraversava.

Il casale risale verosimilmente a prima dell’anno Mille e sicuramente ha origine in seguito alla distruzione di Cesariana e di altre città della Valle ad opera dei Saraceni nel 915 d.C. Le prime notizie si hanno nel 1086 e il nome ricompare, poco dopo, nel privilegio che Ruggiero II, Re di Sicilia, concesse all’abate Leonzio di Grottaferrata nell’aprile del 1131. Per la salubrità dell’aria, la ricchezza delle acque e la fertilità del suolo, Montesano fu feudo ambito da molti Signori nel periodo medievale.

Il primo di cui si ha notizia fu Annibaldo di Trasmondo di Roma, che l’ebbe in dono dal Re Carlo D’Angiò nel 1269.
Nel 1271 passò ad Arnolfo Pelagalli che lo dominò per 32 anni. Nel 1303 era in potere di Nicola de Molinis e, due anni dopo, di Iozolino d’Amendolia. Fu in questo periodo che il borgo conobbe le devastazioni delle guerre e perciò il governo angioino gli accordò l’esenzione fiscale per tre anni. Fu, in seguito, dominio di Guglielmo de Ponziaco e poi di suo figlio Giovanni fino al 1320, anno in cui passò alla di lui moglie Francesca de Laia. Nel 1333 era Signore di Montesano Roberto de Ponziaco, Maestro razionale della Gran Corte. Nel 1337 Guglielmo Sanseverino, figlio del conte Tommaso, fondatore della Certosa di Padula, comprò il feudo dal suddetto Roberto e, nel 1346, lo cedette a sua moglie Margherita di Scotto, che lo tenne col titolo di Contea per ben 54 anni. Nei successivi trecento anni molti altri Signori si avvicendarono nella dominazione del Borgo; tra gli altri si ricorda Guglielmo Sanseverino al quale il feudo venne tolto nel 1496 per ribellione al Re Federico d’Aragona e dato a Dimas de Requesens.

Per gli abitanti, nel corso di tutti questi secoli, la vita non trascorse certamente tranquilla a causa di continue carestie, epidemie e terremoti che periodicamente facevano la loro comparsa. Nel 1348 ci fu la peste nera che si rifece viva nel 1656. Nel ‘700, però, si verificò una sensibile ripresa demografica con conseguente incremento del tessuto urbanistico. La ventata rivoluzionaria che investì il Meridione con la proclamazione della Repubblica Napoletana nel 1799, fece sentire i suoi effetti anche a Montesano, dove si verificarono tumulti e violenze tra monarchici e repubblicani, questi ultimi decisi a modificare il vecchio assetto sociale. Il 17 febbraio fu barbaramente ucciso il “democratizzatore” Nicola Cestari, che era stato eletto presidente della Municipalità. Ristabilito l’ordine, Montesano divenne libero Comune e potè godere di un periodo di relativo benessere.

Il 21 ottobre 1860, in occasione del Plebiscito per l’annessione al Regno d’Italia, il paese fu al centro di una rivolta ad opera di filoborbonici. La reazione, però, fu presto domata anche per l’intervento di truppe delle Guardie Nazionali dei paesi limitrofi. Intanto tre anni prima e precisamente il 16 dicembre 1857 un violento terremoto aveva spazzato via le tracce materiali delle passate dominazioni, distruggendo il castello insieme con le due chiese parrocchiali di S. Nicola e S. Andrea. Con la cacciata dei Borboni e la costituzione del Regno d’Italia, anche nel territorio di Montesano si diffuse la piaga del brigantaggio ad opera di bande provenienti dal Cilento e dalla vicina Basilicata.

Sul territorio a valle che delimita la fine del Vallo di Diano in direzione sud esiste da diversi anni ormai, il parco regionale "Cerreta - Cognola", un'oasi di verde costituita da un vastissimo bosco di alberi secolari, al cui interno vengono allevati allo stato brado, diverse specie di animali, ormai quasi scomparse allo stato libero. Risalendo il territorio comunale verso l'abitato capoluogo, si incontra la zona "termale", caratterizzata da una consistente presenza di sorgenti di acque oligominerali, e qui, nei pressi dello stabilimento termale, l'amministrazione comunale ha creato "un'oasi di benessere", un percorso pedestre attrezzato, dal quale si può godere anche di una bellissima vista panoramica. Oltrepassato il capoluogo, si incontrano alcuni altopiani, posizionati a diverse altitudini che variano dai 900 ai 1200 metri. Il più vasto è la piana di Magorno - Tardiano, in questa pianura, di inverno se la piovosità lo consente, si forma un piccolo lago alluvionale. Se si decide di imboccare uno dei vari sentieri che si inerpicano su per i monti della Maddalena, tra boschi e prati, non è difficile imbattersi in mandrie di bovini lasciate libere di pascolare, in volpi e cinghiali. Di particolare interesse le grotte di S. Angelo in località Lucito, da visitare per l'incontaminata bellezza.

L'economia si basa prevalentemente su agricoltura e artigianato. L'allevamento zootecnico permette la produzione di salumi e derivati dalla lavorazione del latte.

Video di Visit Montesano Mirabiliae

Altre destinazioni nelle vicinanze

Rivello
Rivello
Il borgo di Rivello e lo splendido Convento di Sant'Antonio si trovano in Basilicata.
Potenza - 22.44 KM da Montesano sulla Marcellana
Satriano di Lucania
Satriano di Lucania
Il borgo di Satriano di Lucania si trova in Basilicata, ai piedi dell'antica Satrianum.
Potenza - 30.48 KM da Montesano sulla Marcellana
Maratea
Maratea
Maratea è l'unico borgo della Basilicata ad affacciarsi sul Mar Tirreno.
Potenza - 31.37 KM da Montesano sulla Marcellana
Laurino
Laurino
Il borgo di Laurino si trova in Campania nella regione storica del Cilento.
Salerno - 31.6 KM da Montesano sulla Marcellana
Cuccaro Vetere
Cuccaro Vetere
Il borgo di Cuccaro Vetere si trova in Campania.
Salerno - 35.66 KM da Montesano sulla Marcellana
Pietrapertosa
Pietrapertosa
Il borgo di Pietrapertosa pare sia sorta nell'VIII sec. a.C., sulle Dolomiti Lucane, ad opera dei Pelasgi.
Potenza - 40.8 KM da Montesano sulla Marcellana

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Poesia Festival '19, versi d'autore nel cuore dell'Emilia
Poesia Festival '19, versi d'autore nel cuore dell'Emilia
Dal 16 al 22 settembre torna l'evento promosso dai comuni delle Terre di Castelli: noti protagonisti del teatro, del cinema e della musica animeranno l'attesissima edizione numero 15
By Redazione
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Fritto tradizionale, simbolo di abbondanza, la Scurpella è il dolce che festeggia le grandi occasioni
By Redazione
Ricetta: il Brasato al Barolo
Ricetta: il Brasato al Barolo
Il brasato al Barolo è un piatto piemontese ricco di sapori gustosi per il palato
By Redazione
Ricetta: I Bocconotti
Ricetta: I Bocconotti
Dolci tipici del Sud Italia, il ripieno dei bocconotti varia in base alla località in cui vengono prodotti
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di