Subiaco, nel Lazio, costituisce l'area più prossima a Roma per la pratica degli sport invernali.
 
CERCA PER ZONA

Subiaco

Il rifugio dei Santi
Leggi di più

Borgo di Subiaco
Comune di Subiaco

Città Metropolitana di Roma Capitale
Regione Lazio

Abitanti: 8.987
Altitudine centro: 408 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Comunità Montana dell'Aniene
Città dei bambini

Aree naturali protette:
Parco Naturale Regionale Monti Simbruini

Comune di Subiaco
Piazza S. Andrea 1 - Subiaco (RM)
Tel. +39 0774 8161

Ufficio Turistico di Subiaco
Tel. +39 0774 85050

Il borgo di Subiaco, oltre che per l'omonima stazione sciistica, è parimenti noto e apprezzato per il territorio montano, all'interno del quale si estende una faggeta secolare tra le più vaste d'Europa. Il suo altopiano, di non comune bellezza sotto il profilo naturalistico, si sviluppa su un'area di 3000 ettari e trova protezione all'interno dei confini del Parco Naturale Regionale dei Monti Simbruini.

Popolata dagli Equi e dai Latini, la zona divenne una meta di villeggiatura assai frequentata dai Romani come testimoniano i resti della Villa Imperiale fatta costruire da Nerone. Proprio sui resti di questa villa nel V secolo d.C. San Benedetto da Norcia fece costruire uno dei dodici monasteri della zona, tutti in seguito distrutti dai saraceni, fatta eccezione per quello di Santa Scolastica. La storia di Subiaco è legata anche a quella della stampa: fu proprio nei locali del monastero che nel 1465 due stampatori tedeschi diedero vita alla prima tipografia italiana.

Le origini dell'attuale abbazia benedettina risalgono agli inizi del VI secolo, allorché san Benedetto da Norcia, dopo l'esperimento di vita eremitica condotto in un antro presso l'antica villa ivi costruita da Nerone, fondò nella zona del sublacense tredici monasteri per dare ospitalità ai suoi primi discepoli, provenienti in parte dalla nobiltà romana. In seguito (XII secolo) per iniziativa degli abati fu costruito il santuario-monastero del Sacro Speco, eretto sopra l'originaria memoria del Santo.

Dei tredici monasteri fondati da san Benedetto è rimasto solo l'attuale monastero di Santa Scolastica inizialmente dedicato a San Silvestro, che vanta il titolo di Protocenobio della Congregazione Sublacense dell'Ordine benedettino. Gli altri andarono distrutti o furono abbandonati. Nel IX secolo il monastero subì due devastazioni da parte dei saraceni. Nel X secolo ricevette donazioni da diversi papi (Giovanni X, Leone VII, Giovanni XII, Benedetto VII, Gregorio V) che ingrandirono il territorio dell'abbazia.

Sempre con il favore pontificio, l'abbazia conobbe un periodo di grande splendore nei secoli XI e XII diventando feudo assai ambito per la sua potenza economica e politica. Le continue lotte con le famiglie feudali portarono tuttavia alla sua decadenza. Eretta in commenda da papa Callisto III (1456), fu affidata al cardinale Giovanni Torquemada (Juan de Torquemada), zio del famoso inquisitore. Nel 1467 passò poi a Rodrigo Borgia, futuro papa Alessandro VI e, successivamente, ai Colonna (1492), ai Borghese (1608) e ai Barberini (1633).

Nel 1753, papa Benedetto XIV privò gli abati commendatari della giurisdizione temporale, lasciando però quella ecclesiastica e spirituale. Soppressa dai francesi (all'inizio del XIX secolo), restaurata poco dopo da papa Pio VII, l'abbazia fu reintegrata nei suoi privilegi di abbazia nullius da papa Benedetto XV (1915).

Francesco Bulgarini, nel 1848 parla di contadini montagnoli «ciociari» in riferimento a dei mezzadri provenienti stagionalmente, dal circondario di Subiaco, a Tivoli, per coltivare granturco. Nel 1867 Subiaco fu testimone della Campagna dell'Agro Romano per la liberazione di Roma voluta da Giuseppe Garibaldi. Nel mese di ottobre vi furono trucidati in uno scontro con i pontifici il capitano garibaldino milanese Emilio Blenio ed alcuni suoi compagni. I resti dei garibaldini furono traslati a cura della Società Reduci Patrie Battaglie da Subiaco nell'Ara-Ossario di Mentana come risulta da documenti conservati in archivio. Da Subiaco inoltre proveniva anche uno dei Mille, Luigi Pistoia, al quale è intitolata una piazzetta (Piazzetta Luigi Pistoia).

Nel XX secolo gli eventi bellici della II guerra mondiale provocarono gravi danni alla città distruggendo quasi per intero il centro storico e danneggiando gravemente chiese e monumenti. Al termine del conflitto tutto fu faticosamente ricostruito e restaurato, tornando ad essere così polo d’attrazione per il turismo religioso, ambientale, culturale e sportivo.

Subiaco è raccolto intorno alla Rocca dei Borgia e disposto in forte pendenza. Giungendo al borgo si è accolti dal Ponte Medievale di San Francesco, costruito nel 1358, che scavalca il fiume Aniene e porta all’omonimo convento dedicato al Santo di Assisi. All’ingresso della città si trova anche l’Arco Trionfale eretto per volere di Papa Pio VI. Altro caratteristico scorcio di Subiaco è il Borgo Medievale degli Opifici situato sulla riva sinistra del fiume e che costituisce il più antico quartiere del borgo.

Video di Visit Lazio

Altre destinazioni nelle vicinanze

Fiuggi
Fiuggi
Fiuggi è situato nel rinomato centro termale della Ciociaria e le sue acque termali sono storicamente famose.
Frosinone - 16.7 KM da Subiaco
Sante Marie
Sante Marie
Sante Marie, facente parte dei Borghi Autentici d'Italia, è un tipico paese montano abruzzese ricco di storia.
L'Aquila - 21.75 KM da Subiaco
Scurcola Marsicana
Scurcola Marsicana
Il borgo di Scurcola Marsicana si trova in Abruzzo nella regione storica della Marsica.
L'Aquila - 25.3 KM da Subiaco
Ferentino
Ferentino
Il borgo di Ferentino si trova nella Valle del Sacco, nel Lazio.
Frosinone - 28.34 KM da Subiaco
Lariano
Lariano
Il borgo di Lariano, nel Lazio, deve la sua fama alla celeberrima Sagra dei funghi porcini.
Roma - 31.12 KM da Subiaco
Rocca Priora
Rocca Priora
Rocca Priora, che fino ai primi del novecento fu la ghiacciaia di Roma, sorge affacciata strategicamente sulla valle latina ed offre ancora oggi atmosfere e panorami montani.
Roma - 31.58 KM da Subiaco

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Un giorno con Napoleone
Un giorno con Napoleone
La manifestazione culturale "Un giorno con Napoleone" è organizzata dall’Associazione Amici del Luogo della Firma del Trattato di Campoformido col sostegno del Comune di Campoformido e con l’aiuto di molti altri enti e associazioni del territorio, ma anche internazionali.
By Francesca Meneghin
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di