Nel borgo di Vairano Patenora meritano sicuramente una visita il Castello d'Avalos e l'Abbazia della Ferraria. Vairano Patenora propone anche un’ottima tradizione gastronomica.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Vairano Patenora

I sapori della storia
Leggi di più

Borgo di Vairano
Comune di Vairano Patenora

Provincia di Caserta
Regione Campania

Abitanti: 6.580
Altitudine centro: 168 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città della nocciola

Comune di Vairano Patenora
Via Roma - Vairano Patenora (CE)
Tel. +39 0823 643711

Il territorio fu inizialmente occupato dai Sanniti. Dopo la conquista romana (290 a.C., alla fine della terza guerra sannitica) dipese dal municipio di Teanum Sidicinum e in epoca alto-medievale passò ai Longobardi. Nell'XI secolo i normanni vi eressero un castello, coinvolto nelle lotte tra l'imperatore Enrico IV e il re di Sicilia Tancredi. Il conte Ruggero di Chieti, che appoggiava il re Tancredi, respinse l'assedio del castello condotto dalle truppe imperiali e dell'abate Roffredo nel 1193. In seguito furono brevemente ospiti del castello Federico II di Svevia, Carlo II d'Angiò e il papa Gregorio X.

Nel 1437 la città fu saccheggiata dal patriarca Vitellesco. Nel 1460 resistette nuovamente ad un secondo assedio da parte degli angioini, durante la guerra tra il re di Napoli, Ferrante I d'Aragona e il suo rivale Giovanni d'Angiò, ma l'anno successivo il castello fu quasi totalmente distrutto da Marino Marzano, oppositore degli aragonesi e la città rimase depopulata et dehabitata. Il castello attuale venne ricostruito tra il 1491 e il 1503 dal barone Innico II d'Avalos, che ricostruì anche le mura cittadine. Nel 1500 viene eretto il borgo di Marzanello come avamposto.

Nel 1590 Vairano fu acquistata dal barone Antonio Mormile di Frignano Cacciapuoti. I Cacciapuoti ottennero il titolo ducale di Vairano nel 1628 e nel 1660 restaurarono nuovamente il castello, che restò in possesso della famiglia fino all'abolizione del feudalesimo nel 1806.

Durante il periodo fascista, nella Taverna della Catena venne rinchiuso il pensatore e filosofo comunista Antonio Gramsci.

La cinta fortificata del borgo medioevale era intervallata da 14 torri cilindriche su base a scarpata e si apriva con tre porte (porta Oliva, porta di Mezzo, o di Mezzogiorno, e porta Castello, o di Sant'Andrea).

La Taverna della Catena
Nel 1700 lungo le vie consolari di Vairano, Via Latina e Venafrana, sorgevano diverse Taverne, per la sosta e il cambio dei cavalli dei postini e dei viandanti; la più nota è Taverna della Catena la cui denominazione deriva dal fatto che quando i Re si recavano a caccia nella vicina riserva di Torcino, l’incrocio veniva sbarrato da una catena. Fu fatta edificare dal duca Domenico Mariconda intorno al 1720. La suddetta Taverna è passata alla storia come il luogo ove avvenne lo storico incontro del 26 ottobre 1860, che sancì l’Unità d’Italia, tra il re Vittorio Emanuele II e il generale Giuseppe Garibaldi.

Marzanello
Il borgo di Marzanello, località di Vairano Patenora, fu creato nel Cinquecento come avamposto. È formato da poche case e dalla chiesa di San Nicola, da poco ristrutturata. Verso la metà del XVIII secolo la popolazione iniziò a spostarsi verso l'attuale agglomerato urbano. Nei pressi si trova la chiesa di Santa Maria del Monte, a due navate, con affreschi e un quadro raffigurante la Vergine, e il "Palazzone", villa romana del I secolo a.C., successivamente fortificata nel Medioevo. Non bisogna dimenticare la Fontana del Vallo, di discreto interesse storico.

Meritano sicuramente una visita il Castello d'Avalos e l'Abbazia della Ferraria.

Vairano Patenora propone anche un’ottima tradizione gastronomica. Una volta assaggiati è impossibile dimenticare il sapore della tipica salsiccia di maiale, la Sauciccia di Vairano, o della Pezza, un pecorino già noto in epoca medievale e poi, irrinunciabili, sono le gustosissime peschiole, frutticini di pesco raccolti ancora verdi, cotte in acqua e aceto e aromatizzate con spezie. In ultimo, il re di Vairano, il Lupino gigante, detto anche Lupinone, oggi presidio Slow Food.

Video di Fabio Sguazzin

Altre destinazioni nelle vicinanze

Venafro
Venafro
A Venafro è stato attribuito l'appellativo di 'Città delle 33 chiese' e il suo centro storico si presenta sotto aspetto di borgo fortificato
Isernia - 18.52 KM da Vairano Patenora
Scapoli
Scapoli
Scapoli è famoso in tutto il mondo per essere la patria della zampogna e per il raviolo alla Scapolese
Isernia - 31.96 KM da Vairano Patenora
Ausonia
Ausonia
Il borgo di Ausonia è l’antica città del popolo italico degli Osci Ausoni, nel Lazio. Nei pressi dell’abitato moderno sono state rinvenute iscrizioni latine di età imperiale riguardanti la divinità di Ercole.
Frosinone - 32.07 KM da Vairano Patenora
Frosolone
Frosolone
Il borgo medievale di Frosolone è un centro molto attivo nel settore artigianale e, in particolare, nella produzione di forbici e coltelli
Isernia - 39.69 KM da Vairano Patenora
Sant’Agata de’ Goti
Sant’Agata de’ Goti
Il borgo di Sant'Agata de' Goti oltre ad essere soprannominata la "perla del Sannio" è noto per la produzione di olio, vino, frutta (mele e ciliegie in special modo), ortaggi, cereali e legumi.
Benevento - 41.32 KM da Vairano Patenora
Oratino
Oratino
Ad Oratino si può essere ammirare una piccola parte del lavoro e delle opere realizzate nelle botteghe artigiane del borgo dal XVII secolo in avanti.
Campobasso - 47.08 KM da Vairano Patenora

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di