Il borgo di Oriolo si trova in Calabria e ha origini molto antiche.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Oriolo

Il borgo rifugio
Leggi di più

Borgo di Oriolo
Comune di Oriolo

Provincia di Cosenza
Regione Calabria

Abitanti: 2.174
Altitudine centro: 450 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Paesi Bandiera Arancione

Comune di Oriolo
Via Pietro Toscani 75 - Oriolo (CS)
Tel. +39 0981 930871

Il borgo rifugio di Oriolo nacque come fortezza per difendere le popolazioni in fuga dalle coste a causa delle continue incursioni dei saraceni.
Arroccato su uno sperone a circa 500 metri d'altezza, conserva uno splendido borgo medievale intatto, con belle facciate di palazzi nobiliari, sulla strada principale che porta al castello aragonese.

Fu feudo dapprima dei Sanseverino da Salerno, per poi passare nel XVI secolo, ai marchesi Pignone del Carretto.
E in seguito alla nobile famiglia Soria fino al 1978. Fino al secondo dopoguerra il paese aveva una popolazione di circa 5000 abitanti, ed era il maggiore centro dell'Alto Jonio e punto di riferimento per i paesi dell'Arberia (albanesi) e del Pollino, ha visto quasi dimezzare la sua popolazione, che è arrivata a circa 2600 abitanti.

Intorno all'anno Mille Oriolo era già una "civitas". Nel 1129 Oriolo venne cinta d'assedio e presa da re Ruggero, mentre nel 1265 Oriolo era posseduto da Carlo II d'Angiò. Nel 1403 era già posseduto dai Sanseverino, principi di Salerno e Grandi di Spagna, i quali, però, capeggiarono una congiura e il feudo venne incamerato dalla Regia Corte. Nel 1571 un folto gruppo di Oriolesi partecipò alla battaglia di Lepanto. A ricordo venne introdotta in Oriolo la devozione e la festa della Vergine del Rosario, celebrata la prima domenica di ottobre. Nel 1647, durante la nota rivoluzione di Masaniello, i rivoltosi oriolesi occuparono il castello, danneggiando suppellettili e saccheggiando tutto, dopo aver costretto il Pignone ad arrendersi.

L'8 gennaio 1693 un evento tellurico interessò tutta la Calabria ed anche Oriolo, ma la struttura urbanistica del borgo resse alle scosse. Un'altra circostanza importante è la lettera di Giuseppe Garibaldi indirizzata a Giuseppe Pignone del Carretto il 10 settembre del 1860. Il Marchese di Oriolo si trovò a dover fronteggiare, assieme ai rappresentanti del Governo borbonico, una situazione delicatissima.

Oriolo ha visto dimezzare la sua popolazione in poco più di mezzo secolo ma nonostante ciò mantiene la vocazione turistica già sviluppata dalla seconda metà del Novecento, anche grazie al Teatro all'aperto "La Portella".

Meritano sicuramente una visita la Chiesa di San Giorgio e il Castello.

Video di Comune di Oriolo

Altre destinazioni nelle vicinanze

Valsinni
Valsinni
Il borgo di Valsinni, in Basilicata, è considerato la capitale del primo parco letterario del Sud.
Matera - 13.32 KM da Oriolo
Rotondella
Rotondella
Il borgo di Rotondella, in Basilicata, chiamato il balcone dello Ionio e porta del Parco nazionale del Pollino, ha origini molto antiche.
Matera - 14.99 KM da Oriolo
Tursi
Tursi
Tursi, in Basilicata, è un borgo ricco di religiosità e poesia.
Matera - 21.59 KM da Oriolo
Teana
Teana
Il borgo di Teana si trova in Basilicata all'interno del Parco Nazionale del Pollino.
Potenza - 26.04 KM da Oriolo
Policoro
Policoro
Il borgo di Policoro sorge nella piana del Metaponto, a 3 chilometri dal Mar Ionio, in Basilicata.
Matera - 26.52 KM da Oriolo
Frascineto
Frascineto
Il borgo di Frascineto, in Calabria, si caratterizza per la storica presenza della Comunità italo-albanese.
Cosenza - 29.07 KM da Oriolo

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di