Città Sant'Angelo, grazie alla sua posizione geografica, tra mare e montagna, permette di assaporare sia la cucina di mare che quella di terra
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Città Sant'Angelo

La luce di un angelo
Leggi di più

Borgo di Città Sant'Angelo
Comune di Città Sant'Angelo

Provincia di Pescara
Regione Abruzzo

Abitanti: 15.054
Altitudine centro: 317 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Città del vino
Città dell'olio
Città slow

Comune di Città Sant'Angelo
Piazza del Teatro 1 - Città Sant'Angelo (PE)
Tel. +39 085 96961

Il borgo di Città Sant’Angelo colpisce i turisti per la sua vivacità, le sue tradizioni, i prodotti tipici, l’incantevole paesaggio e per la sua posizione davvero invidiabile.
A pochi chilometri da Pescara, Città Sant’Angelo sita su una collina a 30 minuti dalla montagna e con il mare che sfiora il suo territorio. Facente parte de i Borghi più Belli d’Italia, Città Sant’Angelo è anche città del vino e dell’olio, città slow, città verde.

Considerata la sua posizione geografica, il borgo di Città Sant’Angelo permette di assaporare sia la cucina di terra che quella di mare. Le colline angolane ricoperte di vigneti e oliveti offrono degli ottimi prodotti, in particolar modo il vino Montepulciano d’Abruzzo.

Tra i piatti tipici abruzzesi è possibile gustare i maccheroni alla chitarra, la pasta alla mugnaia, gli arrosticini (spiedini di pecora), il cace e ove (letteralmente formaggio e uova con carne di agnello), le neole, i cagionetti ed il fiadone.

La storia

Le origini del borgo sono a tutt'oggi molto incerte. Probabilmente i primi a creare un insediamento sul colle furono i Vestini, ma il primo atto ufficiale risale soltanto all'875, dove si ricorda la presenza di un castello e di un porto.
Intorno al 400 sorsero le prime chiese nella zona tra Città Sant'Angelo e Atri.
L'abitato vestino-romano, che sarebbe stato ubicato nel vicinissimo Colle di Sale, fu probabilmente distrutto nell'alto Medioevo. I Longobardi avrebbero ricostruito il paese ex novo nell'odierna ubicazione, lasciando, come traccia della loro presenza, il culto dell'Angelo.
Testimonianze di questo culto sono presenti sia nel toponimo, sia nello stemma comunale, che rappresenta, appunto, San Michele Arcangelo che uccide il dragone.

Lo sviluppo urbano seguì tre diversi momenti storici: la ricostruzione, iniziata dopo il 1240, del nucleo fortificato a semicerchio, delimitato attualmente da Strada Castello, Strada Minerva, Via del Ghetto e Via del Grottone.
I nomi più altisonanti furono quelli degli Zizza e dei Salomone che rivestirono sempre ruoli primari all'interno della comunità angolana dell'Ancien Régime.
Con la venuta degli ordini monastici nella prima metà del XIV secolo si vide l'ampliamento delle chiese esistenti e la realizzazione di monasteri. Nel XVII secolo si conclude la ricostruzione vera e propria con il completamento di case e palazzi gentilizi della borghesia agraria. Questo è il motivo per l'attuale impianto "a fuso".
Esso infatti si è costituito, man mano, grazie a successive espansioni ed aggregazioni dei nuclei abitativi precedenti, fino a formare un forte coagulo urbanistico determinando la sistemazione del centro storico così come ancora oggi lo vediamo.
Detto impianto è attraversato da un lungo corso, intersecato da una serie di stradine e vicoli chiusi, denominati in dialetto locale 'li ruve', entro la cinta muraria e con le porte parzialmente conservate.

Tra il 1300 e il 1700, Città Sant'Angelo, nonostante numerosi attacchi di Francesi e Spagnoli, conobbe un periodo di splendore. Nel Trattato di Aquisgrana del 1748 la città passò definitivamente sotto il Regno di Napoli fino all'Unità d'Italia. Nel marzo del 1814 Città Sant'Angelo unitamente ai comuni di Penne, Castiglione Messer Raimondo e Penna Sant'Andrea fu protagonisti delle prime sollevazioni della Carboneria del Risorgimento Italiano.

Memorie più recenti raccontano la triste storia della seconda guerra mondiale quando nell'aprile del 1940 il Ministero dell'Interno inquadrò e prese in affitto lo stabile dell'Ex Manifattura Tabacchi, nel centro storico della città, per adibirlo ad unico campo di concentramento della provincia di Pescara con circa 200 posti letto dove furono carcerati uomini per lo più di nazionalità jugoslava. Il campo rimase attivo fino all'aprile del 1944. Attualmente oltre ad essere un "Luogo della Memoria" ospita permanentemente il Museo Laboratorio d'Arte Contemporanea.

Video di Mark Broderick

Altre destinazioni nelle vicinanze

Atri
Atri
Atri, nel comprensorio delle Terre del Cerrano, è forse una delle più antiche città d’Abruzzo, le cui origini sono oggetto di misteriose leggende
Teramo - 9.69 KM da Città Sant'Angelo
Castelli
Castelli
Castelli, punto di accesso al Parco Nazionale del Gran Sasso, è un piccolo borgo medievale, noto a livello internazionale per le sue ceramiche
Teramo - 28.68 KM da Città Sant'Angelo
Castel del Monte
Castel del Monte
Castel del Monte, all'interno del Parco Nazionale dei Gran Sasso, si caratterizza per il bel nucleo medievale perfettamente conservato.
L'Aquila - 32.19 KM da Città Sant'Angelo
Pretoro
Pretoro
Pretoro sorge sul versante nord-orientale della Majella, un luogo in cui è possibile fare passeggiate o escursioni impegnative
Chieti - 34.13 KM da Città Sant'Angelo
Orsogna
Orsogna
Orsogna è un borgo abruzzese rinomato per la produzione di olio e vino, anticamente popolato prevalentemente da contadini
Chieti - 38.03 KM da Città Sant'Angelo
San Vito Chietino
San Vito Chietino
Il borgo marinaro di San Vito Chietino è un'apprezzata stazione balneare della Costa dei Trabocchi, in Abruzzo.
Chieti - 39.36 KM da Città Sant'Angelo

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di