Il borgo di Castelrotto - Kastelruth si trova in Trentino Alto Adige.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Castelrotto - Kastelruth

La gemma dello Sciliar
Leggi di più

Borgo di Castelrotto
Comune di Castelrotto/Kastelruth

Provincia di Bolzano/Bozen
Regione Trentino-Alto Adige

Abitanti: 6.872
Altitudine centro: 1060 m s.l.m.

Sito Unesco: Le Dolomiti

il Comune fa parte di:
Città e siti patrimonio mondiale Unesco
Comunità montana Salto-Sciliar

Aree naturali protette:
Parco naturale dello Sciliar-Catinaccio

Comune di Castelrotto/Kastelruth
Piazza Kraus 1 - Castelrotto/Kastelruth (BZ)
Tel. +39 0471 711500

Castelrotto si trova all'interno del Parco Naturale dello Sciliar, ai piedi dell'Alpe di Siusi, la cui vicinanza ha permesso lo sviluppo di un fiorente turismo, tanto estivo quanto invernale. Il toponimo è attestato per la prima volta nel 982–987 come Castelruptum e nel 1173 come Castilrut, col significato di "castello diroccato".

Il nome di Castelruptum compare per la prima volta in un documento del 982–987 nel quale il vescovo Albuino di Bressanone scambiò il reddito della chiesa locale con il vescovo Eticho di Augusta. Prima di questa data sappiamo che era già presente in loco un insediamento, di cui però non ci è giunto il nome. Le tracce del Castelvecchio sono riconducibili all'epoca medioevale, rimane oggi solo una massiccia torre quadrata oltre ad alcune tracce di mura, capanne di mattoni e quindi la presenza di un villaggio fortificato. Nell'XIII secolo l'area passa di proprietà al conte Mainardo II di Tirolo-Gorizia e poi ai signori di Castelrotto. Nel 1348 il castello è di proprietà del duca Konrad Teck il quale è anche capitano del dipartimento dell'Adige. All'inizio del XV secolo il castello e l'abitato passano di proprietà alla famiglia Hauenstein ed è a quest'epoca che risalgono le prime fattorie stabili di grandi dimensioni impiantate nella zona.

Poco dopo la proprietà passa di proprietà a Michael Kraus, nobile ungherese giunto qui per matrimonio e già infeudato di alcune terre presso il lago Balaton. Questi divenne famoso in particolar modo per la ricchezza accumulata dai suoi feudi e per le opere caritatevoli che estese ai poveri di Castelrotto prima della propria morte, stabilendo che tale usanza fosse continuata nei secoli nel mese di ottobre con la distribuzione di una pagnotta di pane e di un sacchetto di sale ad ogni povero della comunità. Egli venne sepolto successivamente nella cappella della torre ove ancora oggi la sua tomba si trova. Suo nipote, Jakob Kraus, venne nobilitato dall'imperatore Rodolfo II d'Asburgo il 2 giugno 1607 e fu lui che procedette in gran parte alla demolizione dell'antico castello, creandovi una cappella ad uso per il villaggio dedicata a Sant'Antonio, oltre alla realizzazione da parte del figlio Georg Kraus di un parco naturale (1675) corredato da sette piccole cappelle e tre grandi crocefissi (Cristo e i due ladroni) che riprendono alcune tappe della via crucis. Nel 1847 la famiglia si estinse.

La principale attività economica degli abitanti era l'allevamento del bestiame, grazie alla presenza di vasti pascoli alpini circostanti, superando nell'anno 1600 di quattro volte la vendita dei capi di bestiame che si teneva a Bolzano.

Video di grace daspiaretti

Altre destinazioni nelle vicinanze

Fiè allo Sciliar - Völs am Schlern
Fiè allo Sciliar - Völs am Schlern
Il borgo di Fiè allo Sciliar si trova in Alto Adige, nel cuore delle Dolomiti.
Bolzano - 7.11 KM da Castelrotto - Kastelruth
Chiusa - Klausen
Chiusa - Klausen
Il territorio del borgo di Chiusa, in Alto Adige, sovrastato dal monastero di Sabiona, era già abitato prima di Cristo.
Bolzano - 8.24 KM da Castelrotto - Kastelruth
Tires - Tiers
Tires - Tiers
Il borgo di Tires-Tiers si trova in Alto Adige all'interno del Parco Naturale dello Sciliar.
Bolzano - 11.29 KM da Castelrotto - Kastelruth
Vigo di Fassa
Vigo di Fassa
Come quasi tutti gli altri borghi della Val di Fassa, risale al Medioevo, anche se le prime tracce umane nella zona risalgono al Paleolitico, quando cacciatori nomadi risalirono il torrente Avisio.
Trento - 18.56 KM da Castelrotto - Kastelruth
Colfosco - Kolfuschg
Colfosco - Kolfuschg
Il borgo di Colfosco si trova in Alto Adige, sulla strada che da Corvara porta in Val Gardena.
Bolzano - 22.37 KM da Castelrotto - Kastelruth
Fortezza - Franzensfest
Fortezza - Franzensfest
Il borgo di Fortezza - Franzenfeste si trova in Val d'Isarco, Trentino Alto Adige.
Bolzano - 24.68 KM da Castelrotto - Kastelruth

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
4 borghi da non perdere per l’artigianato d’autore
Quattro borghi italiani che si distinguono per il loro artigianato, essenza di un’arte antica tramandata nei secoli. Un viaggio nella tipicità, itinerari emozionali che puntano i riflettori sull’unicità
By Luciana Francesca Rebonato
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, l’antica perla dell’Impero
Sperlonga, piccolo centro della Riviera di Ulisse, è una continua sorpresa tra panorami e scorci caratteristici dove ci si deve far guidare esclusivamente dalla curiosità
By Luca Sartori
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
Ricetta: spaghetti alla colatura di alici, un piatto tipico della Costiera Amalfitana
La Colatura di Alici è un prodotto tradizionale che negli anni ha caratterizzato gastronomicamente il piccolo borgo di pescatori di Cetara
By Redazione
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
Aci Trezza, Ciclopi e Acireale
La Riviera dei Ciclopi, che prende il nome dalle isole antistanti, è quel tratto di costa siciliana che va da Aci Castello ad Acireale
By Redazione
Genga, natura da record
Genga, natura da record
Per gli appassionati di arte e cultura il borgo marchigiano di Genga racconta la sua storia attraverso i suoi edifici storici, le sue chiese e i musei
By Luca Sartori
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di