Visso è un paese distrutto dal terremoto del 2016. E' un incantevole centro montano che vanta un passato ricco di storia:
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Visso

Il cuore prezioso dei Monti Sibillini
Leggi di più

Borgo di Visso
Comune di Visso

Provincia di Macerata
Regione Marche

Abitanti: 1.106
Altitudine centro: 607 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Paesi bandiera arancione

Aree naturali protette:
Parco Nazionale dei Monti Sibillini

Comune di Visso
Largo Gaola Antinori 1 - Visso (MC)
Tel. +39 0737 95120

Il più antico reperto archeologico che testimonia l'esistenza di Visso (Vissu in dialetto locale) è di epoca romana, un'epigrafe funeraria datata tra il I secolo a.C. e il I secolo d.C. Tutte le altre notizie che testimoniano la presenza di un villaggio 907 anni prima di Roma e fondato dalla tribù sabina dei Naharci, chiamato Vicus Elacensis, alla confluenza dei fiumi Ussita e Nera sono probabili, ma non provate. Ma nel 576 sappiamo che il territorio di Visso passò sotto il ducato di Spoleto per via dei Longobardi, che intorno al 575 avevano occupato quei territori. Intorno al Mille le popolazioni che abitavano sulle montagne vissane scesero a valle probabilmente per comodità di commercio, dando vita ad un centro indicato con il nome di Visse. Quando il ducato di Spoleto divenne del Papa, Visso venne affidato ai Da Varano, duchi di Camerino, che la tennero ad intermittenza fin quando i papi non l'affidarono definitivamente a governatori, uno dei quali fu il padre del Cardinale Mazzarino, segretario del re di Francia.

Nel 1400 il borgo conobbe i saccheggi delle compagnie di ventura, tanto che quel periodo è passato alla storia come "la ruina di Visso", anche grazie al ripetersi dell'infausto fenomeno della peste. La mancanza di spazi coltivabili in un terreno così montuoso spinse da sempre i vissani a spostarsi su territori distanti dal centro, fu così che nacquero delle dispute con Camerino, Norcia, Montefortino, Montemonaco e Acquacanina. Celebre la battaglia del 1522 - Battaglia del Pian Perduto - contro Norcia per accaparrarsi i terreni di Gualdo e del Pian Perduto: le gesta dello scontro sono narrate nel poema omonimo composto in rime da Berettaccia, poeta-pastore di Castelsantangelo sul Nera, vissuto nel 1600. Fin dalla sua costituzione e finché non venne invaso dall'esercito napoleonico, il borgo di Visso fu diviso in "guaite" (contrade):

  • Guaita Plebis (il centro)
  • Guaita Uxitae (Ussita)
  • Guaita Montana (Castelsantangelo sul Nera)
  • Guaita Villae (Villa Sant'Antonio)
  • Guaita Pagese (Cupi, Macereto, Aschio)

A presiedere il governo centrale di Visso vi erano i Priori, rappresentanti ognuno di una guaita.

Nel 1799 Napoleone Bonaparte assoggettò Visso prima al dipartimento del Clitunno e poi a quello del Trasimeno, accorpando al comune le frazioni di Saccovescio, Castelvecchio, Sant'Eutizio, Campi, Ancarano, Croce, Orvano, Fematre, Riofreddo, Chiusita, Mevale e Rasenna. Nel 1822, dopo il congresso di Vienna (1815), Visso che era tornato sotto lo stato pontificio, ottenne il rango di "Città", per via dell'importanza che rivestiva nel territorio umbro. Dopo la proclamazione del Regno d'Italia Visso venne staccata dall'Umbria e accorpata alla provincia di Macerata. Durante la seconda guerra mondiale, vide operare nel suo territorio i partigiani Pietro Capuzi e Carla Voltolina. Dal 1993 Visso è la sede del Parco nazionale dei Monti Sibillini.

Il 26 e il 30 ottobre 2016 il comune è stato epicentro di tre scosse sismiche che hanno prodotto ingenti danni agli edifici del centro storico. Il 30 marzo 2017, alcuni membri del corpo italiano de "I Caschi Blu della cultura" andarono a salvare i tesori culturali di alcune regioni devastate dal sisma e scoprirono, tra le rovine della Chiesa di San Francesco, un affresco probabilmente dipinto dal maestro Paolo da Visso del XV secolo.

Video di HSL Moto

Altre destinazioni nelle vicinanze

Preci
Preci
Il borgo di Preci si trova in Umbria.
Perugia - 6.84 KM da Visso
Sellano
Sellano
Il borgo di Sellano si trova in Valnerina, in Umbria.
Perugia - 14.45 KM da Visso
Norcia
Norcia
Norcia, in Umbria, è il borgo che ha dato i natali a San Benedetto.
Perugia - 15.39 KM da Visso
Montefortino
Montefortino
Alle pendici dei Monti Sibillini sorge Montefortino. Nei dintorni del borgo è possibile visitare le Gole dell’Infernaccio, con un paesaggio e un panorama davvero unici, dove alla fine dell’avventurosa camminata si rimane incantati dalla cascata nasco
Fermo - 20.67 KM da Visso
Cascia
Cascia
Il borgo di Cascia, dove nacque Santa Rita, si trova in Umbria, al confine con il Lazio.
Perugia - 24.43 KM da Visso
Arquata del Tronto
Arquata del Tronto
Arquata del Tronto è l'unico comune d'Europa racchiuso all'interno di due aree naturali protette: il Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga a sud, e il Parco nazionale dei Monti Sibillini a nord.
Ascoli Piceno - 24.43 KM da Visso

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Bolgherirun2020: l'evento che ti permette di scoprire gli angoli più belli della Toscana
Torna Bolgherirun, l'evento sportivo che permette di scoprire, attraverso il divertimento, il fantastico paesaggio della Toscana.
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di