Il borgo di Triora è situato nella valle Argentina, in Liguria.
 
CERCA PER ZONA

Triora

Il borgo delle Streghe
Leggi di più

Borgo di Triora
Comune di Triora

Provincia di Imperia
Regione Liguria

Abitanti: 361
Altitudine centro: 780 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Borghi più belli d'Italia
Paesi Bandiera Arancione
Città del pane

Comune di Triora
Corso Italia 7 - Triora (IM)
Tel. 0184-94049

Il borgo di Triora è situato nella valle Argentina, in Liguria. Ha avuto origine nell'epoca romana, dalla tribù dei Liguri Montani, che si sottomisero all'Impero romano dopo lunghe lotte nel territorio. In seguito divenne possedimento, intorno al XII secolo, del conte di Badalucco (politicamente dipendente dai conti di Ventimiglia) ed iniziò a stringere alleanze con i paesi e borghi attigui, specialmente con quelli maggiormente vicini alla politica espansionistica della Repubblica di Genova.

La stretta vicinanza politica con Genova fece sì che in un atto del 4 marzo 1261, rogato poi l'8 novembre del 1267, si sancisse il passaggio di Triora come nuovo feudo della repubblica genovese. Il passaggio di proprietà giovò molto al paese e al borgo - soprattutto per le numerose concessioni offerte dal capoluogo genovese, tra cui la libera pena capitale - tanto da diventarne comune capofila della nuova podesteria comprendente i borghi - ora comuni a tutti gli effetti - di Molini di Triora, Montalto Ligure, Badalucco, Castel Vittorio, Ceriana e Baiardo.

La creazione di nuove cinte murarie e l'erezione di cinque fortezze difensive creò una sorta di nucleo fortificato, quasi inespugnabile, che mise a dura prova le truppe dell'imperatore Carlo IV nella tentata conquista del borgo.
Nonostante i dissapori creatisi la popolazione rispose positivamente alle chiamate di guerra, specie nella famosa battaglia della Meloria del 1284, dove Triora e la sua podesteria inviarono nella battaglia marinara contro Pisa circa duecentocinquanta balestrieri a sostegno di Genova.

Dopo un periodo di pace dal XV al XVI secolo, dove si costruirono chiese e altre opere d'arte, la storia locale di Triora testimonia dei famosi processi di stregoneria compiuti dal 1587 al 1589. Alcune donne locali vennero accusate di essere le artefici delle continue pestilenze, piogge acide, uccisione di bestiame e addirittura di cannibalismo verso bambini in fasce.
Le condanne per presunte stregonerie causarono la morte al rogo di diverse fanciulle ed addirittura anche di un ragazzo. Ancora oggi il paese è noto per i suoi processi alle streghe (o presunte tali) che scatenarono successivamente uguali reazioni anche in altri borghi liguri e italiani.

Nel 1625 l'esercito piemontese del Ducato di Savoia cercò invano la conquista del borgo, che strenuamente difese le proprie terre, a differenza di altri paesi vicini che - dati alle fiamme - si arresero ai sabaudi.
Nel corso del XX secolo la storia di Triora subì, secondo alcuni per le continue liti tra amministratori, notevoli contrasti governativi specie riguardo al territorio comunale, anche in seguito alla costituzione del comune di Molini di Triora nel 1903.
La seconda guerra mondiale contribuì drasticamente alla decadenza del comune, dove la furia nazista si accanì furiosamente il 2 e 3 luglio del 1944. Il borgo venne dato alle fiamme e furono rasi al suolo interi quartieri, causandone il repentino spopolamento.

Il borgo si presenta con la tipica struttura urbanistica medievale comune anche ad altri borghi di pietra dell'entroterra ligure. La particolarità sta soprattutto nella parte antica del borgo, un insieme di vicoli e di casette di pietra che giacciono proprio sotto la parte più alta del borgo, come fosse sotterrata. Qui si possono notare strutture molto antiche, come un'antica rimessa per la conservazione del sale o nicchiette votive in corrispondenza delle fontane e dei lavatoi. L'atmosfera che pervade il borgo è fortemente suggestiva, specie in una giornata uggiosa.

Meritano una visita il Castello di Triora e il Museo Regionale Etnografico e della Stregoneria.

Il borgo di Triora è famoso anche per l'eccellenza di alcuni prodotti gastromici tipici, primo fra tutti il Pane di Triora, tradizionale pane locale, cotto in forme basse e larghe del peso di circa 850 grammi.
Altre eccellenze sono il formaggio Alpeggio di Triora e il Bruss, un tradizionale derivato del latte simile ad un formaggio cremoso e spalmabile dal gusto molto forte.

Video di Vaghi per il mondo - Viaggi & Cultura

Altre destinazioni nelle vicinanze

Pigna
Pigna
A Pigna, in Liguria, tempo e vita si muovono al ritmo delle stagioni, mentre le regole e le norme sono imposte dal clima.
Imperia - 10.57 KM da Triora
Apricale
Apricale
Apricale è un borgo medievale arroccato nell’entroterra ligure, in Val Nervia.
Imperia - 15.12 KM da Triora
Perinaldo
Perinaldo
Il borgo medievale di Perinaldo in Liguria è chiamato il Poggio delle Stelle, per il suo Osservatorio Astronomico G. D. Cassini.
Imperia - 15.95 KM da Triora
Dolcedo
Dolcedo
Il borgo di Dolcedo è situato nella Valle del Prino, in Liguria.
Imperia - 16.78 KM da Triora
Bussana Vecchia
Bussana Vecchia
Bussana Vecchia è una frazione collinare del Comune di Sanremo, in Liguria.
Imperia - 17.97 KM da Triora
Seborga
Seborga
Seborga è un piccolo borgo ligure diventato famoso per il Principato.
Imperia - 19.37 KM da Triora

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Poesia Festival '19, versi d'autore nel cuore dell'Emilia
Poesia Festival '19, versi d'autore nel cuore dell'Emilia
Dal 16 al 22 settembre torna l'evento promosso dai comuni delle Terre di Castelli: noti protagonisti del teatro, del cinema e della musica animeranno l'attesissima edizione numero 15
By Redazione
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Caprarola - Storia di papi, cardinali, architetti… e di un meraviglioso palazzo-fortezza.
Nel Lazio, tra noccioleti e costoni tufacei si cela un borgo magnifico che ospita uno dei gioielli dell’architettura di tutti i tempi: Caprarola
By Roberto Giarrusso
Ricetta: il Brasato al Barolo
Ricetta: il Brasato al Barolo
Il brasato al Barolo è un piatto piemontese ricco di sapori gustosi per il palato
By Redazione
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Ricetta: la Scurpella di Civitella Alfedena
Fritto tradizionale, simbolo di abbondanza, la Scurpella è il dolce che festeggia le grandi occasioni
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di