Il borgo di Lama dei Peligni si trova in Abruzzo, all'interno del Parco Nazionale della Majella.
 
CERCA PER ZONA

Lama dei Peligni

Il borgo dei camosci
Leggi di più

Borgo di Lama dei Peligni
Comune di Lama dei Peligni
Provincia di Chieti
Regione Abruzzo

Abitanti: 1.250
Altitudine centro: 669 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città delle grotte
Paesi Bandiera Arancione
Comunità montana Aventino-Medio Sangro

Aree naturali protette:
Parco Nazionale della Majella

Comune di Lama dei Peligni
Piazza Umberto 1 32 - Lama dei Peligni (CH)
Tel. 0872-91221

Il borgo di Lama dei Peligni si trova in Abruzzo, all'interno dela Parco Nazionale della Majella.
Il nome ha origini pre-latine, e proviene dalla parola "lama" che letteralmente significava "lamatura", cioè "terreno dove l'acqua ristagna"; successiva è da ritenersi l'aggiunta riferita al popolo italico, i Peligni appunto, che si sarebbe spinto sino al territorio del fiume Aventino, vicino al quale sorge il borgo.

Il territorio fu abitato sin dall'epoca preistorica, come testimoniato ampiamente da una serie di pitture rupestri rinvenute nelle grotte della zona e dai resti di un villaggio di epoca neolitica. In età romana, la zona fu abitata dalla tribù italica dei Carecini, di derivazione sannita, distribuita nei centri abitati principali di Cluviae e Juvanum.
Il periodo del Medioevo si caratterizzò per la presenza di alcuni ed eremi, presso cui dimorarono asceti e santi; tra i tanti va menzionato il Beato Roberto da Salle, discepolo di Celestino V, alloggiato presso il locale Eremo di Sant'Angelo.

Lo sviluppo del paese nel campo della produzione della lana si ebbe a partire dall'epoca rinascimentale.
Il paese fu completamente distrutto da violenti terremoti e nella Seconda guerra mondiale; entrato a far parte della Brigata Majella, il paese fu liberato dai tedeschi il 31 gennaio 1944.
Nei pressi è sita la Grotta del Cavallone in cui Gabriele D'Annunzio ambientò La figlia di Iorio.

Meritano una visita il Museo naturalistico archeologico "Maurizio Locati" e il Giardino botanico "Michele Tenore".

La Figlia di Iorio di Gabriele D'Annunzio
Il borgo è famoso per esser stato scelto da Gabriele d'Annunzio, assieme alle Grotte del Cavallone, come scenario della sua tragedia La figlia di Iorio.
Lama dei Peligni nella storia è abitato da pastori, tra i quali vi è la famiglia di Lazaro, proveniente da Roio del Sangro, che sta per festeggiare il matrimonio del giovane Aligi, figlio del capofamiglia, con una popolana locale.
Tuttavia Aligi rifiuta la sua amata, perché s'innamora della contadina Mila, che salva da un linciaggio di pastori, perché creduta una strega che porti male.
Nell'opera d'Annunzio evidenzia molto l'aspetto del paese e dei suoi abitanti, che fondano le loro certezze nelle credenze religiose del cristianesimo e del paganesimo, e che non esitano a considerare l'estraneo come un essere maligno che voglia portare la sventura nel paese.

Altre destinazioni nelle vicinanze

Roccascalegna
Roccascalegna
Il Castello di Roccascalegna domina, su di uno sprone con fianchi a burrone, la valle del Riosecco, in Abruzzo.
Chieti - 10 KM da Lama dei Peligni
Pacentro
Pacentro
Il borgo di Pacentro, all'interno del Parco Nazionale della Majella, è uno dei centri medievali meglio conservati d’Abruzzo.
L'Aquila - 16.12 KM da Lama dei Peligni
Pescocostanzo
Pescocostanzo
Il borgo di Pescocostanzo, in Abruzzo, è un gioiello prezioso tra gli insediamenti minori italiani.
L'Aquila - 19.87 KM da Lama dei Peligni
Caramanico Terme
Caramanico Terme
Il borgo di Caramanico Terme, in Abruzzo, sorge ai piedi della Majella.
Pescara - 19.88 KM da Lama dei Peligni
Orsogna
Orsogna
Attorno al borgo di Orsogna, in Abruzzo, secondo la leggenda vivevano degli orsi.
Chieti - 21.08 KM da Lama dei Peligni
Scanno
Scanno
Il borgo di Scanno si trova in Abruzzo ed è conosciuto come il borgo dei fotografi.
L'Aquila - 29.77 KM da Lama dei Peligni

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di