Con una breve e suggestiva passeggiata sulle 'gobbe’ del Ponte del Diavolo, si possono ammirare, con un solo sguardo, il Borgo, il Penice e il Trebbia. Un'inquadratura cinematografica.
 
CERCA PER ZONA

Bobbio

San Colombano e il Diavolo

Comune di Bobbio
Provincia di Piacenza
Regione Emilia-Romagna

Abitanti: 3.589 
Superficie: 106,53 kmq
Altitudine centro: 272 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Unione Montana Valli Trebbia e Luretta

Comune di Bobbio
Piazza San Francesco - 29022 Bobbio PC
tel 0523962815

Ufficio Turistico
Cooltour società Cooperativa
Piazza San Francesco - 29022 Bobbio
tel 0523962815

Santo Patrono
San Colombano
Festa patronale
23 novembre

Bobbio uno dei Borghi più belli d'Italia, è situato sulla sponda sinistra del fiume Trebbia, in una zona ricca d’acqua e di insediamenti fin dall’epoca neolitica. I numerosi ritrovamenti testimoniano infatti la presenza di varie popolazioni: Liguri, Celti e dopo il 14 a.C i Romani, quando sorge il nucleo di Bobium sorge nel 14 a.c. Ma la sua storia è indissolubilmente legata a quella dell’Abbazia di San Colombano fondata dal monaco cenobita Colombano che vi giunge nel 614 quando riceve questo territorio in dono dal re longobardo Agilulfo. Donazione dalla grande valenza politica in quanto Bobbio controllava la grande carovaniera, la via del sale, che da Piacenza, lungo la Valtrebbia raggiunge Genova, caposaldo dei Bizantini. A Bobbio, Colombano trova solo una chiesetta semidiroccata, dedicata a S.Pietro, e la restaura. Il convento si popola rapidamente: già nel 643 conta centocinquanta monaci. Attorno al convento sorgono le prime case abitate da civili. L’Abbazia di Bobbio, con le sue scuole, la sua Biblioteca, il suo Scriptorium, la sua organizzazione economica, diventa rapidamente anche una potenza politica. Bobbio possedeva beni in Valtrebbia, val Staffora, val Tidone, val d’Aveto, in Liguria, nel Monferrato e nelle Langhe, arriva fino alle porte di Torino, Attorno al Lavo di Garda, da Salò a Bardolino, sui Laghi di Mantova, a Piacenza, Ravenna, Genova, Lucca e Pavia. Un ricco feudo in cui il sistema curtense raggiunge la perfezione.

La zona su cui si sviluppa l’abitato di Bobbio è delimitato dal fiume Trebbia e dominato dal Santuario della Madonna del Penice, che si trova sul monte omonimo. Il cuore del borgo ha mantenuto perfettamente intatte le architetture medioevali. Simbolo del borgo è il Ponte Gobbo (o Ponte del Diavolo), costruito interamente in pietra in epoca romana, dal particolare profilo costituito da 11 arcate irregolari. Il ponte collega il borgo all’altra sponda del fiume e da esso, con una breve e suggestiva passeggiata sulle sue ‘gobbe’, si possono ammirare il profilo del Borgo, il Monte Penice e il territorio circostante al Trebbia.

Nelle botteghe del centro storico è possibile trovare numerosi prodotti tipici della zona, dai vini di produzione locale alle marmellate o miele biologici prodotti da aziende locali. Ma anche un’ampia scelta dei salumi nostrani oppure dolci e prodotti da forno come le gustose ciambelline salate oppure la famosa torta di mandorle ma ancora i profumatissimi funghi porcini raccolti sulle montagne circostanti e tartufi. Per chi invece cerca un souvenir di tipo artigianale in contrada dell’ospedale troverà laboratori di falegnami e artisti locali dove trovare manufatti o quadri raffiguranti suggestivi angoli della città.

Oltre ad essere ricca di arte e cultura, Bobbio vanta una lunga serie di piatti tipici locali (che compongono la tradizione culinaria piacentina) che qui si tramandano da molte generazioni, e rappresentano un altro tratto tipico in cui si contraddistingue il melting pot socio-culturale di cui ha beneficiato nel corso dei secoli. Da gustare i maccheroni alla bobbiese, pasta fresca fatta a mano utilizzando l’ago da maglia condita con un sugo di stracotto. Le lumache alla bobbiese, tradizionale piatto della vigilia di Natale, ma che è possibile gustare spesso nel periodo invernale e il buonissimo croccante fatto con mandorle e zucchero al quale le sapienti mani dei produttori locali sanno dare forme sorprendenti. Pinoli alla ricotta o pìn (in dialetto pé da lésa: piede di slitta, per la forma tipica), gnocchetti verdi alla ricotta, tradizionalmente serviti con un sugo di funghi; brachettone alla bobbiese (bràcton, uno zampone fatto con la spalla di maiale, conciato o stagionato).

Video di Pino Meola

Altre destinazioni nelle vicinanze

Zavattarello
Zavattarello
Zavattarello è un piccolo borgo medievale che si trova in Oltrepò Pavese, in Lombardia.
Pavia - 14.57 KM da Bobbio
Varzi
Varzi
Il borgo di Varzi si trova nell'Oltrepò Pavese, in Lombardia.
Pavia - 15.98 KM da Bobbio
Fortunago
Fortunago
Fortunago si trova nell'Oltrepò Pavese, in Lombardia.
Pavia - 23.29 KM da Bobbio
Garbagna
Garbagna
Garbagna è un borgo situato sulle colline tortonesi, in Piemonte.
Alessandria - 30.45 KM da Bobbio
Volpedo
Volpedo
Volpedo, in Piemonte, è il borgo natìo del pittore Giuseppe Pellizza, autore del Quarto Stato.
Alessandria - 34.33 KM da Bobbio
Compiano
Compiano
Il borgo di Compiano si trova in Val di Taro, in Emilia Romagna.
Parma - 37.49 KM da Bobbio

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Sulla sponda occidentale del Lario, a pochi chilometri da Menaggio, di fronte a Bellagio e Varenna, sorge un piccolo borgo antico, meritevole di una bella gita primaverile
By Joni Scarpolini
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Domenica a Vigoleno, un mini mondo (medievale) a parte
Vi raccontiamo una fresca giornata di primavera trascorsa nel minuscolo borgo medievale sui verdi colli piacentini
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di