Il borgo marinaro di San Vito Chietino è un'apprezzata stazione balneare della Costa dei Trabocchi, in Abruzzo.
 
CERCA PER ZONA

San Vito Chietino

Il borgo dei trabocchi

Comune di San Vito Chietino
Provincia di Chieti
Regione Abruzzo

Abitanti: 5.361
Altitudine centro: 122 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Città dell'olio

Comune di San Vito Chietino
Largo Altobelli, 1 - 66038 San Vito Chietino
Tel. 0872.61911

Il borgo marinaro di San Vito Chietino è un'apprezzata stazione balneare della Costa dei Trabocchi, in Abruzzo. Collocato su uno sperone roccioso che si allunga fino al mare, gode di un paesaggio aperto sull'Adriatico e sul tratto di costa compreso fra Ortona a Vasto, in cui sono visibili alcuni trabocchi, da cui tale litorale prende nome. Verso l'interno sono distinguibili la Majella e, più in lontananza, il Gran Sasso d'Italia.

Le prime notizie sul paese risalgono all'età romana quando già esisteva un porto frentano presso il torrente Feltrino; in epoca imperiale il porto venne utilizzato dai romani per i collegamenti oltre l'Adriatico ma ebbe anche importanza per le navi mercantili. Di quel periodo rimane parte del vecchio porto, vicino all'attuale lungomare di Gualdo di San Vito Marina. Il borgo, invece, non aveva perduto la propria popolazione, come ci è testimoniato da una chiesa in onore di San Vito Martire di epoca paleocristiana. Dopo la caduta dell'Impero romano d'Occidente San Vito seguì le sorti dell'area di appartenenza: fu occupata prima dai Goti (V - VI secolo), poi, dai bizantini (VI secolo) e dai longobardi (a partire dalla seconda metà del VI secolo), che fondarono il ducato di Spoleto, cui la località appartenne fino alla conquista normanna avvenuta nell'XI secolo. In quest'ultimo periodo il litorale visse un periodo di declino, il porto venne abbandonato e si ricoprì di pietre e detriti fluviali. In età alto medievale venne edificato un castello detto "Castellalto" di cui non si hanno notizie precedenti l'anno 1000. Nei secoli successivi san Vito e l'intero Abruzzo divennero parti integranti prima del Regno di Sicilia, poi del Regno di Napoli. Durante il periodo aragonese (1442-1501), il porto di San Vito era ancora usato per le fiere di Lanciano e adoperato per il commercio marittimo. Con la decadenza delle fiere lancianesi, anche il porto di San Vito decadde nuovamente, e Lanciano decise di vendere il porto col relativo feudo di San Vito Chietino a un certo Sancho Lopez nel 1528. Negli anni seguenti il feudo passò di signoria in signoria: tra cui i Caracciolo, famiglia cui apparteneva Ferdinando Caracciolo, duca di Castel di Sangro, ultimo feudatario di San Vito. In epoca duosiciliana San Vito, costituitosi in comune, divenne sede dell'omonimo Circondario, pur continuando ad appartenere al Distretto di Lanciano. Durante il Risorgimento si distinse nella lotta anti-borbonica. Nel 1863 la città assunse legalmente la denominazione con la quale è oggi conosciuta mediante l'aggiunta al toponimo di San Vito, dell'attributo Chietino, in riferimento alla propria provincia di appartenenza.

I Trabocchi furono inventati nel XVIII secolo da famiglie ebree di pescatori, sulla costa di San Vito. Il trabocco più antico è infatti quello di Punta Turchino, descritto anche da D'Annunzio in uno dei suoi più celebri romanzi, Il trionfo della morte e ricostruito nel 2016 in seguito alla distruzione avvenuta due anni prima a causa di una violenta mareggiata. Successive costruzioni si ebbero anche in Puglia (Vieste e Peschici). Oggi i trabocchi sono stati ricostruiti ed ampliati rispetto ai precedenti originali, ma non sono più funzionali al loro scopo precipuo, ovvero quello della pesca.

Video di Comune di San Vito Chietino

Altre destinazioni nelle vicinanze

Orsogna
Orsogna
Attorno al borgo di Orsogna, in Abruzzo, secondo la leggenda vivevano degli orsi.
Chieti - 16.59 KM da San Vito Chietino
Roccascalegna
Roccascalegna
Il Castello di Roccascalegna domina, su di uno sprone con fianchi a burrone, la valle del Riosecco, in Abruzzo.
Chieti - 29.57 KM da San Vito Chietino
Lama dei Peligni
Lama dei Peligni
Il borgo di Lama dei Peligni si trova in Abruzzo, all'interno del Parco Nazionale della Majella.
Chieti - 36.26 KM da San Vito Chietino
Città Sant'Angelo
Città Sant'Angelo
Il borgo di Città Sant'Angelo si trova in Abruzzo.
Pescara - 39.36 KM da San Vito Chietino
Caramanico Terme
Caramanico Terme
Il borgo di Caramanico Terme, in Abruzzo, sorge ai piedi della Majella.
Pescara - 40.02 KM da San Vito Chietino
Pacentro
Pacentro
Il borgo di Pacentro si trova in Abruzzo, all'interno del Parco Nazionale della Majella.
L'Aquila - 46.81 KM da San Vito Chietino

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Fontanellato tra storia, giri
Fontanellato tra storia, giri "in gondola" e street food
Vi portiamo nel bellissimo borgo medievale in provincia di Parma alla scoperta della maestosa Rocca Sanvitale, circondata da un fossato navigabile, e delle prelibatezze culinarie provenienti da tutta Italia e dal mondo: un vero e proprio assedio gastronomico!
By Joni Scarpolini
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Il campanile del Lago di Resia e l'antico borgo sommerso
Vi raccontiamo la storia di un antico villaggio altoatesino che negli anni Cinquanta fu sommerso dalle acque della diga. E ciò che resta è uno spettacolo surreale, da film fantasy...
By Joni Scarpolini
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Cerenzia e la leggenda del drago a sette teste
Gli abitanti dell’antico borgo calabrese sono devoti a San Teodoro di Amasea, che nel 1528 sconfisse il terribile mostro: al loro condottiero hanno dedicato una giornata dell’anno per celebrare la sua impresa
By Redazione
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
Ricetta: Tagliolini con la Bomba di Gradara
E' il primo piatto tipico del borgo medievale marchigiano e il suo nome può trarre in inganno...
By Redazione
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Dentro le anguste prigioni del Forte di Bard
Vi portiamo nelle segreta della grande fortezza sabauda, che solo Napoleone riuscì a espugnare
By Stefano De Bernardi
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Rezzonico, la perla medievale del Lago di Como
Sulla sponda occidentale del Lario, a pochi chilometri da Menaggio, di fronte a Bellagio e Varenna, sorge un piccolo borgo antico, meritevole di una bella gita primaverile
By Joni Scarpolini
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di