Il borgo di Casamassima sorge a sudest di Bari, in Puglia.
 
CERCA PER ZONA

Casamassima

Il borgo azzurro
Leggi di più

Borgo di Casamassima
Comune di Casamassima
Provincia di Bari
Regione Puglia

Abitanti: 19.846
Altitudine centro: 223 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Borghi Autentici d'Italia
Città delle ciliegie
Strada dei Vini della Murgia Carsica

Comune di Casamassima
Piazza Aldo Moro 2 - Casamassima (BA)
Tel. +39 080 6530822

Il borgo di Casamassima sorge a sudest di Bari, in Puglia. Gode di un’ottima collocazione geografica, che la pone in posizione ottimale per raggiungere sia il capoluogo di regione, che Taranto, Alberobello e la valle d’Itria, Polignano a Mare, Monopoli, Matera, Brindisi, Lecce e il Salento.

Fondata durante le guerre tarantine, secondo un’antica leggenda, da Fabio Massimo, detto il Temporeggiatore, che qui vi creò un accampamento (in latino castrum), da cui Castrum Maximi (accampamento dei Massimi), poi divenne Casamassima. Il primo documento ufficiale che fa riferimento a Casamassima – anche se non mancano tesi storiche differenti – sembra tratto dal Codice Diplomatico Barese del 962, nel periodo della dominazione di Bisanzio. Le origini di Casamassima, pertanto, paiono risalire al VII – VIII –IX secolo. Nel 1348 la cittadina fu saccheggiata dalle truppe ungheresi guidate da Filippo di Sulz, mentre nel 1384 faceva parte del principato di Taranto. Nel 1608 fu acquistata da Michele Vaaz, poi più tardi passò ai De Ponte di Napoli. Nel XX secolo, invece, Casamassima visse un periodo di larga espansione territoriale e urbanistica.

Il borgo antico cominciò a svilupparsi verso l’VIII secolo, con la cinta muraria che risale al 1100. Distrutta dagli ungheresi nel 1348 la stessa cinta muraria fu immediatamente riedificata.Luogo dalla storia millenaria, ribattezzato negli anni ’60 del XX secolo Paese Azzurro dal pittore milanese Vittorio Viviani, che giunse per caso nel borgo antico, ha mantenuto il nome in virtù delle caratteristiche abitazioni tinteggiate di azzurro che da sempre popolano la parte più antica della città, e di cui ancora oggi vi è traccia. Di origini medievali, si articola attraverso uno snodarsi di piccole viuzze e chiassi (vicoli stretti e senza uscita), di corti e abitazioni in pietra che un tempo erano tutte azzurre. La leggenda più affascinante risale alla metà del 1600, quando il feudo di Casamassima apparteneva al Duca Michele Vaaz, conte di Mola di Bari. Fu allora che una terribile epidemia di peste, importata da marinai venuti dall'Oriente, minacciò Bari e l'entroterra per le pessime condizioni igieniche di tutto il territorio. Gli abitanti si chiusero nelle mura, sperando in un miracolo: la peste risparmiò Casamassima. Così i casamassimesi, in segno di gratitudine verso la la Madonna, Santissima Maria di Costantinopoli, e per ordine del duca Vaaz, tinteggiarono le loro abitazioni del borgo, aggiungendo alla calce viva l’azzurro, vale a dire il colore del manto della Madonna. Da allora le case continuarono a essere tinteggiate di azzurro per secoli. L’effige della Madonna di Costantinopoli si trova ancora oggi nella chiesa Madre e sotto l’arco di Santa Chiara. Negli anni '60 del XX secolo, l'artista milanese Vittorio Viviani, in soggiorno dalle nostre parti, affascinato dalla singolare cromatica delle case del borgo antico di Casamassima, la immortalò in alcune sue tele, denominando il centro storico casamassimese ‘Il paese azzurro’.

Il territorio, situato nella bassa Murgia, è caratterizzato dalla presenza nel sottosuolo di grotte, la cui formazione è frutto del lavoro sotterraneo di una falda carsica. Nell’agro casamassimese sono presenti anche tracce del passato millenario del borgo come menhir e megaliti. All’interno del borgo antico, il cosiddetto paese vecchio, degni di nota sono la chiesa Santa Croce, per i casamassimesi chiesa Madre, il monastero di Santa Chiara, il convento delle Monacelle, l’arco delle Ombre, la cappella di San Michele, quella dell’Addolorata, la Porta Orologio, e poi la chiesa Maria Santissima delle Grazie, quella del Purgatorio, di Santo Stefano, del Rosario. Senza dimenticare il monumento della Vittoria, ai Caduti, e le chiesette rurali del territorio casamassimese: Santa Maria del Soccorso, forse ancor meglio conosciuta come chiesetta di Santa Lucia, la chiesetta di Maria Santissima della Pietà, la badia di San Lorenzo. E, ancora, il cimitero polacco che si trova non lontano dalla statale 100, la strada che conduce a Bari.

Da fine marzo a settembre tra i tetti del borgo è possibile osservare il falco grillaio, un piccolo rapace, specie protetta, che partendo dal Sudafrica attraversa tutto il continente e il Mediterraneo per venire a nidificare nella zona delle Murge, quindi anche a Casamassima, tra i tetti del Borgo Azzurro.   

Video di GIANNI MANZARI

Altre destinazioni nelle vicinanze

Cassano delle Murge
Cassano delle Murge
Cassano delle Murge è un borgo adagiato sulle pendici della Murgia, da cui guarda la città di Bari.
Bari - 14.33 KM da Casamassima
Polignano a Mare
Polignano a Mare
Polignano a Mare, in Puglia, è il paese natale di Domenico Modugno.
Bari - 25.66 KM da Casamassima
Alberobello
Alberobello
Nel cuore della Murgia dei Trulli, a 50 chilometri da Bari, una graziosa distesa di pinnacoli annuncia Alberobello, con il suo caratteristico centro storico Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.
Bari - 32.93 KM da Casamassima
Giovinazzo
Giovinazzo
Una leggenda vuole che sia stato Perseo, figlio di Giove, a fondare 'Jovis natio', ovvero Giovinazzo, in Puglia.
Bari - 33.06 KM da Casamassima
Locorotondo
Locorotondo
Il borgo bianco di Locorotondo è il più bel balcone della Murgia dei Trulli. Dal suo belvedere si ammira un territorio che è a tratti emozionante ...
Bari - 40.89 KM da Casamassima
Cisternino
Cisternino
Il borgo di Cisternino, in Puglia, si affaccia sulla valle d'Itria, nella cosiddetta Murgia dei Trulli.
Brindisi - 48.89 KM da Casamassima

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Ricetta: Il Bagnun di acciughe
Il Bagnun di acciughe è una succulenta ricetta dal sapore tradizionale di Sestri Levante.
By Redazione
Ricetta: la Seupetta di Cogne
Ricetta: la Seupetta di Cogne
La Seupetta di Cogne è un piatto tipico dell’antica tradizione valdostana.
By Redazione
Finlandia, borghi sospesi tra le acque
Finlandia, borghi sospesi tra le acque
La Finlandia è un paesaggio composto per il 10% da laghi, un luogo in cui si possono compiere esperienze autentiche nella natura e scoprire borghi tipici disseminati in ambiente singolare.
By Nicoletta Toffano
Ricetta: il Chichì Ripieno
Ricetta: il Chichì Ripieno
È una focaccia rustica molto gustosa e saporita adatta per tutti gli spuntini.
By Redazione
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
San Candido, destinazione per tutte le stagioni
Un borgo trentino di origine antiche che ancora oggi sa coniugare tra le sue vie il sapore della tradizione sudtirolese con la calda accoglienza italiana.
By Simona PK Daviddi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di