Palazzolo Acreide è inserito nella lista dei Patrimoni Mondiali dell’Umanità UNESCO, meta ideale per gite fuori porta e ricco di testimonianze di epoche diverse
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Palazzolo Acreide

Le vestigia dell'antica Akrai

  • Salsiccia Palazzolese. La salsiccia Palazzolese è un insaccato di carne suina, tipica del nostro territorio. Viene prodotta solitamente riempiendo un budello naturale di suino insieme a spezie, sale e peperoncino; con un misto di parti magre (ad esempio spalla) tagliate a dadini (o tritate). All'impasto così ottenuto viene aggiunto solitamente vino (prevalentemente rosso). Può essere consumata fresca (previa cottura) o secca (quindi stagionata).
  • “Cavatieddi” (Cavati). E’ una pasta tradizionale palazzolese, lavorata a mano e ricavata con un impasto di farina,acqua e un pizzico di sale, hanno una forma allungata con una incavatura all'interno. Vengono gustati e serviti con ragù, o più tipicamente con sugo di carne di maiale e rappresentano il piatto regionale per eccellenza.
  • Ravioli di ricotta. A Palazzolo la preparazione si fa a mano, ad esempio con l’aiuto di un bicchiere che permette di ottenere una forma circolare, riempita in seguito da una cucchiaiata di ricotta condita con prezzemolo, pepe nero, noce moscata, parmigiano e uova. Vengono conditi con sugo di pomodoro fresco o sugo di carne di maiale.
  • Caponata. Si tratta di un insieme di ortaggi fritti (per lo più melanzane), conditi con sugo di pomodoro, sedano, cipolla, olive verdi o nere, capperi, carote, aglio e peperoncino in salsa agrodolce. La caponata palazzolese è generalmente utilizzata come contorno o antipasto. L'etimologia deriverebbe dal "capone", nome con il quale in alcune zone della Sicilia viene chiamata la 'lampuga', un pesce dalla carne pregiata. Il popolo, non potendo permettersi il costoso pesce, lo sostituì con le economiche melanzane.
  • Gelatina di maiale. Ottenuta dai residui della lavorazione del maiale, viene preparata utilizzando le parti povere del maiale, come la cotenna, zampe, testa, coda, lingua ed orecchie. La carne viene fatta lessare per alcune ore in acqua salata con foglie di alloro. Al brodo viene quindi aggiunto limone e aceto e fatto bollire ancora per mezz'ora. Si aggiungono quindi le spezie, come pepe, peperoncino; la gelatina ottenuta si consuma fredda e può essere conservata per alcuni giorni.
  • Maialino nero. Il maialino nero è una razza autoctona dei territori siciliani. La razza si presenta di taglia piccola e si caratterizza per la pelliccia di colore nero; di origine selvatica, viene allevato allo stato brado e lasciato libero di vagare per i boschi, cibandosi dei frutti della natura. Generalmente il maialino nero viene cotto al forno o alla brace e può essere utilizzato anche per la preparazione del tipico salame.
  • Tartufo nero. Il tartufo nero si presenta rugoso all'aspetto, scuro e con piccole verruche, con venature chiare e sottili, di dimensioni variabili tra quella di una noce a quella di un pompelmo, ed emana, come del resto le altre varietà della famiglia, un intenso profumo caratteristico. Si tratta di uno dei prodotti agroalimentari tradizionali che troviamo nelle vicinanze del bosco di bauly, a 5 km da Palazzolo. Viene gustato nelle carni, nella pasta e nella pizza.
  • Ricotta Calda. La ricotta è un prodotto caseario, precisamente un latticinio, ma non si può definire formaggio perché non viene ottenuta attraverso la coagulazione della caseina, ma dalle proteine del siero di latte, cioè della parte liquida del latte che si separa dalla cagliata. La ricotta è anche l'elemento base di molte ricette palazzolesi come i cannoli, i ravioli, le lumere e la cassata siciliana (rigorosamente ricotta di pecora). Gli ingredienti per produrre la ricotta sono il siero ed il sale.
  • Ricotta Salata. La ricotta salata è una varietà di ricotta prodotta ed apprezzata in particolare nell'Italia meridionale. Si differenzia dalla ricotta fresca per essere più "secca" e per un sapore ed una consistenza più marcati. Si produce lasciando floculare le proteine e le albumine presenti nel siero di latte. La salatura avviene quasi esclusivamente a mano con del sale marino grosso. La ricotta secca in commercio è prodotta soprattutto con siero di latte di pecora e viene utilizzata come prodotto da tavola da grattugiare.
  • Parmigiana di melanzane. Il termine parmigiana deriverebbe dalla parola siciliana parmiciana. Generalmente viene preparata con melanzane, caciocavallo, prosciutto cotto, passata di pomodoro, uova sode, foglie di basilico, parmigiano grattugiato, olio extravergine d’oliva, sale e peperoncino.
  • Costata di maiale. La costata di maiale è un tipo di bistecca tipica palazzolese, solitamente cotta sulla griglia, la cui carne proviene dal taglio del costato del suino. La cottura della carne avviene solitamente tramite fiamma viva sulla griglia, ma può essere cotta anche su piastre preriscaldate. Tipica del nostro paese è anche la costata ripiena.
  • Polpette di patate. La polpetta di patate è una pietanza solitamente a base di patate, uova, prezzemolo, pangrattato e parmigiano. Una volta preparato l'impasto, si prendono via via tante piccole porzioni le quali vengono schiacciate e lavorate a mano, fino al raggiungimento della caratteristica forma rotondeggiante. Si cuociono fritte in abbondante olio e generalmente vengono servite a tavola come seconda portata.
  • Arancino. Si tratta di una palla di riso fritta, farcita con ragù, mozzarella e piselli. Il nome deriva dalla forma e dal colore tipici, che ricordano un'arancia. Nella parte orientale dell'isola gli arancini possono anche avere una forma conica. Esistono infatti ricette dell'arancino che prevedono, oltre ovviamente al riso, l'utilizzo di funghi, salsiccia, gorgonzola, salmone, pollo, pesce spada, frutti di mare, pesto, nonché del nero di seppia.
  • Canestrato dei Nebrodi. Il Canestrato siciliano viene chiamato anche Canistratu, Picurinu o Tumazzu. Il Canestrato deriva il suo nome dai canestri di giunco entro cui lo si fa stagionare per un periodo più o meno lungo. Per la sua produzione viene usato latte intero vaccino, ovino o misto. La cagliata viene messa nei “fasceddi”e pressata a mano, dopo viene sottoposta a salatura a secco o in salamoia. Ha gusto fresco e piacevole.
  • Cannolo Siciliano. Si compone di una cialda di pasta ed un ripieno a base di ricotta di pecora setacciata e zuccherata. Per la scorza, si formano piccoli dischi di pasta (fatta di farina di grano tenero, vino, zucchero e strutto) che vengono arrotolati su piccoli tubi di metallo e poi fritti. Si trovano anche altri ripieni, come la crema pasticcera o la crema di cioccolato. Il cannolo farcito viene poi spolverato di zucchero a velo.
  • Cassata Siciliana. Torta tradizionale a base di ricotta zuccherata di pecora, pan di Spagna, pasta reale, frutta candita e glassa di zucchero. Esistono innumerevoli varianti locali, specialmente l'aspetto esteriore può variare da una scarna decorazione di glassa e un po' di scorza d'arancia candita fino a una con perline colorate e una mezza dozzina di frutti canditi diversi. Ci possono essere ingredienti aggiuntivi, come pistacchio, pinoli, cioccolato, cannella, maraschino o acqua di zagara.
  • “Pignuccata” siciliana (Pignolata al miele). È molto simile agli struffoli, da cui differisce per la forma a pigna e perché è fritta nello strutto, presente anche nell'impasto. Tradizionalmente viene usata in occasione delle feste di Carnevale. Il dolce è fatto da pallini di pasta fritti e coperti di miele. Di recente si usa aggiungere zucchero colorato per decorare il dolce.
  • “Giuggiulena”. Tipico dolce natalizio il cui ingrediente principale è il sesamo, che in siciliano è indicato con il termine giuggiulena. La ricetta si basa sulla composizione di semi di sesamo versati nel miele e fissati dalla caramellizzazione degli zuccheri (in una versione arricchita si aggiungono anche mandorle e scorzette di arancia candite), a modo di torroncino. Richiede una preparazione molto lunga, con un riposo di ventiquattr'ore.
  • “Lumere o Cassateddi di ricotta” (Cassatelle). A differenza della Cassata, le Cassatelle si preparano con pasta fresca stesa di circa dieci centimetri di diametro e ricotta zuccherata. Si cucinano al forno e si possono mangiare calde. Nella tradizione siciliana le cassatelle si preparano per Pasqua e per questo vengono chiamate Cassatelle di Pasqua.
  • Frutta Martorana. La sua preparazione ed il suo confezionamento prevede, nella forma e nell'aspetto alla fine del processo di preparazione, la perfetta imitazione o riproduzione di frutti e talvolta ortaggi o pesci. Internamente è simile al marzapane ma notevolmente più dolce e saporito. La base della sua ricetta è esclusivamente la farina di mandorle e lo zucchero.
  • Biscotti di mandorla. La pasta di mandorle costituisce uno dei dolci più rappresentativi della Sicilia orientale, dove i maestri pasticcieri lavorano la mandorla in maniera artigianale. I Biscotti di mandorle vanno preparati mescolando zucchero a velo e uovo fino ad ottenere un composto uniforme. A parte si mescolano invece mandorle, limone, vaniglia e cannella, per andare così a creare i biscotti che poi andranno infornati.
  • Chiacchiere. Tipici dolci di carnevale, hanno la forma di una striscia, talvolta manipolata a formare un nodo (in alcune zone prendono infatti il nome di fiocchetti). Sono fatte con un impasto di farina che viene fritto o cotto al forno e successivamente spolverato di zucchero a velo.
  • Pan di Spagna. L'impasto del pan di Spagna viene preparato a freddo mischiando in una terrina poca farina o fecola di patate, zucchero, tuorli d'uovo e bianchi d'uovo montati a neve fermissima. La preparazione del Pan di Spagna risulta essere semplice anche se non troppo veloce poiché richiede un tempo di circa 60 minuti. Il Pan di Spagna è una ricetta molto usata in cucina per la preparazione di ottimi dolci, soprattutto torte come la Cassata Siciliana.
  • Marmellata di Mele Cotogne.
  • Mostarda. La sua particolarità è nei sui ingredienti: mosto di vino e cenere. A questi caratteristici ingredienti si aggiungono amido o farina, zucchero, mandorle tostate e/o gherigli di noce e alcune scorzette d’arancia essiccate e sminuzzate.

Altre destinazioni nelle vicinanze

Ferla
Ferla
Ferla è un piccolo borgo medievale, considerata una splendida perla della Val di Noto. Un borgo antico e ricco di luoghi di culto pieni di storia
Siracusa - 7.11 KM da Palazzolo Acreide
Giarratana
Giarratana
Giarratana è uno dei più piccoli centri della provincia di Ragusa. Di origini antiche, è denominata la “Perla degli Iblei”
Ragusa - 9.83 KM da Palazzolo Acreide
Sortino
Sortino
Sortino è un pregevole esempio di barocco siciliano, noto per la produzione di miele e situato in prossimità della Necropoli Rupestre di Pantalica
Siracusa - 15.2 KM da Palazzolo Acreide
Ispica
Ispica
Ispica, nella Val di Noto, è meta di un turismo balneare di qualità. Il suo centro è un susseguirsi di eleganti opere tardo-barocche e liberty
Ragusa - 30.66 KM da Palazzolo Acreide
Ortigia
Ortigia
Ortigia è l'isola che costituisce la parte più antica della città di Siracusa, in Sicilia.
Siracusa - 34.53 KM da Palazzolo Acreide
Marzamemi
Marzamemi
Marzamemi è un borgo marinaro, vicino a Pachino e Noto, noto per la famosa Tonnara, la seconda più importante della Sicilia
Siracusa - 40.4 KM da Palazzolo Acreide

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di