Il nome del borgo di Oratino, in Molise, era orginariamente Loretinum.

 
CERCA PER ZONA

Oratino
Un gioiello dal passato oscuro

Comune di Oratino
Provincia di Campobasso
Regione Molise

Abitanti: 1.641
Altitudine centro: 795 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia

Aree Naturali Protette:
Parco delle Morge Cenozoiche del Molise 

Comune di Oratino
Piazza Raffaele Rogati 3 - Oratino (CB)
Tel. +39 0874 38132

Info Point Parco delle Morge
Piazza Raffaele Rogati 3 - Oratino (CB)
Tel. +39 328 8627594 / +39 347 1725176 

Il nome del borgo di Oratino, in Molise, era orginariamente Loretinum. La successione feudale fu alquanto complessa e non è caratterizzata dalla costante presenza di una sola famiglia. Uno dei primi titolari fu Eustachio d'Ardicourt (1268), cui gli successe il figlio Adamo I d'Ardicourt; vennero probabilmente privati con la violenza di Oratino, in quanto nel corso della revisione feudale del 1279, indetta da Carlo I d'Angiò, risultarono non rintracciabili. Sotto Carlo II d'Angiò, sul finire del Duecento, abbiamo come feudatario un tal “Giovanni di Lando”. Nell'anno 1333 Oratino appartenne al demanio per cause ignote. Il 6 giugno del medesimo anno, re Roberto d'Angiò lo conferì alla moglie Sancha d'Aragona, la quale lo conservò sino al decesso, avvenuto nel 1345. Nel Quattrocento Oratino fu dei d'Evoli, quindi dei conti Gambatesa, sino al 1495. Fino al 1507 fu successivamente dei di Capua. Ferrante di Capua lo vendette ai baroni Rizzo di Napoli, da cui passò per eredità ai Caracciolo. Nella restante parte del Cinquecento subentrarono i patrizi Coscia di Napoli. Prima del 1586 Oratino divenne degli spagnoli di Silva, per essere alienata nel 1630 a Ottavio Vitaliano (ucciso il 29 giugno 1639), divenuto nel 1638 duca di Oratino. Il feudo visse con l'omonimo figlio Ottavio un duro periodo. Antonio Vitaliano (vivente nel 1699), IV ed ultimo duca di Oratino, la vendette ai Giordano, che furono nominati duchi di Oratino (Diploma del 10 agosto 1729), titolo confermato dal Regno d'Italia (1882).

Meritano certamente una visita Palazzo Giordano, la Chiesa di Santa Maria Assunta e la Chiesa di Santa Maria di Loreto. Quest'ultima, risalente al XVIII secolo, presenta all'interno decorazioni dei fratelli Ciriaco e Stanislao Brunetti, risalenti al 1757. Durante i lavori di restauro sono venuti alla luce i resti di un edificio di culto medioevale. Di questa tipica chiesetta di campagna sono stati ritrovati l'impostazione dell'altare centrale e tracce dell'originaria pavimentazione in cotto. Successivamente la chiesa divenne a tre navate con pianta quasi quadrata, con soffitto ligneo a cassettoni e gradino centrale per accedere al presbiterio. Vi erano tre altari, quello centrale intitolato alla Madonna del Loreto, quello sinistro dedicato a S. Rocco e quello destro a S. Sebastiano.

Da non perdere la visita della Rocca di Oratino, poco distante dal borgo, e il panorama sulla Valle del Biferno che essa offre. Nel 2004 Sergio Castellitto ha girato scene del suo film: Non ti muovere con Penelope Cruz in Molise. In una scena di queste si vede, mentre viaggia in auto, la Rocca.

Video di Creative Motion

Altre destinazioni nelle vicinanze

Frosolone
Isernia - 11.58 KM da Oratino
Pietracupa
Campobasso - 12.04 KM da Oratino
Bagnoli del Trigno
Isernia - 16.91 KM da Oratino
Trivento
Campobasso - 22.38 KM da Oratino
Riccia
Campobasso - 23.67 KM da Oratino
Roccavivara
Campobasso - 28.56 KM da Oratino

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
Un viaggio alla scoperta di cinque località incantevoli arroccate nell’austerità della roccia del Belpaese
By Pier Volpato
Ricetta: Strangozzi al tartufo nero, eccellenza di Norcia
Una pasta artigianale, tipica dei borghi umbri e con il blasonato tartufo nero: uno dei fiori all’occhiello della gustosa gastronomia di Norcia, nel cuore della Valnerina
By Luciana Francesca Rebonato
5 borghi imperdibili dell’appennino tosco-emiliano
Fiumalbo, Compiano, Bagnone, Castelnuovo di Garfagnana e Coreglia Antelminelli, gioielli dell’appennino.
By Luca Sartori
Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani
Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
By Luciana Francesca Rebonato
Un itinerario lungo la Strada Romantica delle Langhe e del Roero tra borghi, castelli e vigneti piemontesi
La Strada Romantica delle Langhe e del Roero, un incantevole viaggio per vigne, borghi e castelli del Piemonte
By Pier Volpato
Salpa alla scoperta dei borghi più belli custoditi nel cuore della Sardegna
Un itinerario nel cuore del Mediterraneo, un viaggio alla scoperta di cinque tra i borghi più belli della Sardegna
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi