Adagiato fra il verde del monte e il blu del mare, Sirolo è considerato "la perla dell'Adriatico": un prezioso scrigno d'arte incastonato in un paesaggio mozzafiato.
 
CERCA PER ZONA

Sirolo

La Perla dell'Adriatico
Leggi di più

Borgo di Sirolo
Comune di Sirolo
Provincia di Ancona
Regione Marche

Abitanti: 4.051
Altitudine centro: 125 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Bandiera Blu
Bandiera Verde
4 Vele Legambiente

Aree naturali protette:
Parco regionale del Conero

Comune di Sirolo
Piazza Giovanni Da Sirolo 1 - Sirolo (AN)
tel: 0719330572

La quasi totalità del territorio del borgo di Sirolo, nelle Marche fa parte del Parco Regionale del Conero, uno dei siti più importanti d'Italia per il birdwatching e ricchissimo di flora, tipica della macchia mediterranea (corbezzolo, leccio, pino di Aleppo, ginestra, tasso, ecc.) e di fauna (caprioli, cinghiali, lupo appenninico, volpi, scoiattoli, faine, donnole, lepri, fagiani, starne, ghiandaie). Luogo di nidificazione del falco pellegrino, del passero solitario e della farfalla del corbezzolo, unico per quanto concerne la fascia adriatica della penisola.
Il nome deriva dal condottiero Sirio, al seguito del generale Belisario, a cui intorno all'anno 540 Giustiniano I donò il territorio di Sirolo, dopo la sconfitta dei Goti che avevano invaso il Piceno.

Sirolo registra una delle più remote presenze umane delle Marche. Sin dalla preistoria misteriosi abitatori lasciarono i segni della loro presenza databile a 100 mila anni fa. Nell'età neolitica altre comunità occuparono Sirolo e il Conero e ancora, scendendo più giù nel tempo, altre presenze, nell'età del bronzo, ed altri insediamenti, quelli piceni, animarono questa terra, seminandola di abitati e poi di necropoli, ancora oggi non tutte dissepolte. A Sirolo vi è un percorso archeologico nella più grande necropoli picena delle Marche (VI sec. a.C.) - l'unica visitabile nella regione – in cui sono stati rinvenuti straordinari e numerosissimi reperti che compongono le associazioni funerarie di una straordinaria sepoltura qual è la cosiddetta “Tomba della Regina”. I quasi duemila ritrovamenti della predetta tomba confermano l'esistenza di una comunità che aveva raggiunto una concezione elevata del ruolo femminile all'interno dell'antica società italica. Chiara è anche l'impronta ellenica nei luoghi. I Greci che, a partire dal IV sec. a.C., risalivano le coste dell'Italia Meridionale, in questi luoghi trovarono terre ricche e feconde in cui fondare città. Qui fissarono la loro dimora e chiamarono il Conero Komaros, ribattezzato dai Romani Cumerium – corbezzolo - perché a ottobre il Monte Conero si colora di corbezzoli, piccoli, rotondi e colorati frutti diventati il simbolo della cordialità e del benvenuto all'ospite. Anche i Romani giunsero e si insediarono a Sirolo, ne apprezzarono le messi e il vino e lasciarono a loro testimonianza opere idrauliche come l'acquedotto e arredi artistici nelle ville del territorio. Durante il dominio romano faceva parte della cives Humanae. Attorno all'anno mille, la necessità di difendersi dalle scorrerie dei barbari, favorì il sorgere del castello di Sirolo. Sirolo, inespugnata, resistette per tutto il medioevo come struttura fortificata, con le sue torri, le sue mura, la sua corte e il suo arco gotico del 1050, porta della città.
Nel 1225 la famiglia dei conti Cortesi, signori del luogo, cedettero la città ad Ancona in cambio del titolo nobiliare. Per questo motivo Sirolo è considerata uno dei Castelli di Ancona. Sirolo ebbe una certa autonomia dal 1465 alla fine del XVII secolo, quando entrò a far parte dello Stato della Chiesa.

Il centro storico, borgo di origine tardo medioevale, conserva un fascino antico legato alle sue origini di castello fortificato ed è costituito da un dedalo di vicoli caratteristici, percorribili solo a piedi, tra angoli e scorci di grande impatto. Dalla piazza panoramica nel centro del paese si ammirano le più belle spiagge della Riviera del Conero, gran parte della costa marchigiana e, nelle giornate più limpide, le isole Kornati e la Croazia. Vi sono importanti monumenti fra cui la Badia di San Pietro sul Conero (XI sec.), piccola chiesa di architettura romanica, che prospetta su di una piccola piazzetta ed un portale barocco, la chiesa parrocchiale di San Nicola del 1765, costruita sui resti di una chiesa preesistente risalente al 1230, la chiesa del SS. Rosario del XVIII sec. a pochi passi dalla porta medioevale, la chiesetta dedicata alla Madonna (anno 1536) in località "La Madonnina" ed il teatro comunale Cortesi, minuscolo gioiello d'architettura di fine ‘800.

Video di Rivieradelconerotv

Altre destinazioni nelle vicinanze

Camerano
Camerano
Il borgo di Camerano si trova all'interno del Parco Regionale del Conero ed è noto per le sue Grotte.
Ancona - 5.46 KM da Sirolo
Montecosaro
Montecosaro
Il borgo di Montecosaro si trova nelle Marche.
Macerata - 22.98 KM da Sirolo
Montecassiano
Montecassiano
Il borgo di Montecassiano si affaccia sulla vallata del fiume Potenza, nelle Marche.
Macerata - 23.13 KM da Sirolo
Treia
Treia
Il borgo di Treia si trova nelle Marche a nord della Valle del Potenza.
Macerata - 34.22 KM da Sirolo
Cingoli
Cingoli
Adagiato sulla sommità del Monte Circe, il borgo di Cingoli è denominato il Balcone delle Marche.
Macerata - 36.55 KM da Sirolo
Torre di Palme
Torre di Palme
In posizione sopraelevata e a ridosso del mare, il borgo marchigiano di Torre di Palme gode di un notevole panorama sul litorale adriatico.
Fermo - 45.17 KM da Sirolo

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
La leggenda di Aloisa, il fantasma degli innamorati del borgo di Grazzano Visconti
Un luogo incantato, ricostruito come il set di un film, e il suo fantasma, protettore dell'amore puro
By Ivan Pisoni
Ricetta: le Fave ncrapiate di Ostuni
Ricetta: le Fave ncrapiate di Ostuni
Assaggiamo i sapori tipici di uno dei più caratteristici borghi pugliesi, Ostuni
By Nadia Calasso
Ricetta: Pasta e patate nella Tajedda
Ricetta: Pasta e patate nella Tajedda
La pasta e patate nella "Tajedda" è un piatto della tradizione calabrese e soprattutto silana. Un primo piatto con ingredienti semplici e genuini, facile da preparare ed ottimo da gustare.
By Nadia Calasso
Ricetta: Pan De Mej - Dolce tipico di Angera
Ricetta: Pan De Mej - Dolce tipico di Angera
Il Pan De Mej è un dolce tipico di Angera, un caratteristico borgo che si trova sul Lago Maggiore. Da assaggiare assolutamente e preparare a casa. Ecco la ricetta
By Nadia Calasso
Ricetta: Sagne piccantine specialità d'Abruzzo
Ricetta: Sagne piccantine specialità d'Abruzzo
Sagne piccantine, specialità d'Abruzzo da assaggiare assolutamente se in uno di questi giorni estivi siete in vacanza in Abruzzo, una bontà che vi piacerà anche preparandola a casa.
By Nadia Calasso
Musica, arte e cinema da non perdere in Calabria
Musica, arte e cinema da non perdere in Calabria
Musica, arte e cinema da non perdere in Calabria per un estate ricca di emozioni. Ecco gli eventi se siete in vacanza tra i borghi di questa regione.
By Nadia Calasso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di