San Benedetto Po è noto per il complesso monastico di Polirone, cuore pulsante del paese. Oggi il borgo è un importante centro turistico, per la visita del monastero, l'imponente basilica giuliesca,
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

San Benedetto Po

San Benedetto e il grande fiume
Leggi di più

Borgo di San Benedetto Po
Comune di San Benedetto Po
Provincia di Mantova
Regione Lombardia

Abitanti: 7.258
Altitudine centro: 19 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia

Comune di San Benedetto Po
Via E. Ferri 79 - San Benedetto Po (MN)
tel: 0376623026

A pochi chilometri da Mantova si trova San Benedetto Po, il cui nome – anticamente San Benedetto in Polirone - è legato al monastero benedettino fondato nel 1007 da Tedaldo di Canossa sull’isola che sorgeva tra il fiume Po e il Lirone. Per l’impegno religioso, politico e culturale il monastero, collegato con le abbazie di Cluny e Montecassino, ha occupato un ruolo fondamentale nella storia del monachesimo italiano fino alla sua soppressione (1797), opera di Napoleone Bonaparte. Questo luogo, designato da Matilde di Canossa come luogo in cui riposare per l’eternità, ha dominato per otto secoli la Pianura Padana; oltre mille anni di storia sono sedimentati nelle strutture di questo complesso monumentale che offre diverse modalità di visita nei luoghi caratteristici del monastero.

Si entra in San Benedetto dall’antico ingresso del monastero e ci si trova nella maestosa piazza, rimasta intatta nelle dimensioni che aveva nel medioevo; subito lo sguardo è catturato dalla splendida Basilica Abbaziale con la sua imponente architettura disegnata da Giulio Romano tra il 1540 e il 1545. La visita prosegue nel Chiostro dei Secolari, luogo dove erano accolti ospiti, pellegrini e forestieri e da cui, salendo lo scalone secentesco realizzato da Giovan Battista Barberini, si giunge fino al Museo Civico Polironiano. Si giunge dunque al Chiostro di San Simeone, affascinante nel suo aspetto tardogotico, databile tra 1458 e il 1480. Sul chiostro si affaccia la Sala del Capitolo, importante centro direttivo del cenobio. Il terzo chiostro, il Chiostro di san Benedetto è adiacente ad un lato della Basilica. Il percorso termina con il Refettorio monastico, imponente edificio affacciato su Piazza Matilde di Canossa; fu voluto da Gregorio Cortese il quale chiamò per la sua decorazione due artisti: Girolamo Bonsignori, autore della tela dell’Ultima Cena incastrata nell’architettura dipinta da Correggio tra il 1513 e il 1514. Sotto al Refettorio monastico si estendono le Cantine cinquecentesche le quali ospitano una ricca collezione di carri agricoli.

Video di Solomon King

Altre destinazioni nelle vicinanze

Grazie
Grazie
Il piccolo borgo di Grazie e il suo Santuario sorgono nelle Valli del Mincio, a circa 7 km dal centro della città di Mantova.
Mantova - 22.43 KM da San Benedetto Po
Isola della Scala
Isola della Scala
Isola della Scala e il suo famoso riso veronese si trovano in Veneto.
Verona - 26.61 KM da San Benedetto Po
Gualtieri
Gualtieri
Gualtieri, considerata una delle piccole capitali padane, è un borgo ricco di testimonianze storiche racchiuse nella magnifica Piazza Bentivoglio considerata tra le più belle d’Italia
Reggio Emilia - 27.87 KM da San Benedetto Po
Correggio
Correggio
Cittadina d'origine medievale legata alla dominazione longobarda, oggi Correggio è uno dei comuni più estesi e popolati della provincia, nonchè culla d'artisti.
Reggio Emilia - 32.25 KM da San Benedetto Po
Sabbioneta
Sabbioneta
Sabbioneta è uno dei massimi esempi dello stile architettonico rinascimentale lombardo e uno dei più belli in Lombardia,
Mantova - 34.79 KM da San Benedetto Po
Borghetto sul Mincio
Borghetto sul Mincio
Borghetto sorge nella valle del fiume Mincio, in Veneto.
Verona - 38.33 KM da San Benedetto Po

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: le Melanzane Ripiene
Ricetta: le Melanzane Ripiene
Un piatto tipico, semplice e gustoso della cucina calabrese che non può mancare durante il pranzo domenicale o durante i giorni di festa
By Redazione
Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di