Oria è collocata sulle più elevate alture del Salento, in Puglia.
 
CERCA PER ZONA

Oria

Mistero, fede e storia in Salento
Leggi di più

Borgo di Oria
Comune di Oria
 
Provincia di Brindisi
Regione Puglia

Abitanti: 15.296
Altitudine centro: 154 m s.l.m.

Comune di Oria
Via Epitaffio - Oria (BR)
Tel. +39 0831 847958

Oria è collocata sulle più elevate alture di un cordone collinare di antiche dune fossili nel nord del Salento, che le conferiscono una posizione dominante sulla circostante pianura salentina.

Secondo le indicazioni dello storico Erodoto la città venne fondata quando un gruppo di cretesi sarebbe stato sbattuto da una tempesta sulle coste ioniche e, sbarcato su queste terre, avrebbe fondato Hyria, intorno al 1400 a.C. Nel 265 a.C. la Città passò sotto la supremazia dei Romani e dopo la disfatta di Annibale, per la sua costante fedeltà a Roma, il Senato la dichiarò Municipio Romano e Città Confederata. Alla caduta dell’Impero Romano di Occidente seguì un periodo di instabilità politica, durante il quale fu soggetta, con alterne vicende, ai Greci, ai Goti, ai Longobardi, ai Bizantini. Divenne tra il IX e il X secolo una fiorente colonia ebraica. Nel 977 fu conquistata dai Normanni e successivamente dagli Svevi. Tra il 1225 e il 1233, l’Imperatore Federico II fece edificare un castello su elementi dell’acropoli normanna e provvide a consolidare le opere difensive della città. Successivamente alla dominazione sveva, Oria passò sotto al dominio degli Angioini e degli Spagnoli. Il feudo, divenuto Marchesato, fu venduto a San Carlo Borromeo e nel 1575 fu acquistato dagli Imperiali di Genova che lo tennero fino al 1789, passando poi sotto i Borboni. Nel 1860 Oria passò al Regno d’Italia.

Il luogo di culto che racconta al meglio la storia di Oria è la Basilica Cattedrale dedicata a Maria S.S. Assunta in Cielo. L’edificio richiama fortemente le forme della famosa Basilica di San Pietro, tanto da essere chiamata la piccola San Pietro. Le mura esterne sono in carparo, la cupola è rivestita con mattonelle policrome e la pianta è a croce latina a tre navate. All’interno si possono ammirare i pregiati marmi e stucchi, dipinti, candelabri e statue, tra le quali quelle dei Santi Medici di scuola veneziana e quella del protettore San Barsanofio di scuola napoletana. Attraverso una scala si accede poi alla Cripta delle Mummie dove, posizionate nelle nicchie, vi sono le mummie dei corpi dei componenti della confraternita locale. Un altro simbolo della città è il Parco Montalbano, un parco storico di particolare pregio, situato a ridosso della parete orientale del Castello Normanno-Svevo. Al suo interno, siepi di bosso guidano i turisti tra vasche, laghetti e suggestivi angoli di verde. Mediante una serie di scalinate, si arriva ad un'incantevole passeggiata panoramica, che collega due torrioni dell’adiacente Castello, fatto costruire da Federico II. Nel cuore del centro storico troviamo Palazzo Martini, classico esempio di architettura barocca del XVIII secolo, che ospita un museo di materiale archeologico, con reperti relativi a contesti tombali e non.

Oria si presenta come una fedele custode di antiche tradizioni. E così, la città ama rivivere i momenti più significativi del passato, esaltandoli con la partecipazione di tutta la sua gente che conferisce ad essi un senso di genuinità difficilmente dimenticabile. In un intreccio di storia e leggenda, da 50 anni ogni sabato e domenica della seconda settimana di agosto, rende omaggio al “suo” Imperatore, con il “Corteo Storico di Federico II – Torneo dei Rioni”. La manifestazione trae origine dalla presenza di Federico II ad Oria, quando nell’anno 1225 soggiornò nel castello Svevo per attendere la promessa sposa Isabella di Brienna, Regina di Gerusalemme, che sposò nel Duomo di Brindisi. Il Corteo Storico coinvolge oltre mille figuranti in costume d’epoca che sfilano lungo le principali vie della città, fastosamente addobbate con i vessilli colorati dei quattro rioni: Castello, Judea, Lama e Santo Basilio. Il Torneo, invece, è una vera e propria sfida tra i rioni, con duelli che fanno rivivere i tornei di epoca medievale. Inoltre, nel corso dell’anno vengono proposti altri eventi come: la Passione di Cristo e i riti della Settimana Santa, oltre ad un ricco calendario di appuntamenti durante il periodo estivo e invernale.

Ma la città di Oria è soprattutto la sua gente, che vi accoglierà con la sua cordialità affettuosa e che vi donerà una serenità che altrove, forse, il ritmo serrato del tempo travolge e non offre.

Video di Omar Verderame

Altre destinazioni nelle vicinanze

Grottaglie
Grottaglie
Il borgo di Grottaglie, in Puglia, è noto per la produzione di ceramiche artistiche.
Taranto - 22.22 KM da Oria
Ostuni
Ostuni
La Città Bianca di Ostuni è la località di maggiore attrazione turistica balneare della Puglia, caratterizzata da vicoli stretti e spiagge bianche.
Brindisi - 26.07 KM da Oria
Cisternino
Cisternino
Il borgo di Cisternino, in Puglia, si affaccia sulla valle d'Itria, nella cosiddetta Murgia dei Trulli.
Brindisi - 32.57 KM da Oria
Locorotondo
Locorotondo
Il borgo bianco di Locorotondo è il più bel balcone della Murgia dei Trulli.
Bari - 39.08 KM da Oria
Alberobello
Alberobello
Nel cuore della Murgia dei Trulli, a 50 chilometri da Bari, una graziosa distesa di pinnacoli annuncia Alberobello, con il suo caratteristico centro storico Patrimonio Mondiale dell’Umanità dell’UNESCO.
Bari - 46.61 KM da Oria

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Al Castello di Santa Severa va in onda un agosto... spettacolare!
Al Castello di Santa Severa va in onda un agosto... spettacolare!
Presso lo splendido maniero che sorge sulla spiaggia di Santa Marinella, nel Lazio, va in scena un'estate ricca di eventi imperdibili. Ecco tutti gli appuntamenti
By Redazione
Ferragosto 2019. Ecco alcuni eventi nei borghi che vi sorprenderanno
Ferragosto 2019. Ecco alcuni eventi nei borghi che vi sorprenderanno
Non le solite feste patronali o festeggiamenti per l'Assunzione di Maria o San Rocco ma una serie di eventi in alcuni borghi che sicuramente vi rimarranno nel cuore.
By Redazione
Ricetta: Pasticciotto Leccese
Ricetta: Pasticciotto Leccese
Il Pasticciotto Leccese è uno dei dolci tipici del Salento, lo si trova anche nel bei borghi di Galatina, Otranto e Tricase. Una specialità da gustare in quei luoghi come a casa. Eccovi la ricetta originale.
By Nadia Calasso
Treviso: weekend nelle terre patrimonio UNESCO, tra Pieve di Soligo, Follina e Cison di Valmarino.
Treviso: weekend nelle terre patrimonio UNESCO, tra Pieve di Soligo, Follina e Cison di Valmarino.
La meraviglia delle terre del Prosecco, patrimonio mondiale dell’UNESCO, a due passi da Treviso. Tra chiese, ville e antichi lanifici.
By Luca Sartori
Neo-eremiti e castellani
Neo-eremiti e castellani
Siamo nella striscia occidentale del Parco Regionale delle Serre calabresi, a Soreto e ad Arena: entrambe appartenenti alla provincia di Vibo Valentia. Un piccolo viaggio: in un antico convento francescano; in un piccolo borgo medioevale vibonese.
By Daniela Sorace
Rock e poesia ad Agnone da non perdere!
Rock e poesia ad Agnone da non perdere!
Se per la fine di luglio ed i primi di agosto siete ad Agnone non perdetevi l'evento clou della rassegna Sonika Poietika, festival che riempe di arte e musica alcuni borghi del Molise.
By Nadia Calasso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di