Il borgo di San Gimignano, nella Val d'Elsa, in Toscana, è uno dei migliori esempi in Europa di organizzazione urbana dell'età medievale.
 
CERCA PER ZONA

San Gimignano

Lo spettacolo del Medioevo
Leggi di più

Borgo di San Gimignano
Comune di San Gimignano
Provincia di Siena
Regione Toscana

Abitanti: 7.820
Altitudine centro: 324 m s.l.m.

Sito Unesco:
Centro storico di San Gimignano

il Comune fa parte di:
Paesi Bandiera Arancione
Città del bio
Città del vino
Città dell'olio

Aree naturali protette:
Riserva naturale Castelvecchio

Comune di San Gimignano
Piazza del Duomo 2 - San Gimignano (SI)
Tel. +39 0577 9901

Il borgo di San Gimignano, posto su un'alta collina nella Val d'Elsa, è una piccola città fortificata a metà strada tra Firenze e Siena.

Nota soprattutto per le torri medievali che svettano sul suo panorama, San Gimignano ha acquisito il soprannome di Manhattan del Medioevo. La più antica è Torre Rognosa, alta 51 metri, mentre la più alta è la Torre del Podestà, detta anche Torre Grossa, di 54 metri.

San Gimignano è una cittadina agricola famosa per la produzione vitivinicola della Vernaccia e la coltivazione dello zafferano, che con il suo sapore caratteristico, pungente e leggermente amarognolo è possibile abbinarlo con il pesce, le verdure, le carni bianche.
La Vernaccia di San Gimignano è uno dei vini bianchi più pregiati e viene prodotto in una ristretta zona della Toscana tra Siena, Pisa e Firenze coincidente con il territorio comunale di San Gimignano.
Esso è conosciuto ed apprezzato in tutto il mondo ed è stato il primo vino italiano a ricevere il marchio di Denominazione di Origine Controllata (DOC) nel 1966.

La Toscana è una regione dove si producono 15 tipi di miele pregiato, tutti di qualità eccellente e a San Gimignano viene prodotto soprattutto quello di acacia e il millefiori. In cucina, oltre agli abbinamenti con i formaggi, il miele è ottimo per la preparazione dei dolci.

La storia

San Gimignano fu abitato anticamente dagli etruschi, almeno dal III secolo a.C, per la sua posizione strategica.
Sulle pendici del Poggio del Comune (624 m s.l.m.) sono presenti i ruderi di Castelvecchio, un villaggio di epoca longobarda.
Nel Medioevo la città si trovava su una delle direttrici della via Francigena, che Sigerico, arcivescovo di Canterbury, percorse tra il 990 e il 994 e che per lui rappresentò la XIX tappa (Mansio) del suo itinerario di ritorno da Roma verso l'Inghilterra. Egli la nominò Sce Gemiane, segnalando il borgo anche come punto di intersezione con la strada fra Pisa e Siena.
Secondo la tradizione il nome derivò dal santo vescovo di Modena, che avrebbe difeso il villaggio dall'occupazione di Attila. Verso il 1150, nonostante l'apertura di un nuovo tracciato della Francigena, San Gimignano continuò ad essere un centro emergente, con una politica di espansione territoriale e una significativa crescita delle attività commerciali.
Fu in questo periodo che si formarono due "borghi" al di fuori delle mura: quello di San Matteo, verso Pisa, e quello di San Giovanni, verso Siena, entrambi lungo una nuova "via maestra", che vennero inglobati nelle mura con il nuovo tracciato completato nel 1214.
Nel 1199, nel pieno del suo splendore economico, il paese guadagnò la propria indipendenza comunale rispetto ai vescovi di Volterra. Non mancarono le lotte intestine tra guelfi e ghibellini, ma al XIII secolo, sotto i ghibellini, risale il periodo di maggior splendore economico, che si basava sul commercio dei pregiati prodotti agricoli locali, tra i quali il più ricercato era lo zafferano, venduto in Italia e all'estero.
Nel 1251 le mura inglobarono Montestaffoli, ma pochi anni dopo, nel 1255, la città venne presa dai guelfi di Firenze che ordinarono la distruzione delle mura. Riacquistata l'indipendenza nel 1261 e tornata la supremazia ghibellina dopo la battaglia di Montaperti, i sangimignanesi ricostruirono le mura comprendendo anche il poggio della Torre.
Da allora la conformazione cittadina venne suddivisa in quattro contrade, ciascuna corrispondente ad una porta principale: quella di Piazza, di Castello, di San Matteo e di San Giovanni. Nel 1251 le mura inglobarono Montestaffoli, ma pochi anni dopo, nel 1255, la città venne presa dai guelfi di Firenze che ordinarono la distruzione delle mura.
Riacquistata l'indipendenza nel 1261 e tornata la supremazia ghibellina dopo la battaglia di Montaperti, i sangimignanesi ricostruirono le mura comprendendo anche il poggio della Torre.
Da allora la conformazione cittadina venne suddivisa in quattro contrade, ciascuna corrispondente ad una porta principale: quella di Piazza, di Castello, di San Matteo e di San Giovanni. Il declino e la marginalità della città nei secoli successivi furono le condizioni che permisero la straordinaria cristallizzazione del suo aspetto medievale.

Video di TreccaniChannel

Altre destinazioni nelle vicinanze

Certaldo
Certaldo
Il borgo di Certaldo è situato al centro della Valdelsa, in Toscana.
Firenze - 8.36 KM da San Gimignano
Barberino Val d´Elsa
Barberino Val d´Elsa
La storia di Barberino Val d'Elsa, in Toscana, è legata alla distruzione di Semifonte da parte dei Fiorentini nel 1202.
Firenze - 12.93 KM da San Gimignano
Casole d Elsa
Casole d Elsa
La storia, cosa vedere, la cucina tipica e gli eventi di Casole d‘Elsa. Il comune fa parte delle Città del Vino
Siena - 14.72 KM da San Gimignano
Volterra
Volterra
Il borgo di Volterra, in Toscana, è celebre per l'estrazione e la lavorazione dell'alabastro.
Pisa - 16.66 KM da San Gimignano
Monteriggioni
Monteriggioni
Il borgo medievale di Monteriggioni fa parte della cosiddetta Montagnola Senese, in Toscana.
Siena - 17.43 KM da San Gimignano
Tavarnelle Val di Pesa
Tavarnelle Val di Pesa
Tavarnelle Val di Pesa si trova nella regione storica del Chianti, in Toscana.
Firenze - 17.73 KM da San Gimignano

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Ricetta: i Chneffléné di Gressoney
Piccoli gnocchetti tipici della cucina valdostana che possono essere conditi in modi differenti.
By Redazione
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Ricetta: le Ferratelle abruzzesi
Le Ferratelle o pizzelle abruzzesi sono un dolce simile ai noti “waffles”.
By Redazione
Sauris, passaggio a nord-est
Sauris, passaggio a nord-est
Incorniciato dai suggestivi paesaggi della Carnia, il borgo alpino di Sauris è noto per il suo Lago, il Prosciutto IGP, lo speck e la birra artigianale, la Zahre Beer.
By Redazione E-borghi Travel
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
A Modena va in scena il meglio della musica lirica
E' iniziata la stagione concertistica 2019-20 presso il Teatro Comunale Luciano Pavarotti. Un'occasione per ascoltare artisti di livello mondiale e visitare gli incantevoli borghi del modenese
By Redazione
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
I borghi del tartufo: il profumo della buona terra
Gioiello delle nostre tavole, il tartufo è uno dei prodotti più buoni e pregiati che ci siano.
By Antonella Andretta
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
AgrieTour e il circuito e-borghi: il volto dell’Italia più vera, all’insegna dell’ospitalità rurale
Il 15 e il 16 novembre AgrieTour sarà in grado di offrire un panorama completo del mercato e della cultura dell'ospitalità rurale.
By Luciana Francesca Rebonato
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di