Il borgo di Montescudaio si trova nella Val di Cecina e fa parte della Maremma Pisana, in Toscana.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Montescudaio

Fabbricante di Scudi
Leggi di più

Borgo di Montescudaio
Comune di Montescudaio

Provincia di Pisa
Regione Toscana

Abitanti: 2.144
Altitudine centro: 242 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
I Borghi più belli d'Italia
Città del pane
Città del vino
Città dell'olio
Strada del Vino e dell’Olio Costa degli Etruschi
Unione Colli Marittimi Pisani 

Comune di Montescudaio
Via della Madonna 37 - Montescudaio (PI)
Tel. +39 0586 651611

Il borgo di Montescudaio si trova nella Val di Cecina e fa parte della Maremma Pisana, in Toscana. Il toponimo longobardo della roccaforte è attestato per la prima volta nel 1091. Il secondo elemento del nome deriverebbe dal latino scutarius ("fabbricante di scudi"). Scutarius è anche un nome di persona romano. In ogni caso l'insediamento è molto più antico; infatti, numerosi reperti archeologici attestano presenze umane in questa zona sin dall'epoca villanoviana. Per altri il toponimo significa invece monte dello Skuldhais (Sculdascio), dal longobardo Skuld (debito) + haitan (chiamare, esigere). Montescudaio prende quindi il nome dal funzionario governativo locale preposto alla riscossione dei tributi, alla risoluzione di dispute minori e alla organizzazione militare della zona. Poco distante un altro toponimo longobardo è Guardistallo, da Warda (guardia) + Stal (ricovero, alloggio), probabilmente sede di un distaccamento militare.

I primi documenti storici si hanno intorno all'XI secolo, epoca in cui l'abitato era costituito da un castello di proprietà della famiglia Della Gherardesca e della Badia di Santa Maria. I "Conti di Montescudaio" si resero protagonisti di diversi atti di ribellione contro la Repubblica di Pisa, che in epoca medievale dominava questi territori. Le rivolte furono domate, ma nel 1406, quando Pisa e tutto il contado furono venduti a Firenze, i conti si affrettarono a farsi accreditare presso la corte dei nuovi signori, riuscendo così a ottenere la nomina di vicari in Maremma. Tuttavia, gli abitanti di Montescudaio, con l'autorizzazione di Firenze, si costituirono in Comune; si dotarono di nuovi statuti e riuscirono a estromettere i conti dal castello. Il Comune cessò di esistere il 10 maggio 1648, quando tutta l'area divenne un feudo dei marchesi Ridolfi di Firenze.

Il centro del paese è costituito dalla piazza Matteotti, nei pressi della quale si trova la casa natale dell'affermato scultore Italo Griselli. Lo stesso Griselli scolpì il monumento ai Caduti situato in via Vittorio Veneto (1924). Lungo la via della Libertà si trovano la villa Marchionneschi, di fine Ottocento, e il palazzo Surbone, che fu residenza dei marchesi Ridolfi e dove fu ospitato il granduca Leopoldo II di Toscana durante la visita in occasione del terremoto del 1846. A breve distanza si erge l'Oratorio della Santissima Annunziata, di origine quattrocentesca, ma molto rimaneggiato negli anni trenta del XX secolo. Adiacente all'oratorio è ubicato il palazzo del Municipio. La Torre Civica segna l'ingresso al castello medievale. Essa risale al XII secolo nella parte inferiore, ma la parte superiore fu ricostruita intorno al 1850. Nell'area del castello, in posizione scenografica, si trova la chiesa di Santa Maria Assunta, che ebbe anche il titolo di abbazia; fu ricostruita a seguito del terremoto del 1846 e intitolata a Santa Maria Assunta. Dinnanzi alla chiesa, nell'angolo nord-occidentale della vasta piazza, si trova la Guardiola, l'unica torre d'avvistamento del paese, oggi utilizzata come belvedere.

Uscendo dal paese in direzione di Cecina, e svoltando sulla destra in direzione del fiume omonimo, si arriva al sito archeologico della Badia di Santa Maria, un monastero benedettino femminile di cui si erano perse le tracce e che è stato riportato alla luce dagli scavi archeologici tra il 2005 ed il 2010.

Video di Massimo Pasquali

Altre destinazioni nelle vicinanze

Casale Marittimo
Casale Marittimo
La storia, cosa vedere, la cucina tipica e gli eventi di Casale Marittimo. Adagiato su una collina si ammira un panorama straordinario dell’Arcipelago Toscano.
Pisa - 3.39 KM da Montescudaio
Bolgheri
Bolgheri
Frazione del Comune di Castagneto Carducci, in provincia di Livorno, Bolgheri sorge a poco meno di dieci chilometri dalla Costa degli Etruschi.
Livorno - 10.32 KM da Montescudaio
Rosignano Marittimo
Rosignano Marittimo
Rosignano Marittimo, in provincia di Livorno, è un borgo reso inconfondibile dalla presenza dominante del Castello.
Livorno - 15.3 KM da Montescudaio
Castagneto Carducci
Castagneto Carducci
La storia, cosa vedere, la cucina tipica e gli eventi di Castagneto Carducci. Nel cuore della Maremma Livornese al centro della Costa degli Etruschi
Livorno - 18.49 KM da Montescudaio
Pomarance
Pomarance
Pomarance, al centro della Val di Cecina, è storicamente importante per lo sviluppo e lo sfruttamento dell'energia geotermica nella frazione di Larderello.
Pisa - 20.16 KM da Montescudaio
Volterra
Volterra
Il borgo di Volterra, in Toscana, è celebre per l'estrazione e la lavorazione dell'alabastro.
Pisa - 20.59 KM da Montescudaio

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

L’altra Toscana: viaggio nei borghi dell’immediato entroterra e sulle isole
L’altra Toscana: viaggio nei borghi dell’immediato entroterra e sulle isole
La Toscana è una regione ricca di infiniti tesori storico-architettonici e naturali, dove si incontrano borghi di rara bellezza
By Simona PK Daviddi
Itinerario tra 5 dei più suggestivi borghi della Sardegna settentrionale
Itinerario tra 5 dei più suggestivi borghi della Sardegna settentrionale
Da Olbia a Porto Torres, un itinerario che ci porterà alla scoperta di cinque fantastici borghi sardi tra mare ed entroterra
By Redazione
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Itinerario tra borghi e paesaggi lungo le coste dell'Isola d'Elba
Da Cavo a Cavo, un itinerario lungo le coste e i centri abitati della più importante isola della Toscana
By Redazione
Ricetta: Is Arrubiolus
Ricetta: Is Arrubiolus
Tra i dolci di Carnevale più amati in Sardegna, gli arrubiolus ogliastrini si aggiudicano il podio. Si tratta di dolcetti fritti molto deliziosi, realizzati con un goloso impasto a base di ricotta fresca
By Redazione
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
Ricetta: I Tortellini di Valeggio
In onore del tortellino di Valeggio, conosciuto anche come "Ombelico di Venere" o "Nodo d'amore", annualmente a giugno viene celebrata a Valeggio sul Mincio la “Festa del Nodo d'Amore”
By Redazione
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
5 borghi lungo la spettacolare 'costa del dito' in Corsica
Un itinerario oltreconfine che saprà regalare momenti indimenticabili tra mare, natura, relax, andando alla scoperta di 5 borghi della Corsica
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di