Celenza Valfortore è un piccolo borgo della Daunia Settentrionale in Puglia, è un luogo magico, ricco di storia e tradizioni
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Celenza Valfortore

L'antica Celenna
Leggi di più

Borgo di Celenza Valfortore
Comune di Celenza Valfortore
Provincia di Foggia
Regione Puglia

Abitanti: 1.598
Altitudine centro: 480 m s.l.m.

Comune di Celenza Valfortore
Via C. Alberto 2 - Celenza Valfortore (FG)
Tel. +39 0881 554016

Celenza Valfortore è un piccolo borgo del Sub Appennino Dauno Settentrionale. Sorge ai confini col Molise su un’amena collina da cui si domina la valle del Fortore oggi occupata dall’invaso artificiale di Occhito. Il suo territorio è ricco di acque, boschi e posto all’incrocio di grandi strade storiche quali i tratturi della transumanza. Questa peculiarità ha consentito il popolamento del suo territorio sin dal Neolitico. La storiografia la vuole fondata da Diomede sul colle della Valva, avamposto strategico tra le vallate della Catola, del Tappino e del Fortore, col nome di Celenna. Di essa fa cenno Virgilio nel VII Libro dell’Eneide:

QUIQUE RUFRAS BATULUMQUE TENENT ATQUE ARVA CELENNAE

L’antica Celenna contrastò, alleandosi con i Sanniti, l’espansione di Roma e da essa fu sottomessa e distrutta all’indomani della vittoria che i romani ottennero su Pirro e i suoi alleati nel 275 a.C. a “Maleventum”, da allora ribattezzata “Beneventum”. Per memoria storica si tramanda che per ordine del Console Manlio Curio Dentato, trionfatore a Benevento, Celenna fu rasa al suolo e sulle sue rovine fu fatto spargere sale a significare che essa non doveva più risorgere. La popolazione dispersa si raccolse sull’attuale collina ricostruendo il centro abitato a cui diede il nome di “Celentia ad Valvam”
La Terra di Celenza con i suoi casali riemerse dal buio degli anni che seguirono alla caduta dell’impero romano, allo spopolamento, alla dispersione a alle devastazioni, con il nuovo fenomeno dell’inurbamento e dell’incastellamento che coincise con l’inizio della feudalità. Nel periodo bizantino cambia il proprio nome da “Celentia ad Valvam” in “Celentia in Capitanata”. Con il periodo svevo inizia la lunga serie dei feudatari che detennero il feudo di Celenza fino all’avvento della Repubblica Partenopea. Fra i feudatari si distinsero per un notevole arco di tempo gli esponenti della nobile famiglia pisana dei Gambacorta. La loro signoria diede stabilità al feudo e ne consentì lo sviluppo culturale, politico e sociale. Essi cercarono di portare in “provincia” la cultura e il gusto della capitale: Napoli. Molti degli edifici monumentali presenti a Celenza videro la luce durante la loro signoria, come testimonia la presenza numerosa sugli stessi dello stemma della nobile famiglia. Essi si dedicarono alla ricostruzione dei monumenti e degli edifici di culto distrutti durante il terremoto del 1456. Nel 1571 Celenza assume la denominazione di “Celenza di valle Fortore” e adotta la Dea Cerere a emblema della città.

Da non perdere alcuni interessanti luoghi da visitare come il Monastero di San Nicola e il suo Antiquarium, la Chiesa Madre di Santa Croce e il Palazzo Baronale.

Ad agosto non perdetevi il Palio delle Contrade e la sagra da savcicc, dove potrete gustare piatti tipici locali e i prodotti tradizionali di questa terra, tra cui i famosi salumi, che vengono proprio preparati l'inverno prima in occasione del Palio.

Video di Domenico Giorgio

Altre destinazioni nelle vicinanze

San Marco la Catola
San Marco la Catola
San Marco la Catola, nella regione storica della Daunia, sorge attorno alla alla costruzione impropriamente chiamata Castello
Foggia - 4.38 KM da Celenza Valfortore
Pietramontecorvino
Pietramontecorvino
Tra folti boschi e limpide sorgenti dei Monti Dauni Settentrionali, sorge Pietramontecorvino, in Puglia.
Foggia - 12.57 KM da Celenza Valfortore
Riccia
Riccia
Riccia è il centro più importante della valle del Fortore. Da visitare è il centro storico medievale e l’area detta Piano della Corte e tanto altro
Campobasso - 14.65 KM da Celenza Valfortore
Alberona
Alberona
Alberona conserva la tranquillità di un piccolo borgo, animato da iniziative culturali e feste tradizionali.
Foggia - 18.5 KM da Celenza Valfortore
Roseto Valfortore
Roseto Valfortore
Roseto Valfortore è un borgo medievale tipico montano perfettamente conservato, adagiato su uno scosceso pendio della valle del Fortore
Foggia - 23.12 KM da Celenza Valfortore
Biccari
Biccari
Biccari, situato su colline dolci e tranquille, è un borgo accogliente e genuino, uno scrigno di testimonianze medievali
Foggia - 25.49 KM da Celenza Valfortore

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di