I capolavori bizantini a Ravenna, mosaici maestosi e variopinti, i quali rendono questa città tra i migliori e i più importanti centri della cultura e civiltà bizantina in Italia: la Basilica di San Vitale, e il caratteristico mosaico ravennate.
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Il fascino suggestivo della Ravenna bizantina

Thu, 04 Oct 2018
Il fascino suggestivo della Ravenna bizantina

La Basilica di San Vitale a Ravenna fu fondata dal Vescovo Ecclesio nel 525 d.C., in seguito al suo ritorno dal viaggio a Costantinopoli, capitale dell'Impero Bizantino, insieme a Papa Giovanni I. L'opera fu finanziata dal ricco banchiere ravennate Giuliano Argentario. La Basilica fu consacrata nel 548 d.C. dal Vescovo Massimiano, raffigurato nel mosaico interno.

L'architettura è di dominante tradizione bizantina: pianta centrale ottagonale sorretta da una cupola poggiata su otto pilastri e archi. Il modello architettonico della Basilica di San Vitale ispirò l'edificazione della Cappella Palatina di Aquisgrana, l'odierna Aachen, tra Germania e Belgio, all'epoca sede del Sacro Romano Impero di Carlo Magno, il quale si ispirava all' Impero Bizantino.

L'ornamentazione musiva della Basilica ricopre il presibiterio e l'abside: sopra un verdeggiante prato di cespugli fioriti e pavoni celesti, Cristo consegna con la mano destra una corona a San Vitale, mentre il Vescovo Ecclesio regge un modellino della Basilica. Sulla parete inferiore due quadri imperiali: a destra l'Imperatrice bizantina Teodora, dall'elegante abito porpureo, e i Magi che offrono i doni, a sinistra l'Imperatore bizantino Giustiniano con i patrizi dalla veste porpurea, caratteristica della guardia imperiale bizantina.

Sull'arco che introduce al presbiterio sono rappresentati in medaglioni i dodici apostoli e i martiri Gervasio e Protasio, mentre alla sommità il busto di Cristo in un cerchio irridescente.

I personaggi rappresentati nel caratteristico mosaico ravennate dimostrano il passaggio dalla tradizione figurativa dell' età romana a quella tardoimperiale e bizantina.  

COMMENTI :

Notizie correlate

L’antica Città Alta, come un antico borgo nel cuore di Bergamo
L’antica Città Alta, come un antico borgo nel cuore di Bergamo
Bergamo Alta, il centro antico della città. Da Piazza Vecchia a Piazza del Duomo tra vicoli, portici, botteghe artigiane e locali storici. Tra torri, palazzi, musei, poi la Cattedrale, il Battistero, la Basilica di Santa Maria Maggiore
By Luca Sartori
La Basilica di Superga: incantevole gioiello barocco
La Basilica di Superga: incantevole gioiello barocco
La Basilica di Superga a Torino, tra i migliori capolavori dell'architettura barocca, mausoleo di Casa Savoia, simbolo della vittoria piemontese sull'esercito francese che assediò la città.
By Nabil Morcos
Gubbio, il borgo antico e la patente dei matti
Gubbio, il borgo antico e la patente dei matti
Vicoli, piazzette, palazzi medievali: Gubbio accoglie nel suo borgo antico di rara bellezza, immutato nei secoli. Un patrimonio da scoprire e un’insolita patente da conseguire
By Luciana Francesca Rebonato
I capolavori medievali del centro storico di Parma
I capolavori medievali del centro storico di Parma
Il Duomo e il Battistero di Parma: capolavori in stile Romanico che anticipano il Gotico e il gusto rinascimentale, i quali rendono questa piazza tra le più belle d' Italia.
By Nabil Morcos
Gallipoli, la 'città bella' del Salento
Gallipoli, la 'città bella' del Salento
Gallipoli, destinazione amata non solo per le sue spiagge iconiche quali Lido Pizzo, Punta della Suina e Baia Verde ma anche per la storia e il suo borgo antico
By Luciana Francesca Rebonato
Il quartiere di San Ferdinando, come un antico borgo nel cuore della Napoli antica
Il quartiere di San Ferdinando, come un antico borgo nel cuore della Napoli antica
Il centro monumentale della Napoli antica, tra tesori d’arte e caffè storici, tra Piazza del Plebiscito e Palazzo Reale, da Castel Nuovo al Teatro San Carlo, dalla Galleria Umberto I al Gran Caffè Gambrinus, tra vicoli, piazzette, botteghe e locali.
By Luca Sartori

Piú letti del mese

Ricetta: Pitta di patate
Ricetta: Pitta di patate
La pitta di patate alla pizzaiola è un piatto tipico salentino adatto sia per una cena o per un antipasto, da gustare sia caldo che freddo
By Redazione
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Il panettone pasquale: La Pasimata della Garfagnana
Un dolce pasquale tipico della città di Lucca e i suoi dintorni. La pasimata della Garfagnana si contraddistingue per la presenza dell'uvetta
By Redazione
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
Lombardia da gustare: alcuni dei piatti tipici della tradizione nei borghi più belli
I borghi storici della Lombardia conservano perfettamente le tradizioni enogastronomiche del territorio, grazie alle mani esperte delle massaie che hanno saputo tramandare i segreti della cucina più antica di questa regione.
By Redazione
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Ricetta: Torta al formaggio umbra
Un soffice rustico umbro da preparare durante la Settimana Santa e da gustare il giorno di Pasqua, anticamente portato in chiesa per farlo benedire
By Redazione
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Paesaggi, scorci e sentieri tra i borghi dell'amore
Per chi ama un viaggio sensoriale con note romantiche, la costa ligure e i borghi di Lucignano e Varenna sono ricchi di paesaggi, scorci e sentieri.
By Redazione
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Nonantola: Storia del Duca diventato Monaco e dell’Abbazia da lui fondata
Il borgo di Nonantola, in Emilia, ospita la celebre Abbazia carica di storia e tesori. Il suo fondatore fu un personaggio coraggioso e carismatico che svestì i panni della nobiltà per abbracciare quelli più umili del monachesimo.
By Roberto Giarrusso
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di