Nell’entroterra calabrese c’è il cuore antico di una delle città principali della regione. Tesori storici, panorami e sapori d’altri tempi la rendono una delle mete più suggestive del sud.

 
CERCA PER ZONA

Cosenza, l’antica capitale dei Bruzi.
Thu, 08 Feb 2018

Cosenza, l’antica capitale dei Bruzi.

C’è una Cosenza moderna che si distende lungo la riva sinistra del Crati, il principale fiume della Calabria, che nasce dalle pendici occidentali della Sila per sfociare nel golfo di Taranto, presso i laghi di Sibari.

C’è poi la Cosenza più antica e raccolta che invece s’arrampica sul colle Pancrazio.

Fondata dai Bruzi nel IV secolo a.C., è la più settentrionale dei capoluoghi di provincia calabresi, riconosciuta nel 2008 città d’arte.

Cosenza

Foto di @bry_helene - @yallerscalabria

Delle terre dei Bruzi divenne capitale arrivando a controllare la Lucania e gran parte delle terre della Magna Grecia Calabra. In epoca romana Cosenza divenne poi importante crocevia commerciale, passando in mano longobarda e successivamente sotto i bizantini, divenendo poi ducato svevo.

Fu però in epoca aragonese che la città conobbe quella che sarebbe stata la prima importante fioritura culturale.

E’ con il fiume Busento che il Crati si unisce alla base della zona antica della città; i due fiumi delimitano rispettivamente i confini occidentale ed orientale della zona più pittoresca di Cosenza, quella che sale fino al poggio che ospita il castello Svevo, costruito dai Saraceni sui ruderi dell’antica Rocca Brettia.

Autentico tesoro del centro storico è la Cattedrale di Santa Maria Assunta, risalente alla metà dell’XI secolo, dalla facciata a tre portali sovrastati da altrettanti rosoni. L’interno è a croce latina, suddivisa in tre navate di otto campate ciascuna.

Cuore religioso della città vecchia, piazza del Duomo si contrappone all’elegante piazza XV Marzo, sulla quale si affacciano il monumento ai Martiri del 1844, quello a Bernardino Telesio, il Palazzo della Prefettura e il Teatro Comunale Alfonso Rendano, che affonda le sue radici nel Rinascimento, e dove giunge la via principale del centro storico, quel corso Telesio che taglia in due la città alta, e che prende il nome dal filosofo locale, del XVI secolo, autore del “De rerum natura iuxta propria principia”.

Vocoli di Cosenza

Foto di @mental_shot - @yallerscalabria

E’ un alternarsi di belle facciate, tesori artistici e pittoreschi vicoli Cosenza antica, che apprezziamo anche attraverso le sue belle botteghe artigiane, di sedie, cesti, cappelli e ceramiche artistiche, i suoi negozi di prodotti dell’enogastronomia locale e le sue fornite enoteche.

Merita una visita il Museo dei Bretii e degli Enotri, allestito nel quattrocentesco complesso monumentale di Sant’Agostino, che propone un’interessante collezione espositiva di reperti archeologici della città e provenienti da svariate località della provincia. Tra i tesori del museo una stele sepolcrale di età tardo imperiale romana.

Oltre ad essere una delle città storicamente più importanti del meridione italiano, Cosenza è anche una delle capitali enogastronomiche del sud.

Foto di @mental_shot - @yallerscalabria

Tra i suoi locali e le sue trattorie tante sono le specialità da assaggiare. Dominata dalla tradizione contadina, la cucina locale è un tripudio di sapori intensi. Da assaggiare un tagliere di salumi e formaggi tra cui spiccano il prosciutto e la salsiccia cosentini, la classica soppressata di Calabria ed il saporito caciocavallo della Sila. Gli antipasti, tra cui la frittata di cipolle e farina senza uova oppure le polpette di melanzane.

Poi la pasta fresca, i funghi silani, il saporito baccalà alla cosentina, con olive nere, peperoni, salsa di pomodoro, alloro, prezzemolo, sale e pepe e le costolette d’agnello, preparate con olio, cipolla, pomodori, peperoni e olive verdi.

Panoramica di cosenza

Foto di @giuseppe_vottari - @yallerscalabria

Cosenza antica è dunque storia, cultura, tesori architettonici, scenografici panorami ma anche sapori e profumi, essenze di una Calabria che il tempo ha cambiato pochissimo.

Borghi da non perdere se state visitando Cosenza:

Foto principale di @yallerscalabria

Notizie correlate

L’antica Città Alta, come un antico borgo nel cuore di Bergamo
Bergamo Alta, il centro antico della città. Da Piazza Vecchia a Piazza del Duomo tra vicoli, portici, botteghe artigiane e locali storici. Tra torri, palazzi, musei, poi la Cattedrale, il Battistero, la Basilica di Santa Maria Maggiore
By Luca Sartori
La Basilica di Superga: incantevole gioiello barocco
La Basilica di Superga a Torino, tra i migliori capolavori dell'architettura barocca, mausoleo di Casa Savoia, simbolo della vittoria piemontese sull'esercito francese che assediò la città.
By Nabil Morcos
Gubbio, il borgo antico e la patente dei matti
Vicoli, piazzette, palazzi medievali: Gubbio accoglie nel suo borgo antico di rara bellezza, immutato nei secoli. Un patrimonio da scoprire e un’insolita patente da conseguire
By Luciana Francesca Rebonato
Il fascino suggestivo della Ravenna bizantina
I capolavori bizantini a Ravenna, mosaici maestosi e variopinti, i quali rendono questa città tra i migliori e i più importanti centri della cultura e civiltà bizantina in Italia: la Basilica di San Vitale, e il caratteristico mosaico ravennate.
By Nabil Morcos
I capolavori medievali del centro storico di Parma
Il Duomo e il Battistero di Parma: capolavori in stile Romanico che anticipano il Gotico e il gusto rinascimentale, i quali rendono questa piazza tra le più belle d' Italia.
By Nabil Morcos
Gallipoli, la 'città bella' del Salento
Gallipoli, destinazione amata non solo per le sue spiagge iconiche quali Lido Pizzo, Punta della Suina e Baia Verde ma anche per la storia e il suo borgo antico
By Luciana Francesca Rebonato

Piú letti del mese

5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
Un viaggio alla scoperta di cinque località incantevoli arroccate nell’austerità della roccia del Belpaese
By Pier Volpato
Ricetta: Strangozzi al tartufo nero, eccellenza di Norcia
Una pasta artigianale, tipica dei borghi umbri e con il blasonato tartufo nero: uno dei fiori all’occhiello della gustosa gastronomia di Norcia, nel cuore della Valnerina
By Luciana Francesca Rebonato
5 borghi imperdibili dell’appennino tosco-emiliano
Fiumalbo, Compiano, Bagnone, Castelnuovo di Garfagnana e Coreglia Antelminelli, gioielli dell’appennino.
By Luca Sartori
Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani
Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
By Luciana Francesca Rebonato
Un itinerario lungo la Strada Romantica delle Langhe e del Roero tra borghi, castelli e vigneti piemontesi
La Strada Romantica delle Langhe e del Roero, un incantevole viaggio per vigne, borghi e castelli del Piemonte
By Pier Volpato
Salpa alla scoperta dei borghi più belli custoditi nel cuore della Sardegna
Un itinerario nel cuore del Mediterraneo, un viaggio alla scoperta di cinque tra i borghi più belli della Sardegna
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi