Cerca 'manifestazioni' tra i borghi, dove dormire, dove mangiare, dove comprare, cosa vedere o le notizie di e-borghi
 
Diventa partner
CERCA PER ZONA

Cerca per parole chiave

Hai cercato: manifestazioni

Eventi

  • Setmana Santa
    Dal 07-04-2020
    Al 13-04-2020
    Alghero (SS)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-04-07 2020-04-13 Europe/Rome Setmana Santa E' la più importante manifestazione religiosa di Alghero, la celebrazione della Pasqua di origini spagnole. Vede la partecipazione della quasi totalità della popolazione. Si porta in processione una statua del Cristo e si segue un calendario preciso per tutti i giorni. Il martedì c'è la Processione dei Misteri dolorosi, il giovedì la Via Crucis, il venerdì il rito del discendimento del Cristo dalla croce e la sua deposizione nella culla, il sabato il Giorno di Veglia e la domenica di Pasqua la Resurrezione. Altre manifestazioni importanti sono la processione della Nostra Signora di Valverde, la messa a mare per il Santo Cristo della Costiera del Corallo e le commemorazioni legate ai Santi Francesco, Anna, Cecilia e Barbara. Alghero

    E' la più importante manifestazione religiosa di Alghero, la celebrazione della Pasqua di origini spagnole. Vede la partecipazione della quasi totalità della popolazione. Si porta in processione una statua del Cristo e si segue un calendario preciso per tutti i giorni. Il martedì c'è la Processione dei Misteri dolorosi, il giovedì la Via Crucis, il venerdì il rito del discendimento del Cristo dalla croce e la sua deposizione nella culla, il sabato il Giorno di Veglia e la domenica di Pasqua la Resurrezione. Altre manifestazioni importanti sono la processione della Nostra Signora di Valverde, la messa a mare per il Santo Cristo della Costiera del Corallo e le commemorazioni legate ai Santi Francesco, Anna, Cecilia e Barbara.

    | Scopri di più

  • Settimana Santa
    Dal 05-04-2020
    Al 13-04-2020
    Troia (FG)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-04-05 2020-04-13 Europe/Rome Settimana Santa Antichi e suggestivi sono i riti della Settimana Santa a Troia. Dal Giovedì Santo alla Domenica di Pasqua, Troia vive un susseguirsi di manifestazioni paraliturgiche la cui origine risale al lontano 1702 per volere del vescovo E.G. Cavalieri. La sera del Giovedì Santo le Confraternite dell’Annunziata, della SS. Addolorata, dei SS. Sacramento e di San Giovanni di Dio, dopo la “Messa in Coena Domini”, attraversano in preghiera l’antico centro storico per raggiungere le più importanti chiese della città. Alle ore 10:00 del Venerdì Santo partendo dalla Chiesa di San Basilio Magno, 5 uomini incappucciati, vestiti con dei sai bianchi, a piedi nudi e trascinando grandi catene legate alle caviglie, escono portando sulle spalle pesanti croci. In questa processione penitenziale, il cui tragitto inizia da San Basilio Magno percorre Via Roma e risale lungo il Corso Regina Margherita, gli incappucciati si recano a pregare davanti al Santissimo Sacramento in alcune chiese della città. Alle 20:00 del Venerdì Santo ha inizio dalla piazza antistante la Cattedrale la cosiddetta “Processione dei Misteri”, 5 gruppi statuari lignei i cui originali in cartapesta del ‘700 sono conservati nel Museo Ecclesiastico Diocesano. Ogni 25 anni, in occasione dell’anno giubilare, viene portato in processione il Crocifisso del Frasa, risalente al 1709. La Domenica di Pasqua alle 18:00 si svolge la Processione del Bacio. Questa antica processione ha forse avuto origine dalla tradizione religiosa spagnola o probabilmente dai rapporti avvenuti durante la transumanza con il vicino Abruzzo. Le statue della madonna e del Salvatore partono rispettivamente da due chiese opposte una all’inizio del corso principale e l’altra alla fine (San Domenico e San Francesco) per incontrarsi nella piazza antistante la Cattedrale. Esse si avvicinano lentamente per poi ritirarsi due volte. Al terzo incontro, la statua del Salvatore viene fatta inchinare ai piedi della Madonna per il Bacio finale, tra il tripudio dei cittadini e il suono della banda. Troia

    Antichi e suggestivi sono i riti della Settimana Santa a Troia. Dal Giovedì Santo alla Domenica di Pasqua, Troia vive un susseguirsi di manifestazioni paraliturgiche la cui origine risale al lontano 1702 per volere del vescovo E.G. Cavalieri. La sera del Giovedì Santo le Confraternite dell’Annunziata, della SS. Addolorata, dei SS. Sacramento e di San Giovanni di Dio, dopo la “Messa in Coena Domini”, attraversano in preghiera l’antico centro storico per raggiungere le più importanti chiese della città. Alle ore 10:00 del Venerdì Santo partendo dalla Chiesa di San Basilio Magno, 5 uomini incappucciati, vestiti con dei sai bianchi, a piedi nudi e trascinando grandi catene legate alle caviglie, escono portando sulle spalle pesanti croci. In questa processione penitenziale, il cui tragitto inizia da San Basilio Magno percorre Via Roma e risale lungo il Corso Regina Margherita, gli incappucciati si recano a pregare davanti al Santissimo Sacramento in alcune chiese della città. Alle 20:00 del Venerdì Santo ha inizio dalla piazza antistante la Cattedrale la cosiddetta “Processione dei Misteri”, 5 gruppi statuari lignei i cui originali in cartapesta del ‘700 sono conservati nel Museo Ecclesiastico Diocesano. Ogni 25 anni, in occasione dell’anno giubilare, viene portato in processione il Crocifisso del Frasa, risalente al 1709. La Domenica di Pasqua alle 18:00 si svolge la Processione del Bacio. Questa antica processione ha forse avuto origine dalla tradizione religiosa spagnola o probabilmente dai rapporti avvenuti durante la transumanza con il vicino Abruzzo. Le statue della madonna e del Salvatore partono rispettivamente da due chiese opposte una all’inizio del corso principale e l’altra alla fine (San Domenico e San Francesco) per incontrarsi nella piazza antistante la Cattedrale. Esse si avvicinano lentamente per poi ritirarsi due volte. Al terzo incontro, la statua del Salvatore viene fatta inchinare ai piedi della Madonna per il Bacio finale, tra il tripudio dei cittadini e il suono della banda.

  • Settimana Santa
    Dal 05-04-2020
    Al 13-04-2020
    Procida (NA)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2020-04-05 2020-04-13 Europe/Rome Settimana Santa Sono molto seguite nell'isola le manifestazioni religiose legate al periodo della Settimana Santa prima di Pasqua; molto suggestive, tra queste, la Processione degli Apostoli del Giovedì Santo e la Processione dei Misteri del Venerdì Santo. La processione degli "Apostoli Incappucciati" è organizzata dall'Arciconfraternita dei Bianchi, fondata nel 1581 dal cardinale Innico d'Avalos d'Aragona. Terminata la celebrazione della lavanda dei piedi, i dodici "apostoli" (con la veste di confratello) si incappucciano e con una croce sulla spalla e una corona di spine sul capo sfilano in processione per le strade dell'isola, preceduti dal "centurione", e seguiti dai cerimonieri e dagli altri confratelli. Il momento culminante dei riti della settimana si ritrova comunque nella processione dei Misteri della mattina del Venerdì Santo, talvolta anche indicata come Processione del Cristo morto. Le origini del rito risalirebbero alla fine del XVI secolo, organizzata dalla Confraternita dei Turchini (fondata nel 1629 dai Gesuiti) fin dalla seconda metà del Seicento, periodo dal quale trae i suoi caratteri principali. Fino alla metà del XVIII secolo sarebbe stata essenzialmente una processione di flagellanti, trasformata da allora in una processione esclusivamente di Misteri, ovvero carri allegorici di carattere religioso. Tratto caratterizzante della processione, oltre alla partecipazione quasi "totale" della popolazione isolana, è anche la presenza, accanto ai cosiddetti "Misteri fissi", utilizzati ogni anno e provenienti dalle diverse chiese dell'isola, anche di Misteri "variabili" o "mobili", preparati ogni anno da singoli o da associazioni artistiche dell'isola, portati a braccia dai giovani vestiti della classica veste di "confratello dei Turchini" per un percorso fisso, dal borgo più antico di Terra Murata fino al porto della Marina Grande. Chiude la processione la statua del Cristo morto opera dello scultore napoletano Carmine Lantriceni. Nel generale silenzio, il suono della tromba e del tamburo caratterizza il passaggio della processione.
    I Misteri
    I Misteri sono carri allegorici di carattere religioso costruiti artigianalmente di anno in anno dai Procidani, talvolta riuniti in scuole artistiche dedicate. Sono generalmente costituiti da una o più tavole di legno (dette "basi") lunghe fino a 8 metri e larghe circa 2, sulle quali vengono allestite delle rappresentazioni scultoree (o meglio, interpretazioni simboliche) di passi del Nuovo o del Vecchio Testamento, e in particolare della Passione di Cristo. I materiali utilizzati sono generalmente cartapesta, legno, plastica, polistirolo, e stoffa; tipica è la tecnica dello "stampo" che permette di riprodurre un oggetto tridimensionale utilizzando della cartapesta. Generalmente durante la realizzazione (che può durare anche diversi mesi) i Misteri vengono tenuti celati al pubblico, in modo che possano essere visti per la prima volta direttamente durante la processione del venerdì Santo, e spesso subito dopo, nella giornata stessa, vengono immediatamente smontati o addirittura distrutti. Raramente, negli ultimi tempi alcuni di essi vengono conservati per alcuni mesi per renderli visitabili dai turisti nella stagione estiva. Le realizzazioni vanno dalla classica "Ultima Cena" fino a costruzioni molto più complesse (sia nel significato che nella realizzazioni). Spesso i "Misteri" si rifanno a stili architettonici ed artistici di diverse epoche, grazie anche al largo uso di colonnati (alti oltre 4 metri).
    Procida

    Sono molto seguite nell'isola le manifestazioni religiose legate al periodo della Settimana Santa prima di Pasqua; molto suggestive, tra queste, la Processione degli Apostoli del Giovedì Santo e la Processione dei Misteri del Venerdì Santo. La processione degli "Apostoli Incappucciati" è organizzata dall'Arciconfraternita dei Bianchi, fondata nel 1581 dal cardinale Innico d'Avalos d'Aragona. Terminata la celebrazione della lavanda dei piedi, i dodici "apostoli" (con la veste di confratello) si incappucciano e con una croce sulla spalla e una corona di spine sul capo sfilano in processione per le strade dell'isola, preceduti dal "centurione", e seguiti dai cerimonieri e dagli altri confratelli. Il momento culminante dei riti della settimana si ritrova comunque nella processione dei Misteri della mattina del Venerdì Santo, talvolta anche indicata come Processione del Cristo morto. Le origini del rito risalirebbero alla fine del XVI secolo, organizzata dalla Confraternita dei Turchini (fondata nel 1629 dai Gesuiti) fin dalla seconda metà del Seicento, periodo dal quale trae i suoi caratteri principali. Fino alla metà del XVIII secolo sarebbe stata essenzialmente una processione di flagellanti, trasformata da allora in una processione esclusivamente di Misteri, ovvero carri allegorici di carattere religioso. Tratto caratterizzante della processione, oltre alla partecipazione quasi "totale" della popolazione isolana, è anche la presenza, accanto ai cosiddetti "Misteri fissi", utilizzati ogni anno e provenienti dalle diverse chiese dell'isola, anche di Misteri "variabili" o "mobili", preparati ogni anno da singoli o da associazioni artistiche dell'isola, portati a braccia dai giovani vestiti della classica veste di "confratello dei Turchini" per un percorso fisso, dal borgo più antico di Terra Murata fino al porto della Marina Grande. Chiude la processione la statua del Cristo morto opera dello scultore napoletano Carmine Lantriceni. Nel generale silenzio, il suono della tromba e del tamburo caratterizza il passaggio della processione.
    I Misteri
    I Misteri sono carri allegorici di carattere religioso costruiti artigianalmente di anno in anno dai Procidani, talvolta riuniti in scuole artistiche dedicate. Sono generalmente costituiti da una o più tavole di legno (dette "basi") lunghe fino a 8 metri e larghe circa 2, sulle quali vengono allestite delle rappresentazioni scultoree (o meglio, interpretazioni simboliche) di passi del Nuovo o del Vecchio Testamento, e in particolare della Passione di Cristo. I materiali utilizzati sono generalmente cartapesta, legno, plastica, polistirolo, e stoffa; tipica è la tecnica dello "stampo" che permette di riprodurre un oggetto tridimensionale utilizzando della cartapesta. Generalmente durante la realizzazione (che può durare anche diversi mesi) i Misteri vengono tenuti celati al pubblico, in modo che possano essere visti per la prima volta direttamente durante la processione del venerdì Santo, e spesso subito dopo, nella giornata stessa, vengono immediatamente smontati o addirittura distrutti. Raramente, negli ultimi tempi alcuni di essi vengono conservati per alcuni mesi per renderli visitabili dai turisti nella stagione estiva. Le realizzazioni vanno dalla classica "Ultima Cena" fino a costruzioni molto più complesse (sia nel significato che nella realizzazioni). Spesso i "Misteri" si rifanno a stili architettonici ed artistici di diverse epoche, grazie anche al largo uso di colonnati (alti oltre 4 metri).

  • Corsa podistica
    25-04-2020
    Campiglia Marittima (LI)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-04-25 2020-04-25 Europe/Rome Corsa podistica Corsa podistica di 10 km, competitiva, inserita nel calendario podistico livornese. Campiglia Marittima

    Corsa podistica di 10 km, competitiva, inserita nel calendario podistico livornese.

    | Scopri di più

  • La Scampigliata
    01-05-2020
    Campiglia Marittima (LI)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-05-01 2020-05-01 Europe/Rome La Scampigliata La Scampigliata, la tradizionale camminata amatoriale organizzata dalla Pro Loco Ente Valorizzazione Campiglia. Campiglia Marittima

    La Scampigliata, la tradizionale camminata amatoriale organizzata dalla Pro Loco Ente Valorizzazione Campiglia.

    | Scopri di più

  • Passo Buole Xtreme MTB Race
    17-05-2020
    Ala (TN)
    Passo Buole Xtreme MTB Race
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-05-17 2020-05-17 Europe/Rome Passo Buole Xtreme MTB Race L’itinerario a tema Grande Guerra è dedicato alla commemorazione dei caduti della Prima Guerra Mondiale, Passo Buole fu infatti teatro di atti di eroismo da parte dell'esercito italiano, tanto che la zona è stata soprannominata "Le Termopili d'Italia". Ala

    L’itinerario a tema Grande Guerra è dedicato alla commemorazione dei caduti della Prima Guerra Mondiale, Passo Buole fu infatti teatro di atti di eroismo da parte dell'esercito italiano, tanto che la zona è stata soprannominata "Le Termopili d'Italia".

    | Scopri di più

  • Raduno di canoa sull'Aventino
    17-05-2020
    Lama dei Peligni (CH)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-05-17 2020-05-17 Europe/Rome Raduno di canoa sull'Aventino Lama dei Peligni

  • MYC Tropea Fishing Challenge Tournament 2020
    Dal 29-05-2020
    Al 31-05-2020
    Tropea (VV)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-05-29 2020-05-31 Europe/Rome MYC Tropea Fishing Challenge Tournament 2020 Una gara sportiva di pesca a traina che si svolgerà nel meraviglioso scenario di Tropea e la sua Costa degli Dei. Tropea

    Una gara sportiva di pesca a traina che si svolgerà nel meraviglioso scenario di Tropea e la sua Costa degli Dei.

    | Scopri di più

  • Marcialonga Craft
    31-05-2020
    Predazzo (TN)
    Marcialonga Craft
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-05-31 2020-05-31 Europe/Rome Marcialonga Craft La Marcialonga Craft di Fiemme e Fassa parte da Predazzo e si svolge su un percorso Granfondo di km 135 con 3.900 m di dislivello e su un percorso Mediofondo di km 80 con 2.488 m di dislivello. Predazzo

    La Marcialonga Craft di Fiemme e Fassa parte da Predazzo e si svolge su un percorso Granfondo di km 135 con 3.900 m di dislivello e su un percorso Mediofondo di km 80 con 2.488 m di dislivello.

    | Scopri di più

  • Marathon degli Stazzi 2020
    07-06-2020
    Scanno (AQ)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-06-07 2020-06-07 Europe/Rome Marathon degli Stazzi 2020 la XVI Marathon degli Stazzi – “memorial Cesidio Caranfa” verrà ricordata come un’edizione epica Scanno

    la XVI Marathon degli Stazzi – “memorial Cesidio Caranfa” verrà ricordata come un’edizione epica

    | Scopri di più

  • Cronoscalata del Pollino
    14-06-2020
    Morano Calabro (CS)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-06-14 2020-06-14 Europe/Rome Cronoscalata del Pollino Morano Calabro

  • GranPasso
    16-06-2020
    Rocca di Papa (RM)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-06-16 2020-06-16 Europe/Rome GranPasso E' un evento non competitivo aperto a tutti e non richiede alcuna preparazione atletica Rocca di Papa

    E' un evento non competitivo aperto a tutti e non richiede alcuna preparazione atletica

    | Scopri di più

  • Festa patronale di San Calogero
    Dal 16-06-2020
    Al 18-06-2020
    Cesarò (ME)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2020-06-16 2020-06-18 Europe/Rome Festa patronale di San Calogero I festeggiamenti in onore del Santo Patrono alternano celebrazioni e riti religiosi, quali il triduo, la processione delle reliquie e quella della statua del Santo, seguite dai cesarei con profonda devozione,a manifestazioni prettamente laiche, come giochi di società (pentolaccia, tiro alla fune, palo della cuccagna, caccia al tesoro ecc.), il palio, i concerti canori e le serate di cabaret; il tutto corredato dalle sfilate della locale banda musicale, dagli spari dei mortaretti e dei fuochi d'artificio. Ma i momenti più belli della festa sono senz'altro quelli legati alla tradizione: la questua, le "pisate" e la corsa del percolo trainato dai ragazzi. Cesarò

    I festeggiamenti in onore del Santo Patrono alternano celebrazioni e riti religiosi, quali il triduo, la processione delle reliquie e quella della statua del Santo, seguite dai cesarei con profonda devozione,a manifestazioni prettamente laiche, come giochi di società (pentolaccia, tiro alla fune, palo della cuccagna, caccia al tesoro ecc.), il palio, i concerti canori e le serate di cabaret; il tutto corredato dalle sfilate della locale banda musicale, dagli spari dei mortaretti e dei fuochi d'artificio. Ma i momenti più belli della festa sono senz'altro quelli legati alla tradizione: la questua, le "pisate" e la corsa del percolo trainato dai ragazzi.

  • AMA Alagna-Margherita-Alagna
    20-06-2020
    Alagna Valsesia (VC)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-06-20 2020-06-20 Europe/Rome AMA Alagna-Margherita-Alagna Sky-marathon più alta d'Europa Alagna Valsesia

    Sky-marathon più alta d'Europa

  • Il Palio della Marciliana
    Dal 20-06-2020
    Al 21-06-2020
    Chioggia (VE)
    Festival

    Aggiungi al tuo calendario 2020-06-20 2020-06-21 Europe/Rome Il Palio della Marciliana Il Palio della Marciliana è una rivisitazione storica ed una delle principali feste popolari cittadine che si tengono annualmente a Chioggia, in provincia di Venezia. Include il Torneo della balestra e richiama ogni anno nella città della laguna veneta migliaia di visitatori. Il Palio fa rivivere con una serie articolata di manifestazioni quella che era la città del Medioevo negli anni che vanno dal 1378 al 1381 e che videro quella che è passata alla storia come la guerra di Chioggia, combattuta per ottenere l'egemonia negli scali commerciali d'Oriente (vedi colonie genovesi), tra la Serenissima Repubblica di Venezia e la Repubblica di Genova. Lungo corso del Popolo, la via principale della città, al suono dei Musici di Clugia vengono contestualmente allestiti banchetti, montate taverne con accanto la Torre di Montalbano e insediati gli accampamenti degli armigeri, mentre tutto intorno si svolgono danze, canti, simulazioni di combattimenti ma anche delle attività lavorative dell'epoca, principalmente nelle saline (con i Milites Castri Salinae) e negli orti della laguna. I balestrieri mostrano al visitatore bandiere, armature, strumenti musicali, fedeli e accurate riproduzioni di pezzi originali: una ricostruzione storica che vede impegnati centinaia di figuranti in abiti del Trecento ed in veste di spadaccini e tamburini in grado di trasportare chi assiste alla manifestazione in un suggestivo climax medievale. La tettoia rossa del mercato del pesce, ricavato in un edificio storico, accentua il contrasto cromatico con il bianco del vicino palazzo del Comune. La città veneta è il principale centro peschiero dell'alto Adriatico. In serata, le manifestazioni del Palio si concludono con un festoso corteo preceduto da spettacoli in tema, come l'incendio alla torre e le scene di vita quotidiana allestite nelle calli, sulle fondamenta, nelle rive e nei campi delle diverse contrade. Il Torneo della balestra a Chioggia, non è sorto contemporaneamente al Palio della Marciliana (molto più recente), ma ha origini antiche risalenti all'epoca della guerra di Chioggia. È da osservare che, curiosamente, quest'arma era uno dei punti di forza dei soldati della Repubblica di Genova che poteva contare su un corpo di balestrieri di tutto rispetto se non considerato fra i più efficienti a quell'epoca. In gara sono cinque contrade che rappresentano la comunità clugiense trecentesca: sono l'anima del palio e si contendono il primato con il tiro delle balestre grandi da banco. Il lavoro preparatorio del palio è piuttosto complesso e prevede una serie di incontri periodici che coinvolge anche scuole e istituzioni locali. Chioggia

    Il Palio della Marciliana è una rivisitazione storica ed una delle principali feste popolari cittadine che si tengono annualmente a Chioggia, in provincia di Venezia. Include il Torneo della balestra e richiama ogni anno nella città della laguna veneta migliaia di visitatori. Il Palio fa rivivere con una serie articolata di manifestazioni quella che era la città del Medioevo negli anni che vanno dal 1378 al 1381 e che videro quella che è passata alla storia come la guerra di Chioggia, combattuta per ottenere l'egemonia negli scali commerciali d'Oriente (vedi colonie genovesi), tra la Serenissima Repubblica di Venezia e la Repubblica di Genova. Lungo corso del Popolo, la via principale della città, al suono dei Musici di Clugia vengono contestualmente allestiti banchetti, montate taverne con accanto la Torre di Montalbano e insediati gli accampamenti degli armigeri, mentre tutto intorno si svolgono danze, canti, simulazioni di combattimenti ma anche delle attività lavorative dell'epoca, principalmente nelle saline (con i Milites Castri Salinae) e negli orti della laguna. I balestrieri mostrano al visitatore bandiere, armature, strumenti musicali, fedeli e accurate riproduzioni di pezzi originali: una ricostruzione storica che vede impegnati centinaia di figuranti in abiti del Trecento ed in veste di spadaccini e tamburini in grado di trasportare chi assiste alla manifestazione in un suggestivo climax medievale. La tettoia rossa del mercato del pesce, ricavato in un edificio storico, accentua il contrasto cromatico con il bianco del vicino palazzo del Comune. La città veneta è il principale centro peschiero dell'alto Adriatico. In serata, le manifestazioni del Palio si concludono con un festoso corteo preceduto da spettacoli in tema, come l'incendio alla torre e le scene di vita quotidiana allestite nelle calli, sulle fondamenta, nelle rive e nei campi delle diverse contrade. Il Torneo della balestra a Chioggia, non è sorto contemporaneamente al Palio della Marciliana (molto più recente), ma ha origini antiche risalenti all'epoca della guerra di Chioggia. È da osservare che, curiosamente, quest'arma era uno dei punti di forza dei soldati della Repubblica di Genova che poteva contare su un corpo di balestrieri di tutto rispetto se non considerato fra i più efficienti a quell'epoca. In gara sono cinque contrade che rappresentano la comunità clugiense trecentesca: sono l'anima del palio e si contendono il primato con il tiro delle balestre grandi da banco. Il lavoro preparatorio del palio è piuttosto complesso e prevede una serie di incontri periodici che coinvolge anche scuole e istituzioni locali.

  • Festival del Pesce Azzurro
    Dal 26-06-2020
    Al 28-06-2020
    Marzamemi (SR)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2020-06-26 2020-06-28 Europe/Rome Festival del Pesce Azzurro Piazza Regina Margherita, Marzamemi - Il Festival del Pesce Azzurro di Marzamemi è un evento che abbraccia tutti gli aspetti della vita quotidiana del borgo, dove, ancora oggi, si avverte la quietezza di un tempo e del lavoro manuale della pesca. L'evento accoglie tutte le arti, le musiche e le parole che questo mare e questa terra hanno da offrire, mettendone in risalto le usanze tipiche e le tradizioni più antiche. Protagonista del Festival è una degustazione a base, appunto, di pesce azzurro nelle due sere del week-end di festa, preceduta da una degustazione di vini il Venerdì sera. Tutto ciò è naturalmente accompagnato da eventi di ogni tipo: manifestazioni circa l'alimentazione ed il pesce azzurro nello specifico, concorsi di cucina e show-cooking, spettacoli musicali, parate, mercatini che espongono prodotti alimentari tipici locali e molto di più. Una manifestazione da non perdere per chi vuole scoprire fino a fondo le radici di Marzamemi! Marzamemi

    Piazza Regina Margherita, Marzamemi - Il Festival del Pesce Azzurro di Marzamemi è un evento che abbraccia tutti gli aspetti della vita quotidiana del borgo, dove, ancora oggi, si avverte la quietezza di un tempo e del lavoro manuale della pesca. L'evento accoglie tutte le arti, le musiche e le parole che questo mare e questa terra hanno da offrire, mettendone in risalto le usanze tipiche e le tradizioni più antiche. Protagonista del Festival è una degustazione a base, appunto, di pesce azzurro nelle due sere del week-end di festa, preceduta da una degustazione di vini il Venerdì sera. Tutto ciò è naturalmente accompagnato da eventi di ogni tipo: manifestazioni circa l'alimentazione ed il pesce azzurro nello specifico, concorsi di cucina e show-cooking, spettacoli musicali, parate, mercatini che espongono prodotti alimentari tipici locali e molto di più. Una manifestazione da non perdere per chi vuole scoprire fino a fondo le radici di Marzamemi!

  • 23° Trofeo Les Grandes Montagnes
    Dal 03-07-2020
    Al 05-07-2020
    Torgnon (AO)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-07-03 2020-07-05 Europe/Rome 23° Trofeo Les Grandes Montagnes Torgnon

    | Scopri di più

  • Natura a cavallo: 19° Raduno Nazionale
    Dal 09-07-2020
    Al 12-07-2020
    Torgnon (AO)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-07-09 2020-07-12 Europe/Rome Natura a cavallo: 19° Raduno Nazionale Torgnon

    | Scopri di più

  • Corsa dei Masi
    18-07-2020
    Ultimo - Ulten (BZ)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-07-18 2020-07-18 Europe/Rome Corsa dei Masi La Corsa dei masi della Val d'Ultimo (Ultner Höfelauf) è l'evento sportivo più amato e più popolare della Val d'Ultimo, nato per coniugare il piacere della corsa con la cultura locale. Il percorso si snoda lungo l'affascinante "percorso dei masi della Val d'Ultimo" che porta da Pracupola a S. Geltrude, con ritorno dall'altra parte della valle. Sei le categorie previste, ma l'importante è partecipare! Ultimo - Ulten

    La Corsa dei masi della Val d'Ultimo (Ultner Höfelauf) è l'evento sportivo più amato e più popolare della Val d'Ultimo, nato per coniugare il piacere della corsa con la cultura locale. Il percorso si snoda lungo l'affascinante "percorso dei masi della Val d'Ultimo" che porta da Pracupola a S. Geltrude, con ritorno dall'altra parte della valle. Sei le categorie previste, ma l'importante è partecipare!

  • XTERRA 2020
    Dal 18-07-2020
    Al 19-07-2020
    Scanno (AQ)
    Manifestazioni sportive

    Aggiungi al tuo calendario 2020-07-18 2020-07-19 Europe/Rome XTERRA 2020 un triathlon offroad con 1.5 km di nuoto, 30 km in Mtb con percorsi nei boschi e su strade sterrate, salite e discese tecniche e 10 km di corsa, in un paesaggio che ben rappresenta le bellezze naturali dell’Abruzzo, con l'unicità del lago a forma di cuore. Scanno

    un triathlon offroad con 1.5 km di nuoto, 30 km in Mtb con percorsi nei boschi e su strade sterrate, salite e discese tecniche e 10 km di corsa, in un paesaggio che ben rappresenta le bellezze naturali dell’Abruzzo, con l'unicità del lago a forma di cuore.

    | Scopri di più

Scopri tutti gli eventi nei borghi
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turismo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi

Con il patrocinio di