Un dipinto misterioso, una trappola medievale e due fantasmi di dame affascinanti

 
CERCA PER ZONA

Le leggende della Dama in Nero e della Dama del Ponte Rosa di Garessio
Sun, 07 Jan 2018

Le leggende della Dama in Nero e della Dama del Ponte Rosa di Garessio

Nella sala da musica del Castello di Casotto, a Garessio, Cuneo, si può ammirare un dipinto attribuito a Van Dyck (o ad un membro comunque della sua scuola) raffigurante una dama, chiamato La Dama in Fiero (nero). Il dipinto, arrivato a Garessio dal castello torinese di Agliè, di magnifica fattura, gode di una strana fama. Una leggenda narra che in alcune notti, il fantasma della donna, vestita di un abito nero seicentesco, uscisse dal dipinto e si aggirasse per le sale del castello, predicendo disgrazie ai membri della famiglia reale che incontrava. Nell’Ottocento, quando il castello fu acquistato e srestaurato da Carlo Alberto di Savoia per farne la sua dimora estiva, il quadro non venne rimosso. C’è chi dice che possibilmente anche il reale piemontese ebbe la fortuna/sfortuna di incontrare la dama, e, quasi sicuramente, ad incontrarla fu la Principessa Maria Clotilde, la quale stanza da letto era situata in fianco alla sala da musica.

Completamente diversa, e molto più antica, è la storia della Dama del Ponte Rosa che vanta radici medievali. A quei tempi il borgo iniziava da Porta Rose e più precisamente da un castello di cui oggi resta solo una torre e alcune mura fortificatrici. Una leggenda narra che da una feritoia delle torri di quel castello, secoli or sono, una Dama gettò una rosa rossa ad un cavaliere nemico che stava transitando ai piedi della torre. Il cavaliere, ignaro e lusingato si inchinò per raccogliere il fiore ma venne trafitto da una freccia e cadde morente a terra. Il suo sangue fuoriusciva copioso confondendosi con il rosso dei petali del fiore che da ora il nome all’antica porta cittadina. C’è chi ipotizza che il fantasma della Dama del Ponte Rosa possa ancora vagare nei pressi della porta dove un tempo vi era il ponte levatoio.

Eventi a Garessio


Notizie correlate

Un piccolo giro tra i borghi di Pavese
Santo Stefano Belbo in Piemonte e Brancaleone in Calabria
By Marino Pagano
Con Sophia Loren, anche Cesare Cremonini è Cittadino Onorario di Maratea.
E' stato recentemente reso noto dal comune della "perla del Tirreno" che il cantautore Cesare Cremonini è stato nominato cittadino onorario
By Redazione
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
Il monte Mosiné: base aliena e terra di cupi misteri e leggende spirituali
Alle porte della Val di Susa, a pochi chilometri da Torino, si erge la montagna più misteriosa d’Italia, il monte Mosiné. Il luogo è celebre per i suoi innumerevoli avvistamenti di UFO e per le sue antiche leggende esoteriche.
By Pier olpato
I laghi di Avigliana tra misteri e fantasia
A qualche chilometro da Torino troviamo il comune di Avigliana, celebre borgo situato all’interno del Parco Naturale dei laghi di Avigliana, accanto alla palude dei Mareschi.
By Pier Volpato
10 cose da fare nei borghi italiani, all’insegna di grandi classici e inaspettate sorprese
Dieci cose da fare e da vedere nei borghi: un viaggio nella Penisola per vivere da protagonisti i luoghi italiani più preziosi e autentici, all’insegna di curiosità e opportunità
By Luciana Francesca Rebonato

Piú letti del mese

5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
Un viaggio alla scoperta di cinque località incantevoli arroccate nell’austerità della roccia del Belpaese
By Pier Volpato
Ricetta: Strangozzi al tartufo nero, eccellenza di Norcia
Una pasta artigianale, tipica dei borghi umbri e con il blasonato tartufo nero: uno dei fiori all’occhiello della gustosa gastronomia di Norcia, nel cuore della Valnerina
By Luciana Francesca Rebonato
5 borghi imperdibili dell’appennino tosco-emiliano
Fiumalbo, Compiano, Bagnone, Castelnuovo di Garfagnana e Coreglia Antelminelli, gioielli dell’appennino.
By Luca Sartori
Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani
Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
By Luciana Francesca Rebonato
Un itinerario lungo la Strada Romantica delle Langhe e del Roero tra borghi, castelli e vigneti piemontesi
La Strada Romantica delle Langhe e del Roero, un incantevole viaggio per vigne, borghi e castelli del Piemonte
By Pier Volpato
Salpa alla scoperta dei borghi più belli custoditi nel cuore della Sardegna
Un itinerario nel cuore del Mediterraneo, un viaggio alla scoperta di cinque tra i borghi più belli della Sardegna
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi