Mentre San Nicolò porta doni ai bambini buoni, i temibili Krampus incutono timore con campanacci e urla tra le città e i borghi dell’Alto Adige.

 
CERCA PER ZONA

La leggenda e le sfilate dei temibili Krampus

La leggenda e le sfilate dei temibili Krampus

I Krampus sono uomini caproni dalle lunghe corna appuntite. La loro pelle è ricoperta di una folta pelliccia di pecora, il volto è nascosto dietro una terrificante maschera di legno e vestono di stracci sporchi e trasandati. Il loro arrivo è preannunciato da violenti campanacci, da sinistri ghigni e urla agghiaccianti. I Krampus si aggirano per le strade con fruste e catene. La loro missione è di scatenare la loro ira contro chiunque incontrino sul loro cammino ma soprattutto sono alla ricerca dei bambini che sono stati cattivi durante l’anno, per punirli.

Un immagine d’epoca con Krampus e Nicolò intenti a far visita a delle dolci famiglie tradizionali
Un immagine d’epoca con Krampus e Nicolò intenti a far visita a delle dolci famiglie tradizionali

Infatti, a differenza di San Nicolò (l’origine del Babbo Natale moderno) che la notte del 5 dicembre distribuisce dolci e caramelle ai bambini buoni tra le vie dei paesi principalmente nell’arco alpino, i Krampus spaventano e incutono timore ai piccoli furfantelli.

Il loro nome potrebbe derivare dal bavarese “Krampn” (morto, putrefatto) oppure dal tedesco Kramp (artiglio).

Una leggenda narra che molto molto tempo fa, in un tempo di carestia, i giovani di alcuni paesini si travestissero con pelli di animali, corna e maschere per spaventare gli abitanti allo scopo di compiere razzie e derubarne le provviste. Col passare del tempo questi giovani si accorsero che tra di loro, dato che non toglievano mai le maschere, si nascondeva il diavolo stesso, riconoscendolo per gli zoccoli di caprone. Preoccupati e spaventati da questa presenza, i giovani chiesero aiuto a San Nicolò che attraverso un esorcismo liberò la zona dal maligno. I giovani si convertirono e invece di continuare a spaventare decisero di accompagnare il santo lungo la sua distribuzione di doni e viveri alla popolazione.

In gran parte dei paesi dell’alto adige, dal 5 dicembre, si può assistere a diverse sfilate durante le quali San Nicolò distribuisce doni, sorrisi e buone parole mentre tiene a bada i terribili Krampus fino al tramonto. Col calare della sera, quando il santo si ritira, gli uomini capra lasciano libero sfogo alla loro ira repressa, urlando, scampanando, spaventando e prendendo a frustate chi incontrano lungo la loro strada.


I Krampus a Castelrotto


Nella tradizione, l’arte di intagliare le maschere è antica e ne prevede due tipi: le “Larve”, ovvero maschere a bocca a spalancata con grandi denti aguzzi gocciolanti di sangue, e le “Maschere d’espressione”, ovvero maschere dalla bocca chiusa, non colorate, senza sangue e finemente cesellate. Gli artisti intagliatori impegano molto tempo, e molto impegno, nel creare le spaventose maschere dei Krampus e, in alcuni casi, questi terribili volti possono pesare anche 10 chili.

Un Krampus

Tra le curiosità notiamo che ci possono anche essere delle “Krampe” ma sotto la maschera si celano sempre e solo uomini. Infatti, solo gli uomini posso travestirsi da Krampus, maschi o femmine, ma solo se sono celibi. Un’altra peculiarità è che un Krampus non si toglie mai la maschera. Farsi vedere “smascherati” sembra rappresentare un grande disonore.

Alcune delle sfilate dei Krampus si possono trovare nei borghi, come a Mezzano (1 dicembre), Vipiteno (5 dicembre), a Glorenza (5 dicembre), a Chiusa (5 dicembre), a Campo Tures (8 dicembre) e a Castelrotto (9 dicembre).

Quindi, se quest’anno vi siete comportati bene, queste sfilate rappresentano, anche per voi, un appuntamento da non perdere.

Eventi a Castelrotto - Kastelruth


Notizie correlate

Giornata nazionale della lettura. Ecco cosa vi consigliamo di leggere...
La carta stampata sta lasciando sempre più posto al web: sfogliate la nostra rivista digitale 'e-borghi travel' e viaggerete tra i borghi più suggestivi comodamente con un dito!
By Redazione
Mettete dei fiori sui vostri balconi: Procida dà il benvenuto alla primavera
Anche quest'anno, il Comune del borgo marinaro campano invita gli abitanti ad abbellire cancelli, finestre e terrazze con piante ornamentali per celebrare l'inizio della bella stagione
By Redazione
Un piccolo giro tra i borghi di Pavese
Santo Stefano Belbo in Piemonte e Brancaleone in Calabria
By Marino Pagano
Con Sophia Loren, anche Cesare Cremonini è Cittadino Onorario di Maratea.
E' stato recentemente reso noto dal comune della "perla del Tirreno" che il cantautore Cesare Cremonini è stato nominato cittadino onorario
By Redazione
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
Il monte Mosiné: base aliena e terra di cupi misteri e leggende spirituali
Alle porte della Val di Susa, a pochi chilometri da Torino, si erge la montagna più misteriosa d’Italia, il monte Mosiné. Il luogo è celebre per i suoi innumerevoli avvistamenti di UFO e per le sue antiche leggende esoteriche.
By Pier olpato

Piú letti del mese

5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
Un viaggio alla scoperta di cinque località incantevoli arroccate nell’austerità della roccia del Belpaese
By Pier Volpato
5 borghi imperdibili dell’appennino tosco-emiliano
Fiumalbo, Compiano, Bagnone, Castelnuovo di Garfagnana e Coreglia Antelminelli, gioielli dell’appennino.
By Luca Sartori
Ricetta: Strangozzi al tartufo nero, eccellenza di Norcia
Una pasta artigianale, tipica dei borghi umbri e con il blasonato tartufo nero: uno dei fiori all’occhiello della gustosa gastronomia di Norcia, nel cuore della Valnerina
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani
Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
By Luciana Francesca Rebonato
Un itinerario lungo la Strada Romantica delle Langhe e del Roero tra borghi, castelli e vigneti piemontesi
La Strada Romantica delle Langhe e del Roero, un incantevole viaggio per vigne, borghi e castelli del Piemonte
By Pier Volpato
Salpa alla scoperta dei borghi più belli custoditi nel cuore della Sardegna
Un itinerario nel cuore del Mediterraneo, un viaggio alla scoperta di cinque tra i borghi più belli della Sardegna
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi