Una storia di bellezza, di tradimenti e di una truce invasione

 
CERCA PER ZONA

La leggenda della bella infedele di Carloforte

La leggenda della bella infedele di Carloforte

Sull'Isola di San Pietro, a nord del golfo di Palmas (Sardegna), nel borgo di Carloforte vi era una taverna nella quale lavorava una bellissima ragazza sui vent'anni, tanto bella da far innamorare ogni maschio che poneva il suo sguardo su di lei. Il suo sorriso ammaliava ed attirava sia giovani che vecchi ma consapevole della propria bellezza, la giovane rifiutava le proposte di matrimonio di gente del suo pari aspirando a ben più nobili pretendenti, senza disdegnare di far gli occhi dolci a chi le prestava attenzioni e senza mai impegnarsi con nessuno. Naturalmente questo andava a vantaggio del padre che vedeva accrescere il numero dei suoi clienti.

Un giorno, un giovane figlio di un barone cagliaritano arrivò sull'isola e, immancabilmente, si innamorò della giovane maliarda iniziando a corteggiarla. La giovane, venuta a conoscenza che il giovane era proprietario di diverse terre sull'isola, accetto le proposte amorose. La relazione tra i due era vista dagli abitanti della zona come una tresca e le male voci arrivarono fino alle orecchie del Barone, il quale andò a Carloforte per allontanare il figlio dall'isola.

La giovane donna pianse in disperazione per parecchio tempo ma poi decise di consolarsi con altri amori e, col tempo, la ragazza decise di maritarsi, anche con uno dei pretendenti finora rifiutati. Purtroppo, la sua relazione col giovane barone aveva scosso i pretendenti i quali non si lasciarono convincere dai suoi sorrisi o dalle sue moine.

Venne un giorno di burrasca e sull'isola approdò una barca. La barca, che era molto malridotta, necessitava di diversi giorni di riparazioni quindi il capitano, che era anche il proprietario dell'imbarcazione, ed il suo equipaggio presero alloggio nella cittadina.

Un uomo affascinante il capitano, abbronzato, con sguardo scuro, penetrante, dall'indole energica, indomito, quasi feroce ma che non seppe resistere alla bellezza della giovane taverniera, ed anch'essi se ne innamorò perdutamente.

Seppur messo in guardia dai membri del suo equipaggio circa le voci riguardanti i passati amorosi della ragazza, il capitano decise di chiederla in moglie ed il padre di lei acconsentì senza alcun dubbio. Dopo le nozze, ripensando alle parole della sua ciurma, il capitano disse alla giovane moglie:

"Ricordati sempre il giuramento che hai fatto oggi innanzi a Dio, se verrai meno anche a una sola di queste promesse!…"

La giovane impallidì ma venne rassicurata con la tenerezza di una carezza.

Fino al giorno della fine dei lavori sulla barca, ovvero prima di riprendere il mare, la coppia visse felicemente, ed il capitano si innamorava sempre di più della sua sposa. Venne così il momento di riprendere i viaggi per l'uomo di mare e il suo equipaggio. I viaggi non duravano quasi mai oltre il mese ma, al ritorno di uno di questi viaggi, il seme della gelosia stava trovando posto nella mente del capitano.

Al ritorno da un viaggio da Cagliari, dove il capitano aveva acquistato un prezioso regalo per la sposa, nella taverna di Carloforte non trovò la moglie ma il padre che gli disse che la ragazza era in visita ad un parente fuori dal villaggio e che sarebbe rincasata prima di sera.

Tornato alla nave scosso da mille dubbi, il capitano trovò a bordo un giovane il quale lo mise in guardia sul fatto che la sposa non era andata in visita ad un parente ma era invece andata ad incontrare il giovane barone. Incredulo, il capitano intimò al giovane di star zitto ma il questi disse che poteva accompagnarlo sul luogo per provare che ciò che disse era verità.

Prima di farsi convincere a seguirlo, il capitano minacciò severamente il giovane ma poi dovette ricredersi. Seguito il giovane e nascostisi dietro a un cespuglio, il capitano ebbe la prova dell'infedeltà della moglie. Sgomentato, tornò sulla nave e salpò verso il largo senza avvisare sulla sua destinazione o senza lasciare sue notizie a nessuno.

Passarono sei anni da quel giorno, quando, nel dicembre del 1798, alcune grossi navi da guerra si avvicinarono al lido e da queste ne sbarcarono più di mille tunisini che inziarono subito la loro opera di pirateria, saccheggio e violenza. Avidi di bottino e sangue, i tunisini a Carloforte sgozzarono persone, violentarono donne, depredarono abitazioni e negozi. Chi era così fortunato da aver salva la vita venne incarcerato e portato a bordo delle navi.

A guidare questa onda d'inferociti pirati era un uomo scuro, tenebroso, con la testa avvolta da un fitto turbante, che, accompagnato da folto seguito, si diresse verso la taverna della bella giovane. Entrò sfondando la porta e salì le scale fino alla stanza della donna, la quale guardava terrorizzata da sotto le sue coperte il numeroso gruppo di uomini che sembrava volesse assalirla da un momento all'altro.

Il silenzio venne rotto dalla voce del capo di quei pirati che, togliendosi il turbante e con voce tonante, disse:

"Tu dimenticasti il giuramento che facesti ai piedi dell’altare, tu mi tradisti e io sono tornato per vendicarmi."

La ragazza, presa ormai da un terribile panico, quasi impazzita, riconobbe il marito, il quale confermando la sua sete di vendetta lasciò la giovane donna alla selvaggia mercé dei suoi cento uomini.

Che sia davvero questa la vicenda che spinse il capitano Gian Samosa a chiedere al Bey di Tunisi navi e uomini per poter assaltare l'isola di San Pietro?

Foto di forum.gsgonnesa.it

Eventi a Carloforte

  • Sagra del Cus Cus Tabarchino
    25-04-2019 | Carloforte (CI)
    Sagre

    Aggiungi al tuo calendario 2019-04-25 2019-04-25 Europe/Rome Sagra del Cus Cus Tabarchino Carloforte

    Borgo di Carloforte

  • Festa patronale di San Pietro
    29-06-2019 | Carloforte (CI)
    Feste patronali

    Aggiungi al tuo calendario 2019-06-29 2019-06-29 Europe/Rome Festa patronale di San Pietro La devozione a San Pietro risale alle origini della colonia. Il culto per il santo protettore dei corallari e dei tonnarotti verteva attorno alla chiesetta delle Fontane. I festeggiamenti si concludono a sera con una suggestiva processione a mare e, successivamente, spettacolo pirotecnico a tempo di musica. La devozione religiosa svolse importante funzione per propiziarsi la benedizione divina nelle imprese di mare, data la forte tradizione marinara della popolazione, e nella calata della Tonnara, importantissima risorsa dei secoli passati, impresa a cui partecipava tutta la popolazione. Carloforte

    La devozione a San Pietro risale alle origini della colonia. Il culto per il santo protettore dei corallari e dei tonnarotti verteva attorno alla chiesetta delle Fontane. I festeggiamenti si concludono...

    Borgo di Carloforte

  • Crêuza de Mä. Musica per Film
    Dal 25-10-2019 Al 27-10-2019 | Carloforte (CI)
    Festival

    Aggiungi al tuo calendario 2019-10-25 2019-10-27 Europe/Rome Crêuza de Mä. Musica per Film Manifestazione trattante le musiche presenti nei film che si svolge a Carloforte. Essa fa parte dell'iniziativa "Le isole del cinema" che si compone di quattro manifestazioni tra cui "Pensieri e parole" (Asinara), "La valigia dell'attore" (La Maddalena), "Una notte in Italia" (Tavolara) e appunto "Crêuza de Mä", a Carloforte. Carloforte

    Manifestazione trattante le musiche presenti nei film che si svolge a Carloforte. Essa fa parte dell'iniziativa "Le isole del cinema" che si compone di quattro manifestazioni tra cui "Pensieri e parole"...

    Borgo di Carloforte | Scopri di più

  • Festa patronale della Madonna dello Schiavo
    15-11-2019 | Carloforte (CI)
    Ricorrenze religiose

    Aggiungi al tuo calendario 2019-11-15 2019-11-15 Europe/Rome Festa patronale della Madonna dello Schiavo La Madonna (una piccola statua in legno), probabilmente una piccola polena di un veliero portata sulla spiaggia dai marosi, fu trovata dal giovane schiavo tabarchino Nicola Moretto nella spiaggia di Nabeul, presso Tunisi il 15 novembre 1800. Il ritrovamento della "Madonnina Nera" fu accolto come un segnale divino dagli schiavi in terra d'Africa, ma soprattutto come esortazione e conforto per sopportare le tribolazioni e le persecuzioni. Portata nell'isola di San Pietro nella loro emigrazione dagli schiavi liberati, la Madonnina è rimasta un fortissimo simbolo di fede ma, al di fuori del significato strettamente religioso, anche di libertà e di forte unione solidale della comunità. La festa della Madonna dello Schiavo è senza dubbio quella più sentita dalla comunità carolina e da diversi anni questa festa si rinnova anche a Pegli l'ultima domenica di novembre. Alla Madonna dello Schiavo è dedicata la omonima chiesa ubicata in via XX Settembre, ove la statua è venerata. Carloforte

    La Madonna (una piccola statua in legno), probabilmente una piccola polena di un veliero portata sulla spiaggia dai marosi, fu trovata dal giovane schiavo tabarchino Nicola Moretto nella spiaggia di Nabeul,...

    Borgo di Carloforte


Notizie correlate

Giornata nazionale della lettura. Ecco cosa vi consigliamo di leggere...
La carta stampata sta lasciando sempre più posto al web: sfogliate la nostra rivista digitale 'e-borghi travel' e viaggerete tra i borghi più suggestivi comodamente con un dito!
By Redazione
Mettete dei fiori sui vostri balconi: Procida dà il benvenuto alla primavera
Anche quest'anno, il Comune del borgo marinaro campano invita gli abitanti ad abbellire cancelli, finestre e terrazze con piante ornamentali per celebrare l'inizio della bella stagione
By Redazione
Un piccolo giro tra i borghi di Pavese
Santo Stefano Belbo in Piemonte e Brancaleone in Calabria
By Marino Pagano
Con Sophia Loren, anche Cesare Cremonini è Cittadino Onorario di Maratea.
E' stato recentemente reso noto dal comune della "perla del Tirreno" che il cantautore Cesare Cremonini è stato nominato cittadino onorario
By Redazione
Quattro passi… in 4 borghi fortificati
Poker d’assi di borghi fortificati per andare alla scoperta della storia e delle curiosità. Leggende intrecciate ad arte e architettura, epopee medievali o rinascimentali che rivelano al visitatore tutta l’unicità di questi gioielli italiani
By Luciana Francesca Rebonato
Il monte Mosiné: base aliena e terra di cupi misteri e leggende spirituali
Alle porte della Val di Susa, a pochi chilometri da Torino, si erge la montagna più misteriosa d’Italia, il monte Mosiné. Il luogo è celebre per i suoi innumerevoli avvistamenti di UFO e per le sue antiche leggende esoteriche.
By Pier olpato

Piú letti del mese

5 tra i borghi più belli e caratteristici incastonati nella roccia
Un viaggio alla scoperta di cinque località incantevoli arroccate nell’austerità della roccia del Belpaese
By Pier Volpato
5 borghi imperdibili dell’appennino tosco-emiliano
Fiumalbo, Compiano, Bagnone, Castelnuovo di Garfagnana e Coreglia Antelminelli, gioielli dell’appennino.
By Luca Sartori
Ricetta: Strangozzi al tartufo nero, eccellenza di Norcia
Una pasta artigianale, tipica dei borghi umbri e con il blasonato tartufo nero: uno dei fiori all’occhiello della gustosa gastronomia di Norcia, nel cuore della Valnerina
By Luciana Francesca Rebonato
Ricetta: Génépy, il liquore forte e deciso e dei borghi valdostani
Artemisia weber e artemisia glacialis. Sono le piantine di montagna d’alta quota che, insieme, danno origine al Génépy: un liquore dal sapore alpino, una prelibatezza da conoscere e saper preparare
By Luciana Francesca Rebonato
Un itinerario lungo la Strada Romantica delle Langhe e del Roero tra borghi, castelli e vigneti piemontesi
La Strada Romantica delle Langhe e del Roero, un incantevole viaggio per vigne, borghi e castelli del Piemonte
By Pier Volpato
Salpa alla scoperta dei borghi più belli custoditi nel cuore della Sardegna
Un itinerario nel cuore del Mediterraneo, un viaggio alla scoperta di cinque tra i borghi più belli della Sardegna
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi