Il borgo di Angera e la sua maestosa rocca si trovano sulla sponda sud-orientale del Lago Maggiore.

 
CERCA PER ZONA

Angera
Una favola sulle sponde del lago

Comune di Angera
Provincia di Varese
Regione Lombardia

Abitanti: 5.583
Altitudine centro: 205 m s.l.m.

il Comune fa parte di:
Autorità di bacino lacuale dei laghi Maggiore, Comabbio, Monate e Varese

Comune di Angera
Piazza Garibaldi 14 - Angera (VA)
Tel. +39 0331 930168

AngeraTurismo

I Lova Angera

Pro Loco Angera
Piazza Garibaldi 14 - Angera (VA)
Tel. +39 0331 960207

Reperti ceramici insubri tardo celtici testimoniano una continuità di insediamento a partire almeno dal II secolo a.C. Tra II e I secolo a.C. iniziano a diffondersi nella zona sempre più numerosi reperti romani che testimoniano l'avvenuta romanizzazione dell'area. Nel 49 a.C. anche gli abitanti Angera (Ingera in dialetto varesotto), come tutte le popolazioni che abitavano il territorio a Nord del Po, divennero cittadini romani a pieno diritto. In seguito il borgo conobbe un forte sviluppo commerciale con lo sfruttamento dell'insenatura naturale di Angera come porto lacuale di scambio per le merci trasportate via acqua lungo Po, Ticino e Verbano, e i prodotti che vi giungevano via terra grazie alla Via Mediolanum-Verbannus: da qui si potevano raggiungere i passi alpini della Novena, del Lucomagno, del San Gottardo, dello Spluga e del San Bernardino. Angera era infatti, in epoca romana, un importante porto fluviale che metteva in collegamento la Gallia Cisalpina con la Rezia.

Dal villaggio iniziarono a partire dall'età romana i blocchi di pietra di Angera e il legname dei boschi dell'Alto Verbano, utilizzati sicuramente per la costruzione di importanti edifici milanesi e del territorio. Non vi è certezza sul nome del villaggio di età romana; l'identificazione con il villaggio Sebuinus citato su un basamento scultoreo ospitato nel lapidario della Rocca, è solo una ipotesi, anche perché non si conosce l'esatta provenienza di tale basamento nell'ambito delle estese proprietà borromaiche. Il nome più antico, testimoniato da fonti del X secolo, è quello di Statio, che sembra indicare il ruolo di porto e stazione commerciale svolto da Angera in epoca antica. Il nome muterà nel primo medio evo in Angleria, di non sicura etimologia, ma molto probabilmente derivante dalla contrazione di Ad Glaream ovvero "presso la ghiaia", presente abbondantemente nel terreno alluvionale dove sorgeva il nucleo principale.

Nel Medioevo Angera era a capo di una Pieve che comprendeva paesi delle due sponde del lago. Sul suo territorio, nel 1300, si contavano 20 edifici religiosi. La storia di Angera va però letta anche in chiave militare. Almeno dall'XI secolo al posto dell'attuale Rocca di Angera si trovava una struttura fortificata che poi divenne proprietà degli arcivescovi di Milano. Nel Duecento la struttura passò in mano alla famiglia Visconti, che la trasformò in una maestosa fortezza, in posizione dominante su tutto il paese. Nel 1449 fu acquistata dalla famiglia Borromeo, attuale proprietaria. Angera assunse titolo di Città nel 1497, per nomina di Ludovico il Moro.

La storia di Angera è narrata nel Civico Museo Archeologico, sito in via Marconi 2, nel centro del Borgo antico. Il museo è situato in una bella palazzina quattrocentesca con portico colonnato. La Rocca Borromea di Angera è uno dei principali punti di interesse di Angera. Si può visitare e ospita il Museo della Bambola, una collezione di oltre mille pezzi tra le più ricche d'Europa, completata di recente dall'acquisizione di preziosi automi francesi, tutti funzionanti. In un'altra ala del castello si trova il Museo dell'Abbigliamento infantile con capi raccolti tra l'Ottocento e la metà del Novecento. A livello del lago, la passeggiata "Allea" offre fantastici tramonti e un ampio spazio sul lungolago. Altro luogo di interesse è senz'altro l'Oasi della Bruschera e l'isolino Partegora, zona protetta ove si possono scorgere fauna e flora caratteristici del lago Maggiore.

Video di Esplora il Lago Maggiore

Altre destinazioni nelle vicinanze

Orta San Giulio
Orta San Giulio
Novara - 12.67 KM da Angera
Laveno
Laveno
Varese - 15.66 KM da Angera
Castiglione Olona
Castiglione Olona
Varese - 22.5 KM da Angera
Castelseprio
Castelseprio
Varese - 22.66 KM da Angera
Cannobio
Cannobio
Verbano-Cusio-Ossola - 33.51 KM da Angera

NOTA: le distanze espresse sono in linea d'aria.

Piú letti del mese

Conoscete Oriolo, la 'Matera calabrese'?
Conoscete Oriolo, la 'Matera calabrese'?
Alla scoperta di un piccolo borgo medievale in provincia di Cosenza che non ha nulla da invidiare alla Città dei Sassi
By Redazione
Ricetta: la paella algherese
Ricetta: la paella algherese
Un'ottima rivisitazione sarda di un primo piatto tipico spagnolo
By Redazione
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Bellagio, il borgo preferito dai big della storia
Tanti grandissimi personaggi del passato hanno soggiornato nella 'perla del Lago di Como'. Ecco chi erano...
By Joni Scarpolini
Arnosto, il villaggio delle fiabe che vuole diventare una splendida realtà turistica
Arnosto, il villaggio delle fiabe che vuole diventare una splendida realtà turistica
Ai piedi delle Alpi Orobiche c'è un piccolo borgo in pietra che entro il prossimo anno diventerà un centro di promozione e animazione culturale
By Redazione
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Bomarzo come Giza: alla scoperta della piramide nascosta
Nel Parco dei Mostri, vicino al borgo laziale, tra le gigantesche sculture mitologiche sorge un reperto dalla provenienza ancora misteriosa...
By Redazione
Ad Arrone arriva la realtà aumentata
Ad Arrone arriva la realtà aumentata
Il borgo medievale umbro si apre al turismo multimediale, un progetto innovativo che permetterà ai visitatori di ripercorrere la storia del paesino attraverso tecnologie avanzate e l'ausilio di una app
By Redazione
e-borghi travel - la rivista per chi ama viaggiare tra borghi e turisimo slow

Sfoglia gratuitamente e-borghi travel, la tua nuova rivista di viaggi


Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, null given in /web/htdocs/www.e-borghi.com/home/borgo.php on line 2699